Actors Creators Studio

Corso di recitazione "L'Attore Creatore" vedi post per capirne di più,vai sul sito per saperne di più

Normali funzionamento

30/08/2023

Stiamo tornando! 🎬🎭🥰 OPEN DAY ⚠️
📅 Sabato 30 Settembre
📍 Presso il "Piccolo teatro di prova" in via del campo 16 c Alessandrino
⏰ Dalle 11:00 alle 13:00
💸 GRATUITO
📌 Prenotate il posto!!!
🎥 Cinema
🎭 Teatro
📝 Scrittura
🚷 Nessuna selezione, sei tu che devi scegliere la scuola che fa per te, non gli altri! ☺️

NON ASPETTARE DI ESSERE SCELTO SCEGLI 💥

❓Non ci sarai quel giorno? Contattaci per una prova gratuita ☺️
❌ Abiti fuori Roma ? Tranquillo facciamo lezione anche on-line link in bio⬆️

🎬

18/08/2023

📍Siamo in via del campo 16c presso il "Piccolo teatro di prova" -Centocelle.
⏰ 4 ore una volta a settimana.
🎬Cinema.
🎭Teatro.
❓Rivolto a tutti, professionisti e amatori.

17/08/2023

Recitare è mettersi nei panni di qualcun altro, cambiando punto di vista.🧐 Non siamo più "noi" con le nostre regole e la nostra morale, ci trasformiamo e diamo voce alle vite di altre persone.🥰 Ci mettiamo da parte e ci lasciamo pervadere, senza giudicarci e senza giudicare... Liberi. 🎭

27/04/2023

🎬🎥🎭Vi aspettiamo in via del campo 16 c presso il "Piccolo teatro di prova" sabato 29 Aprile e sabato 06 Maggio dalle 11:00 alle 13:00 , GRATUITAMENTE 💖
Capirete il metodo che utilizziamo per lavorare sulla creatività dell'Attore e sull'esecuzione. Avrai uno schermo a disposizione per vedere i tuoi compagni in live mentre recitano, potrai riprendere anche tu stesso!
🎭

04/12/2022

Tenetevi sintonizzati🎥🎬🎭😉

13/10/2022

Open Days con lezione di prova gratuita! 🎭🎬🎥 Scriveteci per prenotare 💖

04/10/2022

Il corso L'Attore Creatore si svolge nel "Piccolo teatro di prova" a via del campo 16 nel quartiere di Centocelle facilmente raggiungibile con la metro. Il corso si divide in due classi:

🟠Il corso di livello 2 : è il corso principale dedicato a chi ha già avuto esperienze e vuole ampliare le sue conoscenze soprattutto da un punto di vista lavorativo, è pensato per chi vuole fare di quest'arte una professione e per chi già opera nel settore. Tutto il materiale girato in aula sarà a disposizione dell'attore utile per un self tape, e tutta la classe dovrà successivamente mettere in scena uno spettacolo inedito scritto, diretto ed interpretato da loro. Si svolge due volte a settimana per tre ore a lezione, i prezzi sono completamente disponibili sul sito, per qualsiasi informazione potete scriverci.

🟠 Io corso di livello 1: è un corso pensato per chi approccia per la prima volta alla recitazione, e quindi per chi vuole testare, divertirsi ma anche imparare una professione nuova. Si svolge una volta a settimana per due ore. Anche il corso di livello 1 dovrà mettere in scena uno spettacolo inedito scritto, diretto ed interpretato da loro. I prezzi sono a completa disposizione sul sito, per qualsiasi cosa non esitate scriveteci.

🟠🟠 Corso ragazzi, è un corso pensato per avvicinare i giovani a quest'arte, e viverla in prima persona, a seconda delle adesioni il corso sarà diviso in fasce d'età, il limite massimo d'età per questo corso è 16 anni. Dai 17 anni sono consigliati gli altri tipi di corsi. Il prezzo mensile per questa fascia equivale ad un qualsiasi sport pomeridiano, e si svolge una volta settimana per un ora e mezza.

Le iscrizioni sono aperte! 💖

04/10/2022

~°Ecco un altro ostacolo, come gli sembra, l'attore “vive emozioni” sul palco si commuove ma il pubblico non è soddisfatto, dice: è una performance debole, poco interessante. Il primo pensiero dell'attore: loro non lo sanno perché non lo fanno, sono stupidi, ero immerso, ho davvero provato quelle emozioni, anche il mio cuore batteva veloce… deve essere il pubblico che è cattivo! […] 😠☹️
Ma dopo che l’attore sente nuovamente le stesse critiche dal pubblico, dopo un po’ inizia a pensare “forse vivere emozioni non è davvero il modo migliore per influenzare il pubblico?”. Dopo questo pensiero molti attori si spezzano e diventano veri e propri raffiguratori. […] 😥
Ma nel frattempo la vera ragione del fallimento dell’attore è semplicemente che l’attore è: Inibito.
Un attore emotivo invece è decisamente trasparente, vediamo tutto ciò che accade dentro di lui, e ci trasmette, per il palcoscenico questo è buono, ma nella vita non conviene…. Ecco perché è difficile impararlo, perché siamo inibiti fin da bambini.
Inibito vorrebbe dire che le circostanze dello spettacolo mi commuovono, ma a quanto pare, prima di tutto, senza nemmeno sospettarlo, non le ammetto, e quelle che mi arrivano lo fanno con un effetto ridotto, e secondo, inibisco l’espressione dei miei sentimenti. Rimangono nascosti, invisibili e, ovviamente, non posso soddisfare il pubblico. 🥱
Alcuni, che sono più talentuosi e coraggiosi, vengono salvati dalla loro risolutezza, determinazione e dedizione al loro ideale. Dopo molti anni di duro lavoro, hanno sviluppato alcune tecniche che li hanno aiutati a entrare nel vero stato creativo. Quello stato ha permesso loro di percepire le circostanze come autentiche e vere. Ripetendolo spesso, si abituerebbe a questa condizione di autenticità, che diventerebbe per loro una seconda natura.°~ 💖
Dal libro "Becoming an Actor-Creator" di Andrei Malaev-Babel
Seguici per saperne di più 🎥🎭
PH di Marco Tanfi foto

01/10/2022

"Nel profondo della loro anima, la stragrande maggioranza degli attori, indipendentemente dalla scuola di appartenenza, sono sostenitori del processo creativo sul palco, cioè dell’esperienza. Anche se non lo capiscono da soli, anche se si considerano freddi e abili “maestri della forma”, quando si lasciano
trasportare sul palco, quando il sangue inizia a ribollire, quando il cuore inizia a ba***re e la loro voce risuona con forza risonante – non si rimproverano quasi mai.
Questo è comprensibile: più un attore è abile, più sente la sua connessione con il pubblico e di più lo colpiscono, come lui li colpisce. Questa è una delle leggi dell’arte sul palco.
Coloro che si considerano apertamente sostenitori della verità impiegano vari mezzi nel tentativo di
evocare la verità, la sincerità e l’esperienza in se stessi mentre sono sul palco.
Invece di accettare seriamente e veramente tutte le circostanze di un personaggio e poi diventare agitati, gioiosi o disperati per questo, gli attori di solito cercano di evocare qualsiasi emozione ritengano necessaria in un dato punto dal nulla, senza prestarealcuna attenzione alle “circostanze”.❗
Ma non tutti riescono ad avere successo. Per loro, i momenti di successo sul palco sono semplicemente casuali. La loro grande disgrazia è che non sanno:
che cos’è la verità , davvero? Spesso scambiano qualcos’altro per verità e esperienza.
Qualcosa di molto vicino e simile, ma non lo è affatto..."👀

Dal libro: "Becoming an Actor-Creator" di Andrei Malaev-Babel

30/09/2022

Le accademie di arte drammatiche nascono con l’intento di educare i “nuovi attori” a saper ascoltare il regista ed eseguire al meglio le sue correzioni, nascono infatti quando ormai l’idea di regia esterna aveva preso piede. È utile e importante imparare la perfetta esecuzione ma non solo, è anche opportuno nella didattica preparare l’attore a tutto, anche a gestire lui stesso uno spettacolo o un’opera multimediale in proprio. 💪Invece oggi ormai troppe scuole tendono a “incasellare” cioè a scegliere i propri alunni già pensando a quale ruolo potrebbero interpretare nel mercato, ed è la scuola a scegliere l’attore non più il contrario, quindi già appena si inizia a studiare per questa professione l’attore ha sempre un ruolo passivo! Deve aspettare, attendere, essere reperibile, accontentarsi… vogliamo continuare a trattare artisti come oggetti?🥴
È l’artista che dovrebbe scegliere la scuola che più trova opportuna per lui, e non dovrebbe pagare per un provino. 💸Mettere l’attore in una continua ricerca dell’approvazione, non crea più veri e autentici artisti, ma marionette pronte a tutto per raggiungere la notorietà.➡️ Certamente questo discorso è difficilissimo da poter fare visto che poi nel pratico per poter lavorare nel mercato devi per forza piegarti a tutto questo e cioè: trovare un’agenzia, avere un book, aspettare di essere chiamati, recarsi al provino, essere giudicati per il proprio aspetto o carattere anziché per la recitazione, aspettare l’esito, ricominciare da capo se l’esito è negativo o iniziare un lavoro sul set se positivo. Quindi chi davvero vuole iniziare a lavorare deve fare questo, ma non solo! È opportuno avere più strade aperte:
🟠una quella del semplice attore esecutore, che è utile;
🟠l’altra: l’Attore Creatore!
Come fare? Seguici!

30/09/2022

Recitazione = Finzione?
Recitare e fingere sono la stessa cosa? 🧐
Certamente recitare si può descrivere come: fingere di essere qualcuno altro. Ed è un atto che utilizza la finzione come mezzo: “fare finta di…”. È sicuramente opportuno definire i limiti tra finzione e realtà mentre si recita, perché è un gioco che non deve fare male, certamente però non possiamo negare che un attore non venga colpito personalmente dall’interpretare alcuni personaggi, ma l’esercizio emotivo serve a fare di questo una professione. Ci sono vari tipi di approcci per ogni tipologia di attore. 🟠C’è chi crede nella verità nuda e cruda, cioè l’andare in scena ed arrabbiarsi sul serio, talmente forte che non ne riesci ad uscire ed esci di scena ancora arrabbiato, al tal punto da non sentire neanche le indicazioni del regista, questo attore si consuma e non può più ripetere, ogni volta è un salto nel buio. La messa in scena di questa rabbia però se analizzata nel dettaglio è una rabbia personale, non del personaggio👀, ci si può arrabbiare in mille modi, ogni personaggio ha un suo modo di farlo come le persone nella vita quotidiana, scegliere sempre lo stesso modo per arrabbiarsi e usare sempre lo stesso colore non è né emozionante ne professionale. Spesso chi usa questo tipo di approccio esce di scena soddisfatto, il pubblico applaude, ma lo fa più per l’energia vista sul palco che per l’interpretazione, e a volte il pubblico si imbarazza.
🟠Un altro approccio è quello opposto, cioè fingere davvero, giocare, non prendersi sul serio, si entra in scena a volte con menefreghismo, si recita per divertirsi personalmente e non si pensa al pubblico, si diventa criptici. Un testo in mano con questo tipo di approccio può prendere delle pieghe sbeffeggianti, non si sta più giocando si prende in giro, si fa il verso senza capirne la vera natura, ma non del testo, non delle parole, non del personaggio, ma prima ancora delle emozioni! 🫢Non possiamo pagare un biglietto per trovarci davanti la presa in giro di quella che potrebbe essere la mia storia, le mie emozioni e i miei dolori, il pubblico applaude comunque perché è buono, ma il giorno dopo non si ricorderà nulla di ciò che ha visto.🥱
Nessuno di questi due metodi è utile per rendere la recitazione una professione, ma tutto può essere un inizio.
Quindi fingere o fare sul serio? In conclusione:
L’attore è un perfetto equilibrio tra il FINGERE di essere, per uscire da se stesso, e prendere sul SERIO i panni di qualcun altro.

30/09/2022

La mancata conoscenza profonda della recitazione, penalizza le vere potenzialità che essa offre, è che spesso neppure i professionisti conoscono. Si potrebbe pensare che recitare sia semplicemente preparare un personaggio assegnato, seguire le direzioni, e andare in scena, ma questo è solo un piccolo aspetto di questa enorme professione. Recitare di per sé è creare, oggi questo atto è ridotto quasi censurato.
🎭Un corpo che prende vita, e assume movenze e voce diverse dalle proprie, è un atto artistico carnale, senza strumenti, senza aiuti, usando sé stessi. Attenzione usare sé stessi inteso come contenitore, e portatore del personaggio, non è minimamente intesa la sfera privata e personale, la recitazione sana non usa semplici mezzi di velocizzazione come il trauma personale, o almeno, non si può sempre e solo attingere a quelli, spesso e per la maggiore non sono molto utili.
💖Il lavoro di un attore è trasportare lo spettatore in un mondo diverso, in una vita diversa, mostrargli un punto di vista. 🌎
Prendersi i meriti, ed oltrepassare l’obbiettivo per apparire al di sopra del personaggio, è recitativamente sbagliato, a meno che non si è un performer che sta facendo arte in quel determinato modo, ma è diverso dal lavoro dell’attore.

30/09/2022

Il maestro di recitazione, o Acting Coach, è sicuramente il primo regista dell’attore, colui che dirigendo insegna. In ogni caso questo è un processo molto delicato sia nell’ambito didattico, che poi successivamente nel mondo del lavoro. Non è sempre facile trovare la chiave 🗝️ giusta per chiedere all’attore cosa esattamente si vorrebbe nella scena, e cercare di fare avvenire tutto naturalmente. 🧐Spesso si cade nell’errore di “fare l’esempio”, questo comporta una serie di impercettibili ma inevitabili errori successivi, come nella costruzione del personaggio, dove l’attore anziché provare, cercare, trovare, sperimentare, far vivere, e finalmente diventare, si trova a dover mimare un’idea.😵 Fare l’esempio non permette a tutti i tipi di attori (perché ci sono vari tipi di attori seguici per ulteriori approfondimenti) di poter davvero interpretare bene e con successo un personaggio. Un altro errore che si può facilmente trovare nell’ambito lavorativo è il troppo attaccamento al testo.📃 Anche le sbagliate correzioni possono fare danni, come correggere l’errore stesso anziché la vera CAUSA! Se un attore durante una performance ha un “tic” vocale o fisico, e se il regista si concentrasse su quell’errore come ad esempio: “non portare sempre il busto in avanti quando ti arrabbi, stai dritto” bene, questo è chiaramente sbagliato da dire per 3 motivi.
🟠Numero uno: non è il busto il vero errore, è una correzione frettolosa e ignorante.
🟠Numero due: se l’attore ora si concentrasse sul “non muovere il busto in avanti “non sarebbe più il personaggio, ma l’attore stesso, che pensa di non fare quel movimento, e questo il pubblico lo percepisce! 🟠Numero tre: in ogni caso non è opportuno fare presente questo tipo di errori ma concentrarsi su come evitarli alla radice, il movimento del busto errato è sicuramente una decentramento fisico dovuto a più fattori, uno di questi la poca centralità emotiva del personaggio che comporta anche a livello fisico incertezza, l’incertezza vuol dire pensiero intrusivo nell’azione attoriale, ciò vuol dire deconcentrazione e poca percezione, cosa facilmente risolvibile con solo 5 minuti in più che dire “fermo con il busto” e rovinare l’intera performance.
È quindi opportuno che l’attore si sappia tutelare, saper ascoltare la correzione, capire cosa in realtà sta sbagliando e non soffermarsi solo sulla correzione, saperne uscire da soli e trovare la chiave per eseguire ciò che il regista vorrebbe, per rendere al meglio l’opera.➡️ Essere un ottimo esecutore è la base per diventare un grande attore. E da questo si può partire con l’essere successivamente➡️ un attore creatore!

Nel post qui sotto c'è una scritta una citazione dal libro "Becoming an Actor-Creator" di Andrei Malaev-Babel💖

30/09/2022

Lo studio ❗
Lo studio della recitazione si basa principalmente su una visione esterna del maestro, una guida che spesso prende troppo il sopravvento.🧐
Il bravo maestro non è un guru, ma una persona professionista che ti aiuta a percorrere la strada verso un buon metodo e una recitazione vera e funzionale.
L’attore non deve dipendere solo dal giudizio del maestro, ma grazie all’insegnamento giusto deve poter essere indipendente, avere gli strumenti per poter creare la sua carriera. 💪Il rapporto con il Coach nel tempo è una cosa buona e di crescita ma deve essere una scelta volontaria, un sostegno sano…non disperato!👀
Troppo spesso l’attore si trova immerso nel caos, pieno di domande senza risposte, e ad ogni provino l’incertezza di non poter riuscire da soli, ma di trovare (a pagamento) un aiuto esterno, e spesso un aiuto inutile. Gli attori dovrebbero fare gruppo, aiutarsi tra loro, studiare assieme e CREARE !

Perché un attore spesso si sente perso? Perché chiudendosi (solo) in uno studio con centralità di testo e visione registica, quello che imparano è solo eseguire, il processo creativo avviene solo nella creazione di un personaggio che si basa su una descrizione spesso poco chiara, inutile e frivola. È però importante saper fare anche questo certamente, riuscire a trovare la giusta chiave e saper ascoltare le indicazioni, ma…non solo! La recitazione viene ormai insegnata “da fuori” un occhio che ti dirige, ma questa è un’arte pura che va anche oltre tutto questo!

E la creatività va allenata costantemente.🥰

30/09/2022

Il pubblico che viene a teatro è sempre in uno stato vantaggioso per il regista e l’attore.
Credono in anticipo, si aspettano già qualcosa di meraviglioso, degno di attenzione.
Questo stato è supportato dall’atmosfera del teatro: centinaia di persone si sono
riunite, lasciandosi alle spalle i loro affari. Si sono seduti tutti, in attesa. . .
E se gli attori sul palco parlano in un certo modo artificiale, non del tutto normale, se
si muovono e fanno gesti in modo un po’ strano e innaturale, allora…
forse è allora che dovrebbe essere? Non c’è altro modo?
Altrimenti non sarebbe il teatro!? E il pubblico cerca di adattarsi a ciò che sta accadendo sul palco.
Presto, il pubblico si abitua all’innaturalità, ne viene attratto e (se il testo è scritto
bene) viene catturato dallo spettacolo. Tutti gli spazi vuoti rimasti vengono riempiti dal
pubblico, ciò che è brutto non viene ripreso. Lo spettacolo finisce e il pubblico è
pienamente convinto che tutto sia successo sul palco esattamente come avrebbe dovuto.
Il pubblico è contento.
I membri del pubblico ringraziano gli attori, fanno loro il sipario, li applaudono.
A volte l’attore merita l’applauso, ma quante volte è immeritato!!! Il pubblico si applaude!
Il pubblico stava facendo metà del lavoro per gli attori.

Dal libro "Becoming an Actor-Creator" di Andrei Malaev Babel. Seguici per saperne di più 🎭

30/09/2022

L’attore Creatore
Che significa?
Sfruttare l’intuizione dell’attore per creare un prodotto creativo e vendibile.
Attore non solo marionetta ma artista.🎭

Il lavoro classico dell’Attore è un lavoro di esecuzione.
Mentre qui oltre al lavoro classico cerchiamo di sviluppare il lavoro creativo dell’attore, rendendolo non solo una marionetta ma un creatore di idee, storie, personaggi, mondi, avventure….
Un attore, un performer, un artista!

30/09/2022

🎭🎥Nel corso degli anni il lavoro dell'attore è cambiato, si è evoluto e anzi possiamo dire che è diventato una professione. Le ragioni del cambiamento sono molteplici, il cambiamento dello spazio scenico, delle esigenze del pubblico, delle storie da raccontare. L'evoluzione e lo scorrere del tempo hanno portato alla sperimentazione fino al raggiungimento della contemporaneità dove l'attore ha un suo ruolo definito. Parleremo di questo nei prossimi post.

Vuoi che la tua scuola/universitàa sia il Scuola/università più quotato a Rome?

Clicca qui per richiedere la tua inserzione sponsorizzata.

Ubicazione

Digitare

Indirizzo

Rome
Altro Scuole artistiche Rome (vedi tutte)
Accademia d'Arte Drammatica "P. SCHAROFF" Accademia d'Arte Drammatica "P. SCHAROFF"
Via La Spezia, 21/Metro A "S. Giovanni"
Rome, 00182

CHI CI CONOSCE PUO, OLTRE CHE DIVENTARE FAN, LASCIARE UN COMMENTO... PIU' CI RICORDATE, PIU' POSSIAM

Associazione Culturale AegeaMosaici Associazione Culturale AegeaMosaici
Via Corsini 8
Rome, 00165

Laboratorio e corsi di mosaico. Venite a trovarci! Laboratory and mosaic courses. Come and visit us!

Scuola Internazionale di Comics Scuola Internazionale di Comics
Via Francesco Lemmi 10
Rome, 00179

Corsi professionali di fumetto, illustrazione, animazione, grafica... e molto altro! chiedi alla sed

Palestra dell'Arte Palestra dell'Arte
Teatro Casl De Merode Via Casale De Merode 6
Rome, 00147

LA PALESTRA DELL'ARTE TEATRO/CIRCO Clownerie, Magia, Giocoleria, Teatro, Danza Ogni sera un maestro

Telaio Telaio
Via Giuseppe De Robertis , 14/G
Rome

La Porta Blu_ragazzi e bambini La Porta Blu_ragazzi e bambini
Via Del Teatro Valle 27
Rome, 00167

Laboratorio di disegno e pittura per ragazzi e bambini dai 6 ai 16 anni con @Valeria Sanguini

Passepartout Passepartout
Via Giuseppe Palumbo, 12
Rome, 00195

passepARTout - Centro d'Arte Martenot Scuola di Pittura, Disegno, Scultura

Terra d'arte Terra d'arte
Via Fiume Delle Perle 132
Rome, 00144

A&D Corsi Workshop Seminari A&D Corsi Workshop Seminari
Via Virginia 31
Rome, 00181

O.S.A Officine di sviluppo armonico O.S.A Officine di sviluppo armonico
Piazza Campitelli
Rome, 00186

OSA - Officine di Sviluppo Armonico Progetto sociale e culturale di Anna Ammirati CAMPUS ESTIVO GRATUITO NEL CUORE DI ROMA. OSA Officine di Sviluppo Armonico è un percorso esperenziale e un laboratorio artistico pensato per gli adolescenti.

Classical Art Studio of Rome Classical Art Studio of Rome
Rome

Lezioni di Pittura e Disegno Accademico alla base della tradizione antica Internazionale

Creative Lab Creative Lab
Via Rubiera 6
Rome, 00125

Scuola di arte. Corsi di pittura, disegno dal vivo, ceramica e scultura.