Centro Studi E-ducere

Dott.ssa Emanuela La Face
Dott.ssa Roberta Ruggeri
Dott.ssa Martina Cutroneo
Avv. Francesco Russo

Lo Studio Pedagogico "E-ducere" offre servizi:
- Consulenze e Percorsi Educativi per bambini, giovani e adulti.
- Progetti Educativi e Didattici.
- Laboratori creativi
- Sostegno allo studio
- Doposcuola specialistico
- Sportello ascolto

Normali funzionamento

25/11/2023

"Mamma questo è tutto per te...nessuno deve farti del male"(Gabriele 4 anni e 10 mesi)💙

Ieri Gabriele è tornato dalla scuola dell'infanzia con questo disegno.
Grazie alle maestre Mariella e Patrizia che hanno contribuito a lasciare un piccolo seme di speranza in mio figlio.

Noi,famiglia, quotidianamente cerchiamo di educare alle emozioni, siano esse positive che negative perché entrambe fanno parte della nostra vita.

Solo un fiore dalle mani di un uomo...e non sulla tomba.

Bambini arrabbiati? Usiamo il Cestino della Rabbia | Mamme.it 22/11/2023

La rabbia è un’emozione naturale, frequente e importante, ma bisogna imparare presto a conoscerla e controllarla, per instaurare rapporti sereni con gli altri. Ecco che, allora, dal mondo pedagogico, viene in soccorso “il cestino della rabbia”. Ecco come realizzarla.



(Tratto da mamme.it)

https://www.mamme.it/bambini-arrabbiati-usiamo-il-cestino-della-rabbia/?fbclid=IwAR2GK59UJI6o6qZuu6Ekkm3XFF9rLw8Q_UwFJVyHqlCkltLUHKoPvvxJ5Ec

Bambini arrabbiati? Usiamo il Cestino della Rabbia | Mamme.it Ecco come realizzare uno strumento educativo e rituale con cui il bambino può imparare a controllare la propria rabbia.

21/11/2023

" Sa quanto durano le cene in famiglia? statisticamente intendo..
13 minuti.. se poi arriva un messaggio WhatsApp o una notifica su un social magari diventano 9..
E lei crede che in 9 minuti abbiamo il tempo di indagare i cuori dei nostri figli? Di chiedere loro se si sentono depressi, sconfitti, se sono preoccupati o soffrono per un sentimento non corrisposto?
Il dramma di questa nostra società è l'incomunicabilita', la mancanza di tempo, di voglia di occuparci dei nostri sentimenti."
P. Crepet

La via non è inasprire le pene, ma ripristinare i valori.

La questione del lato paterno della famiglia (tra meme e cultura) 20/11/2023

Da oltre un ventennio la ricerca indaga (e teorizza) sulla disparità tra il lato materno e il lato paterno di un nucleo familiare: una disparità che da chi se ne occupa viene chiamata "vantaggio matrilineare" (cioè della parte materna della famiglia).

Esperte ed esperti di sociologia e psicologia sostengono infatti che alla base della distanza con gli zii, i nonni e i cugini dalla parte di papà ci siano in primo luogo i rapporti tra le figlie femmine che diventano madri e i loro genitori. In sostanza, alla base della disparità di frequntazione e legame c'è il ruolo dei nonni materni. E andando ancora più a fondo si scopre che a determinare la vicinanza con la parentela di mamma c'è il rapporto tra le madri e le figlie che, seppur spesso non privo scontri e differenze, tende a essere abbastanza stretto.

𝘿𝙤𝙩𝙩.𝙨𝙨𝙖 𝙍𝙤𝙗𝙚𝙧𝙩𝙖 𝙍𝙪𝙜𝙜𝙚𝙧𝙞

https://www.alfemminile.com/genitorialita/lato-paterno-famiglia/?utm_source=Social&utm_medium=Meta&utm_campaign=W38C3&fbclid=PAAaaKygS54P04VmaMr49l-ijZuQuGeCXNnH8lMUGA9c8Xathusjxb9MQn6-M_aem_AUMusoGnbmsl90bdiTJnKVcNs4E1Vx7P2PpaBe3vg3Mw-klN9-ET2Dtok9-a5hOloNd05QvyNKQOwz-ygc8nTqJg

La questione del lato paterno della famiglia (tra meme e cultura) Fioccano meme (e video meme) sul fatto che il lato paterno della famiglia sia quello più distante, rispetto al lato materno. E dal momento che spesso è vero, …

18/11/2023

Giulia è stata uccisa.

Con diverse coltellate alla testa e al collo nonostante abbia tentato di difendersi fino alla fine.
E Filippo, forse, è ancora vivo e in fuga disperata ormai da sette giorni. O è morto, e chissà quando verrà ritrovato. L'epilogo della scomparsa dei due ex fidanzati è arrivato poco dopo mezzogiorno.
(Cit. Ansa)

Una violenza efferata che confina con la brutalità.
Una violenza non occasionale, né isolata o dettata da reazioni impulsive, in cui è chiara l’intenzione di umiliare e degradare, di ridurre la donna ad oggetto. Filippo ha portato con sé un coltello, e senza fare deduzioni logiche (perché ognuno di noi è in grado di farle) alla base di un gesto così brutale c'è sicuramente una non gestione del rifiuto e l'accettazione della fine di una storia d'amore(?)

Riconoscere la presenza di una ferita relazionale non è un peccato.
"Cosa sto sperimentando, proprio ora? Come sento questa esperienza nel corpo? Che sensazioni ci sono?"
Queste domande non devono rimanere nella mente...ma bisogna fermarsi a sentire quest’esperienza dolorosa e affidarsi alle persone specializzate per trovare insieme le risposte.

Non vogliamo più leggere notizie simili.
Perché i nostri figli devono saper gestire le proprie emozioni.
Non basta insegnare alle nostre figlie come sapersi difendere,ma insegnare ai nostri figli come accettare la fine di una relazione.
Non possiamo rimanere indifferenti di fronte a così tanta violenza.

17/11/2023

𝙐𝙣 𝙩𝙚𝙖𝙢 𝙜𝙞𝙤𝙫𝙖𝙣𝙚 𝙣𝙤𝙣 𝙚̀ 𝙨𝙞𝙣𝙤𝙣𝙞𝙢𝙤 𝙙𝙞 𝙞𝙣𝙚𝙨𝙥𝙚𝙧𝙞𝙚𝙣𝙯𝙖 𝙚𝙙 𝙞𝙣𝙘𝙤𝙢𝙥𝙚𝙩𝙚𝙣𝙯𝙖!

Oggi vogliamo fermarci su una frase che ultimamente sentiamo troppo spesso:"Non porto mio figlio al centro perché sono troppo giovani ed inesperti!"

Qualche precisazione è doverosa.
Lo studio è da quasi 10 anni un punto fermo nella zona sud di Messina!

Il team è composto ESCLUSIVAMENTE da persone ALTAMENTE QUALIFICATE.

Siamo tutti laureati e ognuno ha una specializzazione in un ambito specifico.
L'età non rappresenta un limite,anzi,siamo sicuramente quelli più vicini ai bisogni dei bambini e dei ragazzi perché il nostro percorso di studi è aggiornato.
Ci formiamo continuamente, senza mai fermarci.
Seguiamo ogni giorno i "nostri" bambini, ragazzi e adulti con amore e passione, affiancandoli nel loro cammino di crescita personale, interiore,intimo.

Non saranno i capelli bianchi a definire una persona competente ed esperta.

𝑰𝒍 𝒕𝒆𝒂𝒎 𝒅𝒆𝒍 𝑪𝒆𝒏𝒕𝒓𝒐 𝑺𝒕𝒖𝒅𝒊 𝑬-𝒅𝒖𝒄𝒆𝒓𝒆 : 𝑫𝒐𝒕𝒕.𝒔𝒔𝒂 𝑬𝒎𝒂𝒏𝒖𝒆𝒍𝒂 𝑳𝒂 𝑭𝒂𝒄𝒆, 𝑫𝒐𝒕𝒕.𝒔𝒔𝒂 𝑹𝒐𝒃𝒆𝒓𝒕𝒂 𝑹𝒖𝒈𝒈𝒆𝒓𝒊, 𝑫𝒐𝒕𝒕.𝒔𝒔𝒂 𝑴𝒂𝒓𝒕𝒊𝒏𝒂 𝑪𝒖𝒕𝒓𝒐𝒏𝒆𝒐, 𝑫𝒐𝒕𝒕.𝒔𝒔𝒂 𝑫𝒆𝒃𝒐𝒓𝒂 𝑽𝒊𝒔𝒂𝒍𝒍𝒊, 𝑫𝒐𝒕𝒕. 𝑷𝒂𝒐𝒍𝒐 𝑪𝒂𝒓𝒃𝒐𝒏𝒆.

04/11/2023

Presso il Centro Studi E-ducere potrai trovare i seguenti servizi👇, con la Dott.ssa Emanuela La Face,Dott.ssa Roberta Ruggeri, Dott.ssa Martina Cutroneo, Avv. Francesco Russo.

✅️ 𝐏𝐨𝐭𝐞𝐧𝐳𝐢𝐚𝐦𝐞𝐧𝐭𝐨 𝐞 𝐓𝐫𝐚𝐢𝐧𝐢𝐧𝐠 𝐏𝐬𝐢𝐜𝐨𝐩𝐞𝐝𝐚𝐠𝐨𝐠𝐢𝐜𝐨:
Training di stimolazione cognitiva attraverso percorsi individualizzati.

✅️ 𝐂𝐞𝐧𝐭𝐫𝐨 𝐝𝐢 𝐦𝐞𝐝𝐢𝐚𝐳𝐢𝐨𝐧𝐞 𝐟𝐚𝐦𝐢𝐥𝐢𝐚𝐫𝐞:
Supporto alla genitorialità in ambito di Separazione,Divorzio e Coordinazione Genitoriale.

✅️ 𝐕𝐚𝐥𝐮𝐭𝐚𝐳𝐢𝐨𝐧𝐞 𝐜𝐥𝐢𝐧𝐢𝐜𝐚:
Valutazione dei disturbi del neurosviluppo, disturbi dello spettro autistico, turbe comportamentali.

✅️𝐃𝐨𝐩𝐨𝐬𝐜𝐮𝐨𝐥𝐚 𝐬𝐩𝐞𝐜𝐢𝐚𝐥𝐢𝐬𝐭𝐢𝐜𝐨:individuazione ed attuazione di metodi e programmi mirati al recupero scolastico.

✅️ 𝐒𝐮𝐩𝐩𝐨𝐫𝐭𝐨 𝐩𝐬𝐢𝐜𝐨𝐥𝐨𝐠𝐢𝐜𝐨:
Spazio dedicato al benessere psicofisico, alla Psiconcologia,alla prevenzione del disagio sociale ed evolutivo.

✅️ 𝐋𝐨𝐠𝐨𝐩𝐞𝐝𝐢𝐚 :
Individuazione e trattamento dei disturbi del linguaggio

Per maggiori informazioni chiama il 📞 329 3421456

01/11/2023

Che cos'è la gioia?
Noi ce lo chiediamo tutti i giorni.
È gioia quando una mamma ci dice che suo figlio è migliorato.
È gioia quando una mamma ci confida un pezzo della sua vita.
È gioia quando i "nostri" ragazzi si sentono apprezzati dagli insegnanti al di là dei voti.
È gioia quando strappiamo un sorriso anche a chi vorrebbe solo piangere.
È gioia quando chi ha iniziato un percorso,al secondo appuntamento dice: "non vedevo l'ora di tornare, a parlare con voi!"
È gioia quando i "nostri" bimbi piccoli cantano le canzoncine.
È gioia quando una diagnosi varia in positivo, lasciando alle spalle un grosso macigno per dare spazio ad una nuova fase,perché significa che il nostro lavoro non è vano.
Tutte le fatiche,preoccupazioni vengono cancellate dai giorni di gioia come questo!

25/10/2023

Al Centro Studi E-ducere giochiamo con le emozioni per conoscerle,capirle e gestirle ❤️💙
Ieri ho giocato con questi due bambini meravigliosi, per la prima volta insieme...ognuno di loro ha una storia delicata.
La mia faccia si identificava con l'emozione della paura 😱 ed insieme siamo riusciti a tirar fuori ciò che ci fa paura.



24/10/2023

Ieri sera abbiamo concluso la giornata con un confronto mamma-figlio, fortemente voluto da noi,perché entrambi non riuscivano a comunicare se non attraverso noi.

La mamma seduta di fronte a noi, il figlio seduto esattamente alle sue spalle.
Per quanto lei si sforzasse di capire questo momento tanto delicato del ragazzo che si avvia alla maturità scolastica, il figlio nel suo silenzio,ripeteva esclusivamente "quello che ho,lo deve scoprire lei".
Come se quella mamma,tanto aperta al dialogo e attenta alle esigenze del proprio figlio, dovesse fare la caccia al tesoro dentro la vita "nascosta" di quel ragazzo che sta cercando la sua identità.

"Oggi è uscito alle 15.30 da casa. Se alle 17 doveva ve**re qui, cosa ha fatto in un'ora e mezza?!"
"Un giro."
"Dove?con chi?!"
"Al solito"
Il solito posto non è un luogo decifrabile né conosciuto da qualunque mamma.
"I soliti amici" sono persone senza volto, che nell'immaginario di ogni mamma solitamente si identificano con brutte compagnie.

La mamma cambia posto e si mette quasi di fronte a lui.
"Se volessi fargli una festa a sorpresa,visto che tra poco compirà 18 anni, nn saprei chi invitare!"
"Abbiamo sbagliato tutto da genitori."

Il silenzio.

Poi lui mi guarda e mi dice:"diglielo tu!"
In realtà quel figlio taciturno e apparentemente triste,cercava di dire che di lui,i suoi genitori, si possono e devono fidare.
Ma come?!
"Ti siedi sul divano la sera accanto a loro, a vedere anche una serie che fa addormentare mamma?!"
"No!io ceno e poi mi chiudo nella cameretta"
Scena che sento e risento da ormai troppi anni e da troppi ragazzi.

I genitori non sono mostri o nemici.
I genitori sono sempre li a tendere una mano,ad aspettare pazientemente che la tempesta passi,ma vorrebbero essere al timone di quella nave che sta attraverso la tempesta.
Non escludiamoli dalla nostra vita, perché questi sono e saranno i momenti in cui rafforzeremo il nostro carattere e non avremo paura di affrontare qualsiasi avversità perché loro sono e saranno sempre al nostro fianco.

Ultimamente incontri simili sono all'ordine del giorno,allo studio.

Questo,però, si è concluso nel migliore dei modi:
"...stasera è rimasto con noi a parlare"(sms della mamma)❤️



Photos from Centro Studi E-ducere's post 21/10/2023

"Io a scuola insegnerei educazione alla gentilezza, un'ora a settimana. Perché magari la maturità scolastica ci insegna a fare benissimo le equazioni, a scrivere un tema a meraviglia, a tradurre a menadito greco e latino, a parlare le lingue. Poi manca la maturità emotiva per affrontare al meglio lo stress. Lo stress di colui a cui non si è insegnato il rispetto, l'attesa, l'educazione, la giusta misura nel dire le cose, la differenza fra il lasciar correre e l'aggredire, fra l'avere carattere e la prevaricazione, fra il diritto di critica e il non diritto di offesa. Una persona gentile sa essere sgradevole, se vuole. Sceglie di non esserlo, semplicemente. Poi ci sono le materie che impariamo sul campo, geometria delle anime, geografia degli sguardi e se siamo fortunati diventiamo il libro di storia di qualcuno. Vi auguro di andare controcorrente, non sempre, solo quando serve a restare voi stessi e assolutamente mai controcuore."
(Massimo Bisotti)

20/10/2023

I tuoi figli non sono colpa della br**ta giornata che hai avuto.
I tuoi figli non sono colpa dei problemi con il tuo partner.
I tuoi figli non sono colpa delle tue frustrazioni.
Neanche i momenti brutti nel tuo lavoro.
I tuoi figli non hanno colpa della tua impazienza e cattivo umore.
Non hanno colpa della tua fretta giorno dopo giorno...
Delle tue urla e della tua mancanza di calma.
I tuoi figli non sono colpa delle ferite della tua infanzia.
Dei tuoi dolori, delle tue paure.
Del tuo cuore spezzato.
Sono arrivati per guarire, per insegnarti ad amare in un modo che non avresti mai immaginato.
I tuoi bambini hanno bisogno di te, con forza, con energia per giocare, con dedizione, perché li ascolti guardandoli negli occhi.
Hanno bisogno di te forte nelle tue decisioni.
Hanno bisogno del tuo amore, ma anche che tu gli ponga dei limiti.
Se hai una br**ta giornata, loro sapranno farti ridere.
Se hai una br**ta giornata, loro sapranno dirti: "Dai mamma, guarda il mio disegno, l'ho fatto per te. "
I tuoi figli sono arrivati per dare un senso alla tua vita che forse prima non aveva.
Per insegnarti ad essere forte e resiliente.
Per insegnarti a combattere e andare avanti ogni glorno.
I tuoi figli ti amano con tutti i tuoi difetti e ti strapperanno sempre un sorriso.
I tuoi figli sono la tua forza e il tuo incoraggiamento per andare avanti.

È nostro dovere di genitori regalare loro un'infanzia bella, magica, contenuta in baci, abbracci e presenza.
Sbagliamo, è vero.
Inciampiamo e cadiamo,
ma dobbiamo saper pulire le nostre ferite e chiedere perdono.
Imparare ad essere genitori ogni giorno.
Non è facile.
Dobbiamo combattere la nostra stanchezza, dispiaceri, paure, situazioni irrisolte.
Per rendere felice tuo figlio non hai bisogno di dargli tutto quello che chiede, né portarlo a fare shopping, né spendere tutto il tuo stipendio per la sua festa di compleanno.
I tuoi figli continuano a mancare, anche se dai loro cose per sostituire la tua presenza.
Ha bisogno che tu impari ad ESSERE PRESENTE; che lo ascolti, che lo baci, che lo goda.

20/10/2023

Il Disturbo primario del linguaggio è una difficoltà significativa a imparare, comprendere e usare il linguaggio, senza ragioni apparenti come, per esempio, un disturbo uditivo o un deficit cognitivo.

Prenota un colloquio gratuito con la Logopedista Dott.ssa Martina Cutroneo.

14/10/2023

"𝑃𝑟𝑒𝑛𝑑𝑒𝑡𝑒𝑣𝑖 𝑙𝑎 𝑙𝑢𝑛𝑎,𝑛𝑜𝑛 𝑒̀ 𝑢𝑛 𝑐𝑜𝑛𝑠𝑖𝑔𝑙𝑖𝑜, 𝑚𝑎 𝑢𝑛𝑎 𝑠𝑢𝑔𝑔𝑒𝑠𝑡𝑖𝑜𝑛𝑒. 𝑁𝑜𝑛 𝑣𝑎𝑙𝑒 𝑠𝑜𝑙𝑜 𝑛𝑒𝑖 𝑚𝑜𝑚𝑒𝑛𝑡𝑖 𝑑𝑖𝑓𝑓𝑖𝑐𝑖𝑙𝑖, 𝑚𝑎 𝑎𝑛𝑐ℎ𝑒 𝑖𝑛 𝑞𝑢𝑒𝑙𝑙𝑖 𝑑𝑖 𝑔𝑖𝑜𝑖𝑎,𝑜 𝑞𝑢𝑎𝑛𝑑𝑜 𝑠𝑖 𝑡𝑒𝑛𝑑𝑒 𝑝𝑖𝑢̀ 𝑎𝑙𝑙𝑎 𝑟𝑎𝑠𝑠𝑒𝑔𝑛𝑎𝑧𝑖𝑜𝑛𝑒 𝑐ℎ𝑒 𝑎𝑙𝑙'𝑒𝑠𝑡𝑟𝑎𝑧𝑖𝑜𝑛𝑒. 𝐿𝑎 𝑙𝑢𝑛𝑎 𝑒̀ 𝑙𝑖̀ 𝑎𝑝𝑝𝑜𝑠𝑡𝑎, 𝑠𝑐𝑜𝑚𝑝𝑎𝑟𝑒 𝑒 𝑟𝑖𝑐𝑜𝑚𝑝𝑎𝑟𝑒 𝑝𝑟𝑜𝑝𝑟𝑖𝑜 𝑝𝑒𝑟𝑐ℎ𝑒́ 𝑠𝑒 𝑐𝑖 𝑓𝑜𝑠𝑠𝑒 𝑠𝑒𝑚𝑝𝑟𝑒 𝑠𝑎𝑟𝑒𝑏𝑏𝑒 𝑏𝑎𝑛𝑎𝑙𝑒. 𝐹𝑢𝑛𝑧𝑖𝑜𝑛𝑎 𝑐𝑜𝑚𝑒 𝑖𝑙 𝑑𝑒𝑠𝑖𝑑𝑒𝑟𝑖𝑜,𝑐ℎ𝑒 𝑖𝑚𝑝𝑙𝑖𝑐𝑎 𝑖𝑙 𝑐𝑒𝑟𝑐𝑎𝑟 𝑙𝑒 𝑠𝑡𝑒𝑙𝑙𝑒 𝑝𝑟𝑜𝑝𝑟𝑖𝑜 𝑞𝑢𝑎𝑛𝑑𝑜 𝑛𝑜𝑛 𝑐𝑖 𝑠𝑜𝑛𝑜 𝑜 𝑠𝑖 𝑡𝑒𝑚𝑒 𝑠𝑖𝑎𝑛𝑜 𝑛𝑎𝑠𝑐𝑜𝑠𝑡𝑒 𝑑𝑎 𝑞𝑢𝑎𝑙𝑐ℎ𝑒 𝑝𝑎𝑟𝑡𝑒 𝑑𝑒𝑙𝑙'𝑢𝑛𝑖𝑣𝑒𝑟𝑠𝑜. 𝑂𝑔𝑔𝑖 𝑝𝑖𝑢̀ 𝑐ℎ𝑒 𝑚𝑎𝑖 𝑠𝑖𝑎𝑚𝑜 𝑐𝑎𝑡𝑡𝑢𝑟𝑎𝑡𝑖 𝑑𝑎𝑙 𝑝𝑟𝑒𝑠𝑒𝑛𝑡𝑒 𝑒 𝑐𝑒 𝑙𝑜 𝑠𝑖𝑎𝑚𝑜 𝑓𝑎𝑡𝑡𝑖 𝑏𝑎𝑠𝑡𝑎𝑟𝑒 𝑓𝑜𝑟𝑠𝑒 𝑎𝑡𝑡𝑒𝑟𝑟𝑖𝑡𝑖 𝑝𝑒𝑟 𝑐𝑖𝑜̀ 𝑐ℎ𝑒 𝑝𝑜𝑡𝑟𝑒𝑏𝑏𝑒 𝑒𝑠𝑠𝑒𝑟𝑒 𝑎𝑙𝑙𝑒 𝑝𝑜𝑟𝑡𝑒 𝑜 𝑝𝑒𝑟 𝑠𝑎𝑧𝑖𝑒𝑡𝑎̀ 𝑑𝑖 𝑞𝑢𝑎𝑛𝑡𝑜 𝑝𝑜𝑠𝑠𝑒𝑑𝑖𝑎𝑚𝑜.

𝐿𝑎 𝑓𝑎𝑚𝑖𝑔𝑙𝑖𝑎 𝑓𝑎𝑡𝑖𝑐𝑎 𝑛𝑒𝑙𝑙𝑎 𝑝𝑟𝑜𝑝𝑟𝑖𝑎 𝑓𝑢𝑛𝑧𝑖𝑜𝑛𝑒 𝑎𝑢𝑡𝑜𝑟𝑒𝑣𝑜𝑙𝑒,𝑙𝑎 𝑠𝑐𝑢𝑜𝑙𝑎 𝑒̀ 𝑖𝑛𝑧𝑢𝑝𝑝𝑎𝑡𝑎 𝑑𝑖 𝑏𝑢𝑟𝑜𝑐𝑟𝑎𝑧𝑖𝑎 𝑒 𝑖𝑚𝑝𝑒𝑟𝑚𝑒𝑎𝑏𝑖𝑙𝑒 𝑎𝑙 𝑐𝑎𝑚𝑏𝑖𝑎𝑚𝑒𝑛𝑡𝑜, 𝑙'𝑎𝑡𝑡𝑒𝑛𝑧𝑖𝑜𝑛𝑒 𝑝𝑒𝑟 𝑙'𝑎𝑚𝑏𝑖𝑒𝑛𝑡𝑒, 𝑡𝑒𝑛𝑡𝑎𝑛𝑑𝑜 𝑑𝑖 𝑔𝑎𝑟𝑎𝑛𝑡𝑖𝑟𝑒 𝑢𝑛 𝑓𝑢𝑡𝑢𝑟𝑜 𝑏𝑒𝑛𝑒𝑓𝑖𝑐𝑖𝑜,𝑟𝑖𝑠𝑐ℎ𝑖𝑎 𝑑𝑖 𝑐𝑜𝑙𝑝𝑖𝑟𝑒 𝑙𝑎 𝑏𝑒𝑙𝑙𝑒𝑧𝑧𝑎,𝑚𝑒𝑛𝑡𝑟𝑒 𝑙𝑒 𝑡𝑒𝑐𝑛𝑜𝑙𝑜𝑔𝑖𝑒 𝑑𝑖𝑠𝑒𝑔𝑛𝑎𝑛𝑜 𝑢𝑛 𝑚𝑜𝑛𝑑𝑜 𝑑𝑖 𝑟𝑒𝑙𝑎𝑧𝑖𝑜𝑛𝑖 𝑚𝑢𝑡𝑒 𝑒 𝑎𝑠𝑠𝑒𝑟𝑣𝑖𝑡𝑒 𝑎 𝑛𝑢𝑜𝑣𝑖 𝑜𝑟𝑑𝑖𝑛𝑖 𝑐𝑎𝑡𝑒𝑔𝑜𝑟𝑖𝑐𝑖.

𝑆𝑖 𝑐𝑜𝑚𝑏𝑎𝑡𝑡𝑜𝑛𝑜 𝑔𝑢𝑒𝑟𝑟𝑒 𝑡𝑒𝑟𝑟𝑖𝑏𝑖𝑙𝑖,𝑒𝑝𝑝𝑢𝑟𝑒 𝑒̀ 𝑝𝑖𝑢̀ 𝑝𝑟𝑒𝑜𝑐𝑐𝑢𝑝𝑎𝑛𝑡𝑒 𝑐𝑖𝑜̀ 𝑐ℎ𝑒 𝑛𝑜𝑛 𝑓𝑎 𝑟𝑢𝑚𝑜𝑟𝑒 𝑒 𝑐ℎ𝑒 𝑠𝑖 𝑎𝑛𝑛𝑖𝑑𝑎 𝑖𝑛 𝑡𝑎𝑛𝑡𝑒 𝑎𝑛𝑖𝑚𝑒 𝑝𝑒𝑟𝑠𝑢𝑎𝑑𝑒𝑛𝑑𝑜𝑙𝑒 𝑎𝑑 𝑎𝑟𝑟𝑜𝑐𝑐𝑎𝑟𝑠𝑖, 𝑎 𝑑𝑖𝑓𝑒𝑛𝑑𝑒𝑟𝑠𝑖 𝑐ℎ𝑖𝑢𝑑𝑒𝑛𝑑𝑜 𝑙'𝑢𝑠𝑐𝑖𝑜 𝑑𝑖 𝑐𝑎𝑠𝑎. 𝐺𝑖𝑟𝑎𝑛𝑜 𝑠𝑝𝑎𝑐𝑐𝑖𝑎𝑡𝑜𝑟𝑖 𝑑𝑖 𝑐𝑜𝑚𝑜𝑑𝑖𝑡𝑎̀, 𝑎𝑙𝑙𝑒𝑡𝑡𝑎𝑛𝑜 𝑖 𝑝𝑒𝑛𝑠𝑖𝑒𝑟𝑖 𝑑𝑖 𝑚𝑜𝑙𝑡𝑎 𝑔𝑒𝑛𝑡𝑒."( P. Crepet)

Ho appena iniziato questo libro...sono certa che mi darà tanti spunti su cui riflettere.

𝑫𝒐𝒕𝒕.𝒔𝒔𝒂 𝑬𝒎𝒂𝒏𝒖𝒆𝒍𝒂 𝑳𝒂 𝑭𝒂𝒄𝒆

12/10/2023

𝗣𝗼𝘁𝗲𝗻𝘇𝗶𝗮𝗺𝗲𝗻𝘁𝗼 = 𝗿𝗮𝗳𝗳𝗼𝗿𝘇𝗮𝗿𝗲

Ma cos'è realmente il Potenziamento?!
Quando proponiamo questi percorsi i nostri obiettivi riguardano:

✅ ️rafforzamento delle funzioni cognitive generali (attenzione, memoria, funzioni esecutive e ragionamento)
✅️ rafforzamento delle funzioni specifiche relative alle abilità scolastiche strumentali (lettura, scrittura e calcolo).

Ma perché l'uno è collegato all'altro?!

L’importanza di coinvolgere nell’iter di potenziamento non solo le abilità scolastiche carenti, ma anche tutte le componenti del sistema attentivo- esecutivo, è dovuto al fatto che queste ultime risultano essere implicate trasversalmente nei processi di apprendimento e,quindi,la loro stimolazione consente di ottenere indirettamente ricadute positive sulle capacità di lettura, scrittura e calcolo.

Il presupposto scientifico su cui si basa il potenziamento cognitivo è la neuroplasticità cerebrale, ossia la capacità del cervello di modificarsi strutturalmente e funzionalmente in risposta all’esperienza ambientale e relazionale. Secondo le neuroscienze, infatti, l’età evolutiva è un periodo in cui è presente un’elevata quota di plasticità neurale ed è, dunque, una finestra temporale di particolare disponibilità al cambiamento in cui un’abilitazione neuropsicologica risulta essere utile e vantaggiosa per lo sviluppo cognitivo del soggetto.

10/10/2023

Anche noi ci prendiamo cura della salute psicologica...💝

Lo ribadiamo oggi, nella Giornata Nazionale della Psicologia, come lo facciamo ogni giorno esercitando la nostra professione: prendersi cura di sé, partendo dalla propria salute psicologica, è sempre 𝗹𝗮 𝘀𝗰𝗲𝗹𝘁𝗮 𝗴𝗶𝘂𝘀𝘁𝗮.



10/10/2023

Al Centro è arrivato un bambino che frequenta la seconda primaria.
Ha svolto, da solo in classe,questo compito(così non lo faceva a casa🤣).

Per noi è stato importante perché siamo riuscite a comprendere le sue difficoltà e avere un punto di partenza da cui iniziare.

Mancano alcuni obiettivi di apprendimento di base e ci chiediamo cosa abbiano fatto le insegnanti lo scorso anno...🙈

Ma noi non ci demoralizziamo,anzi...
Sarà una bella sfida e il piccolo scoprirà presto i suoi punti di forza!

10/10/2023

Il cuore di una PEDAGOGISTA!
❤️

09/10/2023

𝗗𝗮𝗹𝗹𝗼 𝘀𝘁𝗮𝗺𝗽𝗮𝘁𝗼 𝗮𝗹 𝗰𝗼𝗿𝘀𝗶𝘃𝗼!

Alcuni insegnanti (e genitori) giudicano questo passaggio come una tappa imprescindibile, e altri che ritengono sia in fondo una perdita di tempo.
Alcuni insegnanti scelgono di rimandare alla fine del primo anno di primaria l’apprendimento del corsivo, concentrandosi all’inizio solo sullo stampatello, perché secondo loro molti bambini provenienti dalla scuola dell’infanzia non hanno ancora acquisito la manualità fine necessaria per riuscire nel compito.
Altri,invece,che non fanno mai apprendere nemmeno nelle scuole medie(e noi,al Centro Studi E-ducere abbiamo diversi casi!)

Sull’utilità della scrittura a mano per lo sviluppo cognitivo non ci sono in realtà molti dubbi.
Ormai diversi studi nel campo delle neuroscienze e della psicologia suggeriscono che l’uso della scrittura manuale abbia un valore in sé, diverso e indipendente dalla scrittura alla tastiera. Ci sarebbe una stretta relazione tra la mano che traccia i segni sulla carta e il cervello: si attiverebbero circuiti nervosi unici che nei bambini favorirebbero anche la lettura, la memorizzazione, la produzione delle parole. Secondo una ricerca, per esempio, gli alunni di 7, 9 e 11 anni che scrivevano a mano erano in grado di farlo più velocemente, utilizzando più parole e esprimendo più idee rispetto a quando lo facevano alla tastiera.

Noi ci crediamo e ripartiamo dai pregrafismi!!!

08/10/2023

Si conclude oggi la settimana nazionale della dislessia.
In questi giorni abbiamo approfondito alcuni aspetti,ma in realtà,nella nostra pagina,quotidianamente diamo spazio alle difficoltà dei nostri ragazzi.

In queste settimane abbiamo iniziato i colloqui con gli insegnanti dei nostri ragazzi, perché ci teniamo a lavorare bene e far raggiungere quell'equilibrio necessario per affrontare le difficoltà con consapevolezza.

Abbiamo iniziato i vari potenziamenti (cognitivi, psicopedagogici...).

Abbiamo svolto e continueremo a svolgere valutazioni per il riconoscimento dei Disturbi dell'Apprendimento (e non solo).

Siamo costantemente al fianco di genitori preoccupati e di ragazzi demoralizzati.
Ci siamo e ci saremo sempre..con il ❤️

𝑫𝒐𝒕𝒕.𝒔𝒔𝒂 𝑬𝒎𝒂𝒏𝒖𝒆𝒍𝒂 𝑳𝒂 𝑭𝒂𝒄𝒆 𝒆 𝑫𝒐𝒕𝒕.𝒔𝒔𝒂 𝑹𝒐𝒃𝒆𝒓𝒕𝒂 𝑹𝒖𝒈𝒈𝒆𝒓𝒊

07/10/2023

A cuore a cuore con un dislessico.
Leggiamo con attenzione.

06/10/2023

I test sono considerati lo strumento diagnostico per eccellenza a cui potersi affidare per valutare diverse sfaccettature della psiche umana perché garantiscono una misurazione fondata sul metodo scientifico.
L'obiettivitá fa sí che l'assegnazione e l'attribuzione dei punteggi non siano una funzione della soggettività dell'esaminatore ma siano basati su criteri obiettivi e oggettivi.
Lo scopo è quello di identificare un disturbo e decidere eventuali modalità di trattamento.

Ieri sera, allo studio, abbiamo fatto lo scoring per un sospetto caso di Disgrafia.
Oggi faremo la restituzione,incontrando la famiglia e proporremo il nostro percorso.

Photos from Centro Studi E-ducere's post 05/10/2023

I principali disturbi dell'Apprendimento sono:

□ Dislessia
□ Disortografia
□ Discalculia
□ Disgrafia

Tali difficoltà non sono attribuibili a disturbi mentali o neurologici ma coinvolgono solo un’abilità specifica e non il funzionamento globale intellettivo.

04/10/2023

Gli scienziati non contestano certo le difficoltà che vivono i dislessici, anzi. Ma dopo un lungo lavoro di analisi dei dati relativi a persone con diagnosi di dislessia evolutivache le aree di difficoltà vissute dalle persone con dislessia derivino da un compromesso cognitivo tra l’esplorazione di nuove informazioni e lo sfruttamento delle conoscenze esistenti. E che le persone portatrici del disturbo tendono a presentare abilità vantaggiose in materia di arte, ma anche in altri settori.

https://www.orizzontescuola.it/la-dislessia-forse-e-una-prova-di-una-personalita-geniale-una-nuova-ricerca-pubblicata-da-ricercatori-di-cambridge/?amp

03/10/2023

La settimana dedicata ai Disturbi dell'Apprendimento è rivolta anche agli insegnanti perché possano comprendere le reali difficoltà dei bambini.

02/10/2023

Anche il Centro Studi E-ducere dedica questa settimana ai Disturbi dell'Apprendimento,con post, video e tanto altro.

Se hai qualche dubbio,non esitare a chiedere informazioni.

Invia un messaggio whatsapp al numero 📞 329 342 1456

24/09/2023

La scuola è iniziata da poco più di 10 giorni e già i bambini sono demotivati.
Motivo?(uno dei tanti)
LEGGI ALMENO 10 VOLTE🙈(alcuni specificano 5 al doposcuola e 5 a casa!😵)

Siamo ancora fermi ALL' APPRENDIMENTO MECCANICO, basato su una didattica istruzionista. Tale modello di insegnamento/apprendimento, prevede l’esercitazione ripetitiva e meccanica di prestazioni quali: la memoria, l’attenzione sostenuta, i tempi e la rapidità delle risposte. Ciò che si privilegia, dunque, sono il rendimento e l’efficienza, centrando le attività sul compito, e disponendole all’interno di sequenze ridondanti, favorendo l’automatismo, l’assimilazione acritica e compiacente dei contenuti L'apprendimento meccanico annoia e affatica. In molte scuole, di fatto, si è ancora convinti che per imparare bene, serva fatica, noia, ripetizioni.

Leggere, così come amare, sono verbi che non possono essere coniugati all’imperativo. È necessario che i docenti siano in grado di promuovere la motivazione, tenere conto delle emozioni e del vissuto dei bambini: passare quindi all' APPRENDIMENTO SIGNIFICATIVO, basato su una didattica costruttiva.

"L'apprendimento significativo si verifica quando chi apprende decide di mettere in relazione delle nuove informazioni con le conoscenze che già possiede. [...] L'apprendimento meccanico avviene invece quando chi apprende memorizza le nuove informazioni senza collegarle alle conoscenze precedenti, o quando il materiale da studiare non ha alcuna relazione con tali conoscenze."(Joseph D. Novak)

"Apprendere in modo significativo significa saper risolvere problemi nella realtà quotidiana. La risoluzione di problemi dà uno scopo all'apprendimento che può diventare "significativo" per la persona solo se essa ne comprende l'utilità per i suoi scopi."(cit.David Jonassen)

𝑫𝒐𝒕𝒕.𝒔𝒔𝒂 𝑬𝒎𝒂𝒏𝒖𝒆𝒍𝒂 𝑳𝒂 𝑭𝒂𝒄𝒆

18/09/2023

Tante volte ci capita di sentire mamme disperate che per seguire i compiti dei figli vedono il loro rapporto in continuo conflitto che si deteriora.
Laddove i figli hanno difficoltà è importante demandare a figure competenti questo compito,in modo che le mamme rimangano sempre quel porto sicuro dove approdare.

17/09/2023

Magari fosse così....

Non ha nessun senso pedagogico che gli alunni debbano ripetere a casa quello che hanno già fatto a scuola!

Gli insegnanti dovrebbero assegnare compiti diversi da quello che si fa in classe, ovvero i "compiti di realtà". Qualcosa che consenta di applicare quello che si è fatto a scuola, come leggere un libro che approfondisca un argomento affrontato con le maestre, andare a visitare musei, intervistare degli esperti, così da creare un'interazione basata sull'interesse e sulla curiosità, non sulla mera ripetizione di nozioni. Per esempio, fare la telecronaca di un evento sportivo, visitare una chiesa mentre si sta studiando il Romanico, intervistare i nonni o il giocatore o la giocatrice del cuore.

Il mio consiglio è quindi di aiutare i figli solo se lo richiedono e di dare una mano solo dove c'è una non comprensione o uno spaesamento. Essere invadenti inficia l'autostima e l'autonomia.

Ricordiamoci infine che i bambini imparano anche attraverso il movimento, come affermava Maria Montessori e come confermano le neuroscienze. Ci sarebbe quindi da riflettere molto sull'utilità di interrogare un bambino di otto anni invece che promuovere il gioco tra bambini, possibilmente nella natura.

15/09/2023

Lo ripetiamo ogni giorno!

13/09/2023

Il dono dell'introspezione non è una malattia!❤️

Luca a scuola ha un problema.
Lo dice la maestra alla mamma di Luca.
"Che problema?" chiede la mamma.
"Si isola. Non sta con gli altri compagni. Parla pochissimo. E anche durante le lezione è distratto. Guarda spesso fuori dalla finestra sorridendo".
"Ma i suoi voti sono buoni e a studiare mi sembra che studi...".
"Certo, questo è vero, ma se Luca non impara a stare più attento, non impara a stare con gli altri, non riuscirà ad andare molto lontano in futuro".
"Luca, va tutto bene?" gli chiede la mamma entrando in cameretta e vedendolo intento a scrivere qualcosa.
"Sì".
"Che fai?".
"Scrivo".
"Davvero? E che scrivi?".
"Poesie".
"Posso leggerle?".
"Una, solo una".
La mamma legge, resta stupefatta. Quelle parole le fanno ardere il cuore, lo riempiono di bellezza e di amore.
"È stupenda".
"Grazie, mamma".
"Sei meraviglioso, ti voglio bene" gli dice accarezzandogli dolcemente i capelli.
"Anche io, mamma".
Luca ha un problema. Lo dice la maestra alla mamma di Luca.
"Luca non ha un problema, Luca è solo un sognatore" ribatte la mamma.
"Che significa?".
"Significa che Luca non si isola, Luca sogna. Luca vuole solo vivere il suo sogno. Luca scrive poesie capaci di entrarti nell'anima, riesce a guardare una nuvola e a metterci dentro l'infinito. E forse a volte per sognare c'è bisogno di restare per un po' fuori dal mondo. Luca vive di emozioni. Sono certa che mio figlio arriverà lontano e riuscirà a trovare la sua strada. Un giorno imparerà a stare con gli altri, con i suoi tempi e con i suoi modi, senza fretta, e magari resterà un po' distratto, ma sa che le dico? Non importa. Mi importa che Luca sappia sentire la vita dentro, che non smetta mai di sognare, nonostante tutte le delusioni e gli ostacoli che incontrerà sul suo cammino. Mi importa che impari a rispettare se stesso e gli altri, che sappia combattere, amarsi in ogni sua sfumatura. È facile stare insieme agli altri, molto più difficile è saper stare con se stessi, cercarsi, raccontarsi, capirsi, dare forma alle emozioni... Luca non ha un problema, Luca è soltanto un sognatore".
Sabrina Ferri

11/09/2023

Per esempio pensa alla parola "egregio".
Lunedì entra in classe, e scrivila alla lavagna, se ti va.

Perché egregio viene da ex-grege, e significa "fuori dal gregge".
Ed è questo l'augurio migliore che possa fare loro, per l'anno che sta iniziando.
Quando in tanti se la prendono sempre con gli stessi. Sii fuori dal gregge.
Quando hanno tutti le stesse idee, masticate e rimasticate. Fuori dal gregge.
Quando non avere le scarpe di quella marca sembra un dramma sociale. Fuori dal gregge.
Quando non ti piace la musica che piace a tutti, ma solo quella che va al tempo tuo, che dice le parole tue. Fuori dal gregge.
Quando sembra che ad essere gentili si passi per deboli. Fuori dal gregge.

Perché l'unico modo per salvarsi, quando tutti vanno dalla stessa parte, è andare dove non va nessuno.

E questo è scegliere.
Egregiamente.

Enrico Galiano

Photos from Centro Studi E-ducere's post 11/09/2023

Sta per cominciare un nuovo anno scolastico...📚👩‍🏫
Buona avventura a tutti i "nostri" ragazzi🥰...siate sempre curiosi di apprendere cose nuove e non smettete mai di credere in voi stessi!❤️💙

Noi saremo al vostro fianco...SEMPRE!

Le dott.sse Emanuela e Roberta

06/09/2023
04/09/2023

🤣🤣🤣

Vuoi che la tua scuola/universitàa sia il Scuola/università più quotato a Messina?

Clicca qui per richiedere la tua inserzione sponsorizzata.

Video (vedi tutte)

Il colore non fa la differenza.Un colore non divide.Se la polizia rifiuta la mascherina rosa, S. che ha dimenticato la s...

Ubicazione

Digitare

Telefono

Sito Web

Indirizzo


Via Nazionale 200/S. Margherita Marina
Messina
98135

Orario di apertura

Lunedì 08:30 - 12:30
14:30 - 20:00
Martedì 08:30 - 12:30
14:30 - 20:00
Mercoledì 08:30 - 12:30
14:30 - 20:00
Giovedì 08:30 - 12:30
14:30 - 20:00
Venerdì 08:30 - 12:30
14:30 - 20:00
Sabato 08:30 - 13:00
Altro Istruzione Messina (vedi tutte)
I.C. Santa Margherita I.C. Santa Margherita
Via Pozzo – Giampilieri Superiore (ME)
Messina, 98142

La nostra scuola utilizza un sistema formativo aperto in grado di superare i confini della didattica

Tutor Di Pietro Giacomo - Corsi di Formazione Professionale - Messina Tutor Di Pietro Giacomo - Corsi di Formazione Professionale - Messina
Messina

Iscritto all'Albo della Formazione Professionale Regione Sicilia

Scuola Antonino Celona Scuola Antonino Celona
Via Nino Bixio, 30
Messina, 98123

Ampi e luminosi spazi a misura di bambino

Istituto Professionale Paritario Alberghiero - Rodì Milici Istituto Professionale Paritario Alberghiero - Rodì Milici
Via Nino Dante, 61
Messina, 98059

Istituto Professionale Paritario Alberghiero a Rodì Milici

ArtEdidattica ArtEdidattica
Messina

Laboratorio didattico-creativo

Webhousefad Webhousefad
Viale San Martino, 62
Messina, 98123

Formazione Professionale by WebHouseMessina

i_cavalierimessina_rugby i_cavalierimessina_rugby
Messina

ATTIVITA' DI MINI RUGBY - u7-u9-u11-u13 CAMPO: Centro sportivo la Palma (Larderia Inf) Mercoledi & Venerdi 15:30 - 17:00

ECM Leonardo Formazione ECM Leonardo Formazione
Via Dei Mille, 243
Messina, 98123

Formazione ECM Formazione professionale APL Agenzia Per il Lavoro

I. C. Battisti Foscolo I. C. Battisti Foscolo
Via Manzoni 66
Messina, 98121

Scuola dell'infanzia - Scuola primaria - Scuola secondaria di primo grado

Didattica Per Bambini Didattica Per Bambini
Messina

Benvenuti nella mia pagina ♥️ Educatrice e Pedagogista Federica Sagone

Progetto Didattico Segni&Sogni Onlus Progetto Didattico Segni&Sogni Onlus
Messina, 98123

Progetto Didattico Pedagogico per allievi con DSA

Oxford College Mita Messina Oxford College Mita Messina
Via Mario Aspa N. 7
Messina, 98122

Scuola altamente specializzata in corsi per tutti i livelli e certificazioni linguistiche riconosciut