ASD CSK Keishin Dojo - Karate Shotokan

Il Centro Studi Karate Kei Shin Dojo è una Associazione Sportiva Dilettantistica che si propone di

Normali funzionamento

Photos from ASD CSK Keishin Dojo - Karate Shotokan's post 16/10/2023

Tornati ad indossare il gi, siamo tornati anche a praticare con costanza i kata e le loro applicazioni, oltre al sempre salutare kihon.

Photos from ASD CSK Keishin Dojo - Karate Shotokan's post 04/10/2023

Con il proseguire delle lezioni gli allenamenti di potenziamento (o, meglio, per rimettersi in forma) lasciano sempre più lo spazio ad allenamenti tecnici. Applicazioni varie di kata, kihon e kumitè standardizzati

Photos from ASD CSK Keishin Dojo - Karate Shotokan's post 26/09/2023

Ancora in regime di magliettina, la lezione di venerdì scorso si è articolata in due blocchi. Nel primo abbiamo allenato il corpo tramite le contrazioni isometriche del Chi-Kung, nel secondo i kata sentei a seconda del colore della cintura.

Photos from ASD CSK Keishin Dojo - Karate Shotokan's post 21/09/2023

Ieri bastone e carota. La carota era il Taikyoku Shodan e il bastone era il Tekki Shodan, 5 ripetizioni alternate, con pesi su polsi e caviglie e le posizioni tenute singolarmente anche per 10 secondi ognuna. Ovviamente dopo un'ora di altri esercizi😀

Photos from ASD CSK Keishin Dojo - Karate Shotokan's post 18/09/2023

Come tutti gli anni al Keishin Dojo, le prime settimane di una nuova stagione vengono impegnate in esercizi a corpo libero e con attrezzi, intervallati all'esecuzione "a solo" di tecniche base o di kata sh*tei (i fondamentali). Lo scopo è quello di far riprendere al corpo quella forma fisica che in genere si perde durante il mese di Agosto, ma il fine ultimo è sempre quello di migliorare nella pratica della nostra Arte. Un'Arte, il Karate-do, che, se vogliamo, ci accompagnerà per tutta la vita.. anche nella quotidianità, tra lavoro, famiglia e i tanti impegni che ci riempiono le giornate fuori dal dojo.

08/09/2023

Abbiamo ripreso le lezioni, venite a trovarci! Per un karate-do serio e funzionale.

29/07/2023

Ciao a tutti questa sera si è svolta l'ultima lezione dell'anno karate . Le lezioni riprenderanno il 6 settembre Buone vacanze a tutti dal Sensei🥋👊🏻☺️

KASE Sensei en 1988 à COUBERTIN Chinte Kumite Kata 13/07/2023

Il Kata, “Forma”, è uno degli aspetti che definisce le arti giapponesi. La sua pratica è comune in tutte le arti marziali giapponesi che condividono il suffisso Do, “Via”, ma anche in altre forme di arte non marziale come l’arte della calligrafia, Sho-do, o l’arte del tè, Cha-do.

Si tratta di una composizione codificata di gesti e movimenti che, nelle arti marziali tradizionali, ha la pretesa di tramandare tecniche, tattiche e strategie volte all’applicazione in un contesto di difesa personale.

Un combattimento reale contro più avversari immaginari, lo definì un tempo qualcuno, ma basta osservare l’esecuzione di un kata qualsiasi per rendersi presto conto che la sua applicazione in un contesto di difesa personale è semplice follia.

Eppure si tramanda da secoli, si studia, si modifica e, soprattutto, si interpreta.
Sì perché il kata può essere interpretato e la sua interpretazione prende il nome di Bunkai che, letteralmente, significa “Scomporre”. A dire il vero sono stati evoluti tre approcci a questo esercizio di interpretazione che, in alcuni casi, vengono indicati come Shu, Ha e Ri.

Shu significa “Esteriore” ed è il livello interpretativo base, dove ogni tecnica è esattamente quello che sembra e che viene tramandato dalla tradizione. E’ questo il livello dove si manifesta la non applicabilità del kata in un contesto reale. D’altra parte il suo studio costituisce un esercizio fisico non indifferente, capace di introdurre li nuovo karateka alla pratica della respirazione, del ritmo, della distanza e, ovviamente, dell’esecuzione della tecnica a vuoto.

Ha significa “Interiore”, ma anche “Spezzare”. Si rompe la superficie esteriore del kata per studiare ciò che è nascosto al suo interno. Gli unici limiti di questo approccio sono quelli che si pone il Maestro nell’esercizio dell’interpretazione del kata. E’ a questo livello, secondo alcune interpretazioni, che i kata diventano veramente espressione di una secolare tradizione militare utile anche in un contesto reale. Probabilmente ogni Maestro, nel suo dojo, lavora per estrapolare dal kata la sua personale interpretazione di questa o quella tecnica o sequenza di tecniche. Un’interpretazione che rispecchia la sua cultura ma anche le sue esperienze. In tempi moderni sono molti i Maestri che hanno dato contributi importanti, se non fondamentali, in questo ambito di studio.

Il terzo livello, Ri, che significa “Separare”, ha spesso un’interpretazione trascendentale, dove il kata assume anche il ruolo di strumento per la meditazione e, più in generale, per migliorare se stessi oltre i consueti limiti fisici del corpo. E’ il livello che tende a sviluppare il “Vuoto” cognitivo, forma superiore di consapevolezza di se stessi e dell’ambiente circostante come viene auspicato dal Karate-do (dove Kara significa, appunto, “vuoto”). Al Keishin Dojo, pur nella consapevolezza dei limiti della nostra pratica, si tenta di approcciare anche a questo livello interpretativo del kata e per farlo pratichiamo, come ieri sera, alcune forme di meditazione. L’esecuzione di un kata dopo mezz’ora di meditazione è sicuramente un’esperienza che arricchisce e fornisce spunti interpretativi oltre la difesa personale.

KASE Sensei en 1988 à COUBERTIN Chinte Kumite Kata Une exclusivité, le Kata Chinte en Kumite kata, filmé par mes soins en 1988 à Coubertin. Signalons la présence de son assistant, le fidèle des fidèles que no...

12/07/2023

E non ci facciamo mancare neanche la pizza di fine anno!

10/07/2023

E tra un allenamento estivo e l'altro, arrivano anche le nuove magliettine.
Perfette per questi giorni in cui facciamo quasi esclusivamente ginnastica... ma sempre finalizzata al nostro karate!.

15/10/2022

Continua lo studio delle basi, questa volta con il gi e maggiore sincronizzazione.

24/09/2022

Con la ripresa delle lezioni al Keishin Dojo, diamo le benvenute a due nuove allieve piene di voglia di fare e di mettersi in gioco.
OSU

Photos from ASD CSK Keishin Dojo - Karate Shotokan's post 31/07/2022

Venerdì si è concluso anche questo (difficile) anno di karate-do. Complimenti a chi ha superato l'esame ma anche a chi non lo ha superato, perchè comunque sono stati riconosciuti il grande impegno ed i miglioramenti... semplicemente serve un po' più di tempo.

L'inizio del nuovo "anno accademico" sarà mercoledì 7 settembre, sempre al Garden Gym. Ci vediamo quel giorno e, nel frattempo, buona estate a tutti!

15/05/2022

Il Karate è fatto, tra l'altro, di rotazioni. Dell'anca, del pugno, delle braccia, della testa... bisognerebbe allenarle sempre, in ogni tecnica, ma a volte è utile fare allenamento specifici.

03/04/2022

Scriviamo poco ma ci siamo, ci siamo sempre stati. Le restrizioni per il COVID-19 stanno, progessivamente, diminuendo (e speriamo che vada avanti così), ma al Keishin Dojo non ci siamo mai fermati, sempre nel rispetto degli spazi altrui e in conformità con le regole ed i suggerimenti volti a limitare il diffondersi della pandemia.

Solo ultimamente (dopo due anni!) abbiamo ripreso esercizi di contatto ma, nel frattempo, abbiamo allenato il kihon singolo, tanto i kata, e giocato con l'uno e con l'altro andando a mischiare e a confondere i due aspetti producendo risultati, a nostro avviso, sempre interessanti e vari.

Qui sotto, un esempio, svolto dal nostro Maestro. Riuscite a riconoscere i kata nascosti al suo interno?

11/11/2021

Con grande dolore apprendiamo della scomparsa del Maestro Francesco Romani. Sentite condoglianze da parte del Keishin Dojo.

09/10/2021

Ringraziamo il Maestro Peter W. Lloyd per la lezione tenuta ieri sera al Keishin Dojo. Come sempre si è trattato di una occasione speciale nella quale il Maestro ha condiviso con noi alcuni esercizi per farci crescere nella Via del Karate ma anche per conoscere meglio noi stessi.

Nell'ora e mezza di allenamento, dopo un riscaldamente, il Maestro ci ha allenato all'uso delle anche come motore di tutto il corpo, partendo prima con delle tecniche base in piedi per passare a combinazioni accompagnate da spostamenti e in varie direzione.

Anche aperte, anche chiuse e, infine, la famosa vibrazione. Prima senza l'aiuto delle braccia, poi con le tecniche di braccia per poi ripetere il ciclo ancora e ancora, in modo da assaporare le diverse risposte del corpo a seconda dell'esercizio e con il progredire del tempo e della consapevolezza.

Quindi la lezione si è spostata su quello che, forse, è il kata principe per lo studio della vibrazione delle anche, il Tekki Shodan, eseguito nella versione classica in chiba-dachi, in sanchin-dachi e in posizione ancora più corta, ogni volta approfondendo le sensazioni dell'uso del corpo nelle varie circostanze.

Infine abbiamo eseguito dei kata, ognuno per il proprio livello, concentrandoci sempre sull'uso particolare delle anche che ognuno proponeva: Heian Nidan, Bassai-dai e Gankaku.

E siamo tornati a casa più ricchi e soddisfatti.

28/08/2021

Al via il nuovo anno del corso di Karate Shotokan con il maestro Sandro Della Ciana, dal 03 settembre, tutti i mercoledì e i venerdì dalle ore 21.00 alle ore 22.30.
Dal 14 settembre dalle ore 17.00 alle ore 18.00, tutti i martedì e i giovedì, sarà attivo anche il corso bambini sempre sotto la direzione del maestro Sandro Della Ciana.

Photos from ASD CSK Keishin Dojo - Karate Shotokan's post 06/09/2020

Buona la prima!
Venerdì 4 Settembre il Keishin Dojo ha ripreso le lezioni, con le dovute precauzioni per assicurarci di allenarci in completa sicurezza!
Rientriamo con una lezione interamente concentrata sulle tecniche base, kihon e Kata compresi. Posizioni/percosse/calci/parate da rispolverare dopo il mese di stop!
Il tutto condito sempre dal nostro Spirito!
Osu 🙏🏻🥋

18/06/2020

Con la riapertura delle lezioni, riprendono anche gli speciali domenicali. Domenica 21, allenamento avanzato su principi e metodologie di allenamento volte a sviluppare un karate efficace.

ATTENZIONE!!! per garantire la distanza sociale, i posti liberi sono pochissimi!

11/06/2020

In piena osservanza delle direttive per il contenimento della pandemia, siamo lieti di annunciare che il corso di Karate-do Shotokan Tradizionale, condotto dal Maestro Sandro della Ciana, è ripreso alla Palestra Universal Gym.

Le misure di contenimento impongono assenza di contatto e una distanza minima di salvaguardia... ma la studio del karate può comunque essere portato avanti.

Nel video mostriamo un frammento di allenamento volto a prendere consapevolezza della contrazione e decontrazione della tecnica, in modo da renderla più naturale e più efficace, da sola e in combinazione.

Osu

Photos from Yoi's post 07/06/2020
26/04/2020

April 26, 1957 - April 26, 2020
Today, 63 years ago, the founder of Shotokan-Ryu Karate-Do Gichin Funakoshi died. His most famous students were Hironori Ohtsuka, Yasuhiro Konishi, Masatoshi Nakayama, Taiji Kase, Tsutomu Ohshima, Hidetaka Nishiyama and many others.

Photos from ASD CSK Keishin Dojo - Karate Shotokan's post 23/04/2020

Il 21 aprile ci ha lasciati il Maestro Teruyuki Okazaki, 10° Dan, uno degli ultimi esponenti della prima generazione di maestri che hanno diffuso lo stile Shotokan nel mondo. Nato nel 1931, diretto collaboratore del Maestro Funakoshi e del Maestro Nakayama, contribuì all'organizzazione dei corsi istruttori JKA(tra i primi laureati il M.°Kanazawa) e alla fondazione dell'ISKF.
Lo ricordiamo con le immagini dello stage a cui avemmo la fortuna di partecipare nel 2008.
Osu Sensei.

24/03/2020

Negli ultimi mesi abbiamo assistito, con un misto di speranza, una certa aspettativa ma anche con un poco di preoccupazione, all'ingresso del CONI, attraverso la federazione unica nazionale FIJLKAM, nel tessuto dello CSEN per quanto riguarda l'ambito delle arti marziali.
Speranza in quanto non può che far piacere essere parte integrante del maggior organismo nazionale di controllo e gestione dello sport ed essere quindi, in qualche modo, riconosciuti da esso anche se solo come una entità amatoriale. A dire il vero lo CSEN già era riconosciuto dal CONI, ma gli sviluppi degli ultimi mesi lasciavano intendere una maggiore attenzione da parte della FIJLKAM.
Un poco di preoccupazione perchè, come associazione assolutamente amatoriale di karate shotokan tradizionale, una maggior presenza della federazione nazionale avrebbe potuto portare a delle ingerenze nel nostro personalissimo percorso marziale.
D'altra parte le speranze erano maggiori delle preoccupazioni in quanto lo CSEN rimane un ente di promozione e la FIJLKAM, da parte sua, ha nel tempo riconosciuto dignità al karate tradizionale, cosa che si è compiuta nel protocollo di intesa con la FIKTA del M° Shirai.

Con il realizzarsi del connubio CSEN/FIJLKAM, però, stiamo vedendo materializzarsi le nostre preoccupazioni. Lo CSEN, infatti, sta facendo pressione affinchè le società che ne fanno parte seguano in modo stringente (o, comunque, più stringente che nel passato) i suoi regolamenti e le sue normative. Ovviamente si tratta di un procedimento che, in molti casi, ci pare giusto e corretto come, ad esempio, la registrazione tramite form on-line delle società, cosa che comporta una standardizzazione ed un controllo che non possono che fare bene a tutti coloro che fanno parte di queste associazioni. In altri casi troviamo questo atteggiamento lesivo della libertà, di ogni associazioni, di fare ciò che ritiene più opportuno, sempre nel rispetto delle libertà altrui e dei principi cardine dello sport.

E' quest'ultimo il caso delle associazioni dilettantistiche sportive come la nostra. Chi ci segue sa che siamo un gruppo abbastanza ristretto, ma molto appassionato, di amatori che praticano karate tradizionale. Si tratta di un certo tipo di karate che trae origine, in Italia, da quell'arte portata dal Maestro H. Shirai negli anni '60 e che, da allora, ha visto tante evoluzioni, fino a divenire il Karate sportivo praticato dalla FIJLKAM. Noi non siamo qui a dire quale karate è meglio e quale è peggio: in fondo, addirittura ogni singolo Maestro fa il suo karate e, nonostante l'etichetta, ogni dojo è unico e ben distinguibile dagli altri. Quello che vogliamo qui sottolineare è che il nostro karate è diverso e, come associazione sportiva dilettantistica, vorremmo avere la libertà di praticarlo. Eppure partecipare a stage e/o a gare sembra essere diventato obbligatorio per il passaggio di grado (a partire da certi gradi) e per il conseguimento dei titoli (allenatore, istruttore, maestro).

Qualcuno potrebbe suggerirci diverse alternative, come ad esempio quella di non fare parte di alcuna organizzazione, oppure di farne una propria. Il problema è che ci sono obblighi, come quello dell'assicurazione, che come singola entità ci risultano ben difficili da ottemperare. Non per ultimo noi, nell CSEN, fino ad ora siamo stati bene: gli obblighi di cui dicevo sopra non erano tali e c'era sempre la possibilità, facendo parte di un grande ente, di incontrare e confrontarsi con tanti altri appassionati. Semplicemente non erano obblighi, ma opportunità, e ci dispiace che i primi stiano diventando i secondi.

L'intenzione, quindi, è quella di rimanere nello CSEN e di capire, insieme, se possono esserci possibilità per portare, in seno all'organizzazione, il nostro karate, seguire corsi e stage (non gare) sugli aspetti del karate che a noi interessano ed affrontare gli esami sugli argomenti e nei modi che si allenano nel nostro dojo, giudicati dal nostro maestro. Se, poi, la proposta potesse risultare interessante ad altri gruppi o palestre, allora si potrebbe estenderla, creando una comunità di karate Shotokan dedicata specificatamente alla sua versione tradizionale.

19/03/2020

adesso che siamo tutti forzatamente confinati in casa, bisogna trovare il modo di praticare anche tra le nostre quattro mura. anche eseguire dei kihon di tecniche base lentamente, anche sul posto, curando posizione e respirazione può essere utile a mantenere l'allenamento.
se poi avete spazio...ci sono i kata ovviamente.
osu.

01/01/2020

Pochi ma buoni, per l'ultima lezione dell'anno, anche se in extremis auguriamo a tutti una buona fine ed un buon inizio, ricordando uno degli insegnamenti più importanti del niju kun:

Karate Wa Yu No Gotoku Taezu Netsu O Atae Zareba Motono Mizuni Kaeru
Il karate è come l'acqua calda, occorre riscaldarla costantemente o si raffredda.

OSU

Timeline Photos 24/12/2019

Il Keishin Dojo augura a tutti Buone Feste 🙏🏻

Kase sensei throwing techniques Pt2 30/11/2019

Il Maestro Kase dimostra alcune tecniche di proiezione.Parecchi passaggi poco chiari dei Kata superiori trovano qui un'applicazione chiarissima e spettacolare.

Kase sensei throwing techniques Pt2 Kase sensei teaching kata bunkai in Edinburgh 1994

Sensei Hiroshi Shirai-Kata Hangetsu 17/11/2019

Nell'insieme dei kata di karate tradizionale Shotokan, Hangetsu sembra un pesce fuor d'acqua.
L'ultimo dei kata sentei (avanzati), è diverso da tutti gli altri che lo hanno preceduto e solo raramente se ne trovano dei tratti nei kata che lo seguiranno.
Sin dalle prime tecniche il kata mostra tutte le sue peculiarità, sia per la posizione adottata, l'ambigua hangetsu-dachi (posizione a mezza luna, dalla quale il kata prende il nome), sia per l'uso estremo che si fa della respirazione (respirazione ibuki).
A ben vedere, nell'Hangetsu è esplicita la sua discendenza dal karate di Naha (Naha-te) rispetto a tutti gli altri kata Shotokan (principalmente di origine Shuri-te con contaminazioni Tomari-te) e non ci deve stupire, quindi, se un suo analogo è praticato nello stile Goju-ryu, con il nome di Sanchin, dove, anzi, è uno dei kata fondamentali.

L'Hangetsu è un kata assolutamente non spettacolare per i profani del karate. Questa sua caratteristica lo rende molto poco usato (per niente?) nelle gare di karate sportivo, il che potrebbe portare alla sua "estinzione". Eppure si tratta di un vero e proprio tesoro (cit.) che vale la pena conservare e tramandare.

Nell'affrontare lo studio del kata, uno degli aspetti fondamentali è proprio quello della posizione e della respirazione. Non si tratta di due concetti separati: l'hangetsu-dachi è costruita proprio in modo da facilitare il praticante a praticare la respirazione ibuki. Si tratta di una respirazione ventrale, dove il movimento dell'aria nel corpo segue consapevolmente la direttrice naso-stomaco per accumularsi, appunto, in prossimità del ventre, nell'hara, il centro dell'essere umano. Contemporaneamente la sezione del corpo sotto la cintura, nel mantenere la posizione, si sviluppa in una tensione che, dalle caviglie, sale fino ai glutei, andando a costituire una struttura solida, ben radicata sul terreno (attenzione a tenere tutta la pianta del piede a contatto col pavimento) che, però, tende anch'essa verso l'hara. Sezione superiore (grazie alla respirazione) e sessione inferiore (grazie alla postura) si incontrano, quindi, al centro del corpo, all'altezza della vita (nome non a caso!), quasi a formare una sfera di energia pronta ad essere scaricata. Scusate la metafora forse un po' troppo alla Dragon Ball ma, effettivamente, è una sensazione che, a forza di praticare, si prova.

Già questo sarebbe sufficiente a fare del kata quel tesoro che dicevo prima... ma c'è di più.
Poco prima del primo kiai incontriamo, anche qui per la prima volta, l'ippon-ken: un pungo "modificato" con la seconda nocca dell'indice sporgente. Il kata sottolinea la formazione di questo pugno con molta enfasi, continuando ad utilizzare il ritmo lento e cadenzato dell'inizio. Questo è vero anche con le tecniche subito successive: choku-zuki (due pugni paralleli), yama-gamae (la guardia della montagna, dove l'ippon-ken è sostituito da più classiche mani aperte) e soku gedan barai (doppia parata bassa, sempre a mani aperte) per poi risolversi, infine, nel primo e liberatorio kiai dove, con uno scatto, si gira su se stessi ad applicare un doppia parata (?) a mani aperte. Ebbene, le interpretazioni di questa sequenza sono le più disparate e fantasiose. Quella che qui ci piace sottolineare è l'interpretazione che vede, a partire dall'utilizzo dell'ippon-ken, lo studio del kyusho-jitsu, ovvero di quella specializzazione che vuole raggiungere la massima efficacia, in un contesto di combattimento reale, colpendo i punti del corpo dove sono posizionati i nervi, provocando momentaneamente paralisi degli arti, grande dolore o, addirittura, svenimenti. Non scordiamoci, infatti, che il karate è secializzato negli atemi, il che non significa solo saper ti**re bene una tecnica, ma anche sapere "quando" e "dove" tirarla.

Il kata, prosegue, con drill vari che sfruttano il movimento dell'uchi-uke in un crescendo di complessità fino ad arrivare a tecniche di calcio più classiche, che ricordano analoghi tratti di Kanku, e un'ultima tecnica di calcio più simile ad una spazzata, anche se tirata ad altezza media.
L'hangetsu si chiude con un'ultima tecnica molto particolare: uno scivolamento all'indietro, con chiusura in neko ashi-dachi, e le mani aperte ma unite ai polsi, dirette verso il basso. Che anche quest'ultima tecnica, invece che l'interpretazione base della parata di un calcio diretto, possa sighificare altro?

OSU

https://www.youtube.com/watch?v=vA3OmWY0pOc

Sensei Hiroshi Shirai-Kata Hangetsu

13/10/2019

Il Keishin Dojo è anche su Instagram ora! Seguiteci su keishindojoroma per aggiornamenti, video e foto! Grazie a tutti per il vostro supporto!
Osu!

02/10/2019

Scambi a comando di fine lezione.

Ad un mesetto dalla ripresa del corso, abbiamo fatto poche magliettine e tanto karate col gi.
Ripasso delle basi e dei kata, ognuno fino a dopo poteva arrivare in considerazione del grado.
Qualche nuovo arrivato, assolutamente benvenuto, sia tra le cinture basse che quelle alte.

Insomma, buon Karate!

12/09/2019

Ricordiamo a tutti i nostri follower che MERCOLEDI 18 SETTEMBRE ALLE 17:00 riprenderà il nostro CORSO PER BAMBINI E BAMBINE di Shotokan Karate Tradizionale tenuto da Elisa Fedeli e coordinato dal Maestro Sandro dellla Ciana. Ogni Mercoledi e Venerdi alle ore 17:00 presso la Universal Gym.
VI ASPETTIAMO PER UNA PROVA!
Osu.

02/09/2019

Mercoledì 4 riprendono le lezioni al Keishin Dojo.

Non stupitevi se ci vedrete con indosso la maglietta invece che il gi: il primo passo per un buon karate è prestare attenzione alla salute e alla forma fisica... e recuperare così gli stravizi culinari delle ferie :)

05/08/2019

Ricordiamo a tutti i nostri follower che a Settembre riprenderà anche il nostro CORSO PER BAMBINI E BAMBINE di Shotokan Karate Tradizionale tenuto da Elisa Fedeli e coordinato dal Maestro Sandro dellla Ciana. Ogni Mercoledi e Venerdi alle ore 17:00 presso la Universal Gym.
Buone vacanze a tutti!
Ci vediamo a SETTEMBRE!
Osu.

02/08/2019

Il Keishin Dojo augura a tutti buone vacanze estive! Termina un altro anno di studi e di lezioni impegnative, salutiamo chi, ahimè, ci lascia e diamo il benvenuto a chi si è unito alla nostra famiglia quest’anno!
Ricordiamo a tutti che riprenderemo le lezioni MERCOLEDI 4 SETTEMBRE ore 21:00 presso l’Universal Gym.
Ringraziamo in fine tutti i nostri allievi e tutti voi che ci seguite!
Osu!

26/07/2019
Vuoi che la tua scuola/universitàa sia il Scuola/università più quotato a Rome?

Clicca qui per richiedere la tua inserzione sponsorizzata.

Il Keishin Dojo - La sua Storia, la nostra Storia

Il Keishin Dojo (Dojo della Forma e dello Spirito) affonda le sue radici nella storia del Karate a Roma. Fondato nel 1998 dal Maestro Sandro della Ciana (7° Dan), è l'erede nel Kenshinkan dei Maestri Peter W.Lloyd e Marco Tosatti che, nato nel lontano 1970, all'epoca rappresentava la prima espressione del Karate Shotokan a Roma*. Karateka di scuola Shirai, i due Maestri presero strade diverse (pur rimanendo professionisti dello Shotokan) fino a quando, nel 1981, la conduzione del Dojo fu lasciata al Maestro della Ciana, allievo del Kenshinkan dal 1973.

Da allora il Kenshinkan, poi ribattezzato Keishin Dojo, è stato sempre un punto di riferimento per i karateka tradizionalisti di Roma, richiamando tra le sue mura atleti provenienti anche dall'estero e organizzando stage con importanti artisti dello Shotokan. Decine (centinaia?) sono stati gli allievi del Maestro della Ciana negli anni e numerosi i luoghi fisici che hanno ospitato il Dojo nel tempo, da Vigna Clara alla Flamina 7, passando per la Juvenia in zona Cassia fino all'attuale sede presso la Universal Gym in zona Piazza Sempione.

Dal punto di vista tecnico il Karate proposto dal Maestro della Ciana si innesta profondamente nella tradizione classica dello Shotokan di scuola Shirai ma con licenze dovute alla profonda influenza che ha avuto il Maestro Kase nella formazione del Maestro della Ciana.

Ferma restando l'impostazione classica della forma Shotokan, il corso si prefigge di dare ai suoi allievi elementi sia tecnici che sociali, volti non tanto al mero gesto estetico quanto al fornire gli strumenti per condurre una vita all'insegna dei principi del Fondatore dello Stile (il Dojo Kun), a maturare la consapevolezza di se stessi e, in caso di bisogno, sapersi difendere in un contesto di difesa personale a mani n**e.

Video (vedi tutte)

Con la ripresa delle lezioni al Keishin Dojo, diamo le benvenute a due nuove allieve piene di voglia di fare e di metter...
Allenamento 27/12/2019
Kumite attraverso le colonne
Performance teatro Ambra Jovinelli
Saggio teatro Ambra Jovinelli
Variazioni sugli Heian
Kihon. Kata. Kumite. Bunkai. Spesso si sente parlare, anche nel nostro ambito “tradizionalista”, dei quattro componenti ...
Lezione 26 Aprile 2018 - kihon kumite tecniche doppie
Lezione 27 Aprile 2018 - geri

Ubicazione

Digitare

Sito Web

Indirizzo


Piazza Monte Baldo 14a
Rome
00141

Orario di apertura

Mercoledì 21:00 - 22:30
Venerdì 21:00 - 22:30
Altro Istruzione Rome (vedi tutte)
Obiettivo Psicologia Obiettivo Psicologia
Via Albano 11
Rome, 00179

La prima Web Community italiana degli psicologi, psicoterapeuti e studenti di psicologia.

Biblioteca Sandro Onofri Biblioteca Sandro Onofri
Via Umberto Lilloni 39/45
Rome, 00125

Inaugurata nel 2006, è un importante centro culturale presente nel territorio del Municipio X

Scuola Marziale Ho Sin Sul - Taekwondo Scuola Marziale Ho Sin Sul - Taekwondo
Largo S. Giorgio 4/Acilia (Roma)
Rome, 00125

A partire da Settembre 2016, si iniziano i nuovi Corsi di HoSinSul - Difesa Personale Saremo presso

Ateneo Impresa - The Future School Ateneo Impresa - The Future School
Federlazio Business Center/Centro Direzionale Via Cornelia 498
Rome, 00166

Ateneo Impresa, dal 1990 | The Future School. Formiamo specialisti per le professioni del futuro.

Language Point - Summer Camps Language Point - Summer Camps
Rome, 00063

A fantastic experience, please join our group!

SISRAN FIP SRL MASTER IN DIETOLOGIA E NUTRIZIONE UMANA SISRAN FIP SRL MASTER IN DIETOLOGIA E NUTRIZIONE UMANA
Via Borghesano Lucchese 24
Rome, 00146

CORSO DI FORMAZIONE E PERFEZIONAMENTO PER MEDICI,BIOLOGI,PSICOLOGI,FARMACISTI

Girolamo Portacci Reset To Millionaire Girolamo Portacci Reset To Millionaire
Viale Giuseppe Mazzini 25
Rome, 00195

Oggi posso definirmi una persona di successo - ma non è stato sempre così. La conoscenza è la chiave

Learning Community Learning Community
Via Di Tor Fiorenza 17
Rome, 00199

Welcome to Learning Community page! Learning Community è un istituto di ricerca che opera ne

IEVA Studio d'Arte IEVA Studio d'Arte
Via Terpandro, 36 Axa
Rome, 00125

Ieva Studio d'Arte dal 1974, scuola-negozio dove scoprire il PROPRIO TALENTO CREATIVO! Corsi di: Cak

TAI CHI CHUAN ROMA TAI CHI CHUAN ROMA
Rome, 00100

Un punto d'incontro per tutti i praticanti di Tai Chi Chuan, in particolare per chi pratica lo stile

Insurance Lab - Formazione Assicurativa Insurance Lab - Formazione Assicurativa
Via Dei Savorelli, 24
Rome, 00165

Società leader da 14 anni nei Corsi di Preparazione all'Esame IVASS per Agente e Broker Assicurativo

Informadarte - associazione culturale Informadarte - associazione culturale
Sede Legale Via Strabone 2
Rome, 00176

Informadarte nasce nel 1996 con l’intento di promuovere la conoscenza e la valorizzazione del patr