Progetto Didattico Segni&Sogni Onlus

Progetto Didattico Pedagogico per allievi con DSA

Progetto Didattico Segni&Sogni Onlus updated their address. 21/08/2021

Progetto Didattico Segni&Sogni Onlus updated their address.

Progetto Didattico Segni&Sogni Onlus updated their address.

Progetto Didattico Segni&Sogni Onlus updated their address. 29/04/2020

Progetto Didattico Segni&Sogni Onlus updated their address.

Progetto Didattico Segni&Sogni Onlus updated their address.

Progetto Didattico Segni&Sogni Onlus updated their phone number. 29/04/2020

Progetto Didattico Segni&Sogni Onlus updated their phone number.

Progetto Didattico Segni&Sogni Onlus updated their phone number.

29/04/2020

L'arte suprema dell'insegnante è risvegliare la gioia della creatività e della conoscenza

29/04/2020
29/04/2020
29/04/2020
29/04/2020
Samantha Cristoforetti è partita per la Stazione spaziale 29/04/2020

Samantha Cristoforetti è partita per la Stazione spaziale

Testimonianza raccolta dalla dr.ssa Jenny Ruggeri
Studio Pedagogico Associazione Segni&Sogni Onlus

Il boccone volante di Susanna

Ormai da giorni il nome, le parole e le immagini di Samantha Cristoforetti entrano nelle nostre case attraverso la televisione e i giornali, ci raccontano la sua vita, i suoi studi, i suoi sogni, la sua missione spaziale, suscitando in noi donne italiane orgoglio e fierezza. Così, l’altra sera mentre io preparavo la cena e Samantha era in collegamento dallo spazio mi sono chiesta cosa mi stessero raccontando le sue immagini, le sue parole, la sua storia? Assaggio il sugo e faccio qualche ipotesi, forse la sua storia e le sue parole dalla terra o dallo spazio ci ricordano che esiste ancora un mondo in cui è possibile farcela e realizzare i propri sogni, anche quelli che nascono nel cuore di una bimba che guarda le stelle e si realizzano con tanto impegno, (ma questo generalmente si tralascia!) anni dopo in un mondo professionale comunemente riservato ai maschi. Mmh… sa di luogo comune. Forse ci invitano a riconoscere intorno a noi un mondo ormai povero di eroi, che crea personaggi per fare marketing o per catturare quella parte di pubblico desideroso di identificarsi nelle vite altrui. Mah potrebbe essere, ma mi sembra banale….
Forse anche e più semplicemente per nutrire il cercatore interiore che è in noi ed e assecondare il nostro desiderio di esplorare altri mondi, una volta lo facevamo coi romanzi di J. Verne, oggi la realtà supera la fantasia…mah troppo scontato. Io e la figlia della mia amica Lorena (6 anni) cominciamo a cenare, lasciamo la tv accesa per vedere Samantha e le immagini dalla Stazione spaziale internazionale, ( ora su http://www.wired.it/scienza/spazio/2014/11/23/samantha-cristoforetti-partita-stazione/) ed ecco che proprio un dettaglio di quelle immagini con la complicità di Lorena mi raccontano per la prima volta un’altra storia.Accanto a Samantha, Terry Virts (non a caso si trattava di un maschio, penso!!), mentre il suo collega parlava, si divertiva a fare facce buffe, mentre col cucchiaio in mano ci mostrava come il cibo, in assenza di gravità, si sollevasse verso l’alto. Vedendo la scena, Lorena ride e mi dice “ Guarda Jenny da loro il cibo va all’insù, da noi invece se non tieni dritto il cucchiaio il cibo casca giù ”.
Ed è eccola qui la storia!
Tra noi e queste immagini (ma spesso ciò ci sfugge perché esse, entrando in casa nostra e cenando insieme a noi ci sono talmente vicine da darci l’impressione di avere ospiti a cena), esiste uno spazio invisibile che è quello dell’ “essere tra” , di più dell’essere tra ”noi” e “loro”.
Quello che ci viene raccontato in questi giorni succede in un altrove lontano, in un universo “fuori dal mondo”, (reale sì, ma per noi talmente inimmaginabile da confondersi con la fantasia) in cui “il cibo si stacca dal cucchiaio e va in sù non quello in cui se il cucchiaino non lo tieni dritto il cibo cade in giù…”La nostra confusione rischia di stare proprio qui: nel dimenticare, nel non considerare quello spazio che fa sì che quelle immagini non ci raccontino proprio un bel niente di noi ma solo qualcosa di Samantha dei suoi colleghi e del loro lavoro.
Allora, grazie Samantha perché le tue parole e le tue immagini mi hanno condotta attraverso un viaggio spaziale di cui probabilmente non comprendo fino in-fondo la scientificità, che con-fondo con la fantascienza, e grazie perché condividi con tutte noi, raccontandocelo, il tuo sogno!
Grazie invece al boccone volante e a Lorena per avermi fatto tornare coi piedi per terra e per avermi riportata con forza ai miei sogni e al mio mondo. Per avermi riportata alle missioni terrestri di cui nessuno parla e di cui tutte noi, ogni giorno siamo le vere “eroi” (non esiste la parola al femminile, bisognerebbe usare “eroina” ma temo l’effetto! ) come mamme e come donne; a quelle meravigliose missioni che ci fanno attraversare gli universi inesplorati dei parchi, della scuola, delle feste di compleanno, e del pattinaggio artistico, la cui bellezza non ci toglie il fiato ma ci lascia ogni sera senza fiato…. A quelle difficili missioni che fanno di tutte noi le astronaute delle nostre vite e che ci sorprendono mostrandoci la più meravigliosa delle albe negli occhi delle persone che amiamo.
A tutte quelle piccole grandi missioni insomma, che ci mostrano ogni giorno, come tu stessa dici della tua Samantha, che la realtà che stiamo vivendo è molto molto meglio di come ce l’eravamo immaginata…
…se solo non lasciamo che i sogni degli altri si sostituiscano ai nostri.

Samantha Cristoforetti è partita per la Stazione spaziale L'astronauta italiana Samantha Cristoforetti è stata lanciata da Baikonur verso la nostra casa spaziale

29/04/2020

Creare una situazione favorevole.
Il bambino disgrafico sa di non riuscire a scrivere bene, sa paragonarsi ai compagni e spesso l'insuccesso mina l’autostima, rendendo la scrittura una situazione di forte stress emotivo. La scrittura peggiora quando il bambino vuole finire in fretta per togliersi da quella situazione di stress. Occorre quindi creare intorno al bambino un clima rassicurante in cui scrivere con calma; in cui l’esercizio della scrittura sia divertente come un gioco. In quanto alla valutazione, con i bambini disgrafici bisogna portare l’attenzione sul contenuto e non valutare la grafia. Consiglio di non abbassare MAI il voto perché il bambino non ha una bella grafia, ma di ALZARLO sempre se il contenuto è originale !!!!

I nostri percorsi di rieducazione alla scrittura presso lo Studio Pedagogico

Noi offriamo percorsi di rieducazione alla scrittura in un ambiente sereno e rassicurante in cui motivare il bambino a riappropriarsi della sua capacità di scrivere. L’intervento rieducativo alla scrittura è personalizzato: avviene dopo il colloquio con i genitori e/o l’insegnante; un esame della motricità generale, della scrittura e del disegno. La rieducazione della scrittura mira non solo al superamento della disgrafia, ma anche ad aiutare i bambini a ritrovare il piacere di scrivere, a rinforzare le capacità di apprendimento (favorendo la leggibilità e la velocità di scrittura), e a prevenire eventuali problemi scolastici legati a turbe della scrittura. Attraverso tecniche specifiche la rieducazione favorisce lo sviluppo neurologico nella specializzazione degli emisferi e quindi anche lo sviluppo di altre capacità, ad esempio quella verbale, promuove l’ordine mentale e migliora l’attenzione, la precisione e l’autocontrollo emotivo in caso di stress.

29/04/2020

Come aiutare il bambino disgrafico a scuola?
Già dalla scuola dell'infanzia occorre porre moltissima attenzione allo sviluppo della motricità fine con appositi esercizi legati alla manualità (impastare, manipolare il pongo.., infilare pasta e perline in un filo; ) dando molto spazio al pregrafismo. Bisogna insegnare la postura corretta durante le attività grafiche e la giusta impugnatura della matita. Per insegnare come si tiene in mano una matita esistono diversi esercizi La scuola primaria deve porre moltissima attenzione alla postura e alla corretta prensione della matita/penna e correggere eventuali errori. Gli errori di impugnatura andrebbero corretti il prima possibile, non più tardi della prima elementare. Non bisogna assolutamente presentare il carattere ollografico corsivo da subito ma dare ampio spazio allo stampatello partendo dalle lettere che hanno tratti simili e semplici. Le righe migliori per un bambino disgrafico sono quelle che delimitano esattamente lo spazio, quindi le classiche righe per la 1a e la 3a elementare. Più difficile uso sono quelle di 5a, che personalmente consiglio solo quando il bambino è pronto, in quanto essendo tutte uguale non danno un riferimento preciso a livello di organizzazione spaziale. E' essenziale che i quaderni abbiano i margini e che il destro venga evidenziato dal sinistro con un colore diverso, questo aiuta molto l'orientamento nella scrittura.
Per la matematica si può cominciare usando quadrettoni da 1 cm, per passare poi a quelli più piccoli.
Di fronte a una disgrafia grave è possibile utilizzare il pc, personalmente sono dell'idea che il pc debba essere usato come strumento dispensativo laddove è necessario avere un elaborato chiaro e leggibile (ad esempio in una prova d'esame) altrimenti sono del parere che al bambino debbano essere dati degli strumenti "comuni" in quanto lo scrivere fa parte del nostro quotidiano e non sempre si ha a disposizione un computer. Certe pratiche non devono essere p***e o abbandonate, semplicemente vanno trovate delle soluzioni congeniali alla propria peculiarità, che comportano un minore dispendio di energia e una minore ansia.

29/04/2020

Come riconoscerla?
La disgrafia è facilmente riconoscibile, soprattutto quando il bambino fa il passaggio al corsivo e la scrittura è:
• eccessivamente lenta o eccessivamente veloce
• orientata ed organizzata maldestramente nello spazio
• "affaticata" (la mano e il braccio si stancano)
• illeggibile
• disordinata e imprecisa
• irregolare in pressione, direzione e dimensione
• a scatti, incerta e non fluida
• non è conforme con l’età anagrafica
Nella maggior parte dei casi la disgrafia è accompagnata da un’impugnatura e una postura scorrette.

29/04/2020

Cause della disgrafia
La disgrafia rientra nei DSA, può essere associata agli altri disturbi specifici come no.
La disgrafia può dipendere dalla dislessia come anche da una scarsa coordinazione oculo-manuale; uno sviluppo incompleto della lateralizzazione e dal mancinismo.

29/04/2020

Gli esperti rispondono:
Risponde la dr.ssa Jenny Ruggeri docente specializzata in Pedagogia Speciale e Iscritta all'Albo Nazionale dei Sociologi.
cell. 373.7814238

29/04/2020

Esperto risponde:
Lo Psico-Pedagogista risponde:
Essere genitore ti crea disagi che non riesci a comprendere e gestire? Non sai sempre come comportanti e ti spazientisci di fronte alle difficoltà cui il tuo bambino/a ti mette di fronte? Hai timore e la sensazione di trasmettere le tue paure a tuo figlio? Per un consiglio scrivi a:
[email protected]

29/04/2020

Come raggiungerci:
Associazione Segni&Sogni Onlus – Studio Pedagogico Via della Zecca, 9 – 98123 Messina oppure su appuntamento in Via pippo Romeo 8 alle spalle cella Chiesa del Carmime
Lo studio riceve su appuntamento e telefonare al 373.7814238 oppure scrivere una mail a:
[email protected]

29/04/2020

I gruppi pedagogici
L'atelier è uno spazio di interazione di gruppo in cui i/le partecipanti co-costruiscono una soluzione nuova degli eventi. Ogni laboratorio ha finalità e destinatari diversi : bambini/e, adolescenti, adulti, donne in gravidanza, neogenitori, educatori/trici, insegnanti, ecc...Questo spazio permette di esplorare vissuti, di condividere esperienze, successi ed insuccessi, e, attraverso uno specifico lavoro, di individuare ed accedere cambiamenti possibili.
Se sei interessato al nostro metodo scrivi una mail a: [email protected]

29/04/2020

Le consulenze pedagogiche individuali
La consulenza è un intervento pedagogico di breve durata (5/8) incontri, che muove dall'analisi dei problemi del cliente e, attraverso un lavoro sulle risorse della persona, si propone di costruire una nuova visione di questi ultimi attuando un piano di azione per realizzare le finalità desiderate (prendere decisioni,...migliorare delle relazioni,... sviluppare auto-consapevolezza,...gestire emozioni,...superare conflitti ...)
Al termine del percorso le persone non cambiano il loro modo di essere ma il modo di fronteggiare le situazioni di difficoltà.
Se sei interessato al nostro metodo scrivi una mail a: [email protected]
La prima consulenza è sempre gratuita.

29/04/2020

Le Consultazioni Etnocliniche
La consultazione etnoclinica dura circa due/tre ore.
Essa si fonda sulla collaborazione di tutti le persone che gli operatori che lavorano attorno all’utente o alla famiglia.
A seconda della domanda e del caso per cui si interviene le consultazioni propongono due livelli di intervento:
- Incontri a carattere preventivo che riuniscono tutti gli operatori che hanno in carico l’utente o la famiglia. Questi incontri hanno l’obiettivo di attivare una riflessione comune sulle difficoltà incontrate con l’utente di sensibilizzare l’equipe al lavoro etnoclinico con utenti appartenenti a culture altre.e di trovare una strategia comune nella presa in carico.
- Consultazioni con gli operatori che hanno in carico l’utente o la famiglia in presenza di questi ultimi. Questo incontro si effettua in seguito al primo. L’obiettivo è di attirare l’attenzione dell’utente e della famiglia sulla situazione problematica e sulle sue cause, che possono essere differenti a seconda della logica culturale da cui le si osserva. L’obiettivo è di dipanare la situazione facendo emergere la dimensione etnica dei diversi modelli culturali in compresenza. Entrambi gli incontri sono organizzati in maniera da permettere, sia l’analisi, la valutazione e la discussione intorno alle situazioni sottoposte, sia, ove possibile, la creazione di gruppi di lavoro capaci di proporre e sviluppare la presa in carico di persone e famiglie migranti. Ogni ambito di lavoro richiede, infatti, una forma di mediazione specifica che tenga conto di normative, procedure di decisione, consuetudini, tecniche, linguaggi e teorie che si differenziano da istituzione a istituzione e insieme alle differenze istituzionali esistenti tra paesi e nazioni differenti.

Il/la Mediatore/trice linguistico-culturale ed etnoclinico/a
La presenza attiva del mediatore linguistico-culturale ed etnoclinico , figura ponte tra le lingue e le culture, rende il gruppo operativo un gruppo multiculturale che espande la capacità di comparazione e scambio fra i modelli esplicativi degli operatori e degli utenti, contribuendo ad esplorare più in profondità le logiche cui fanno riferimento le strategie d’intervento delle diverse culture. Il mediatore appartiene al gruppo culturale e parla perfettamente la lingua dell’utente e della sua famiglia.

29/04/2020

Il Metodo Etnoclinico
Il dispositivo di mediazione etnoclinica si attua a partire dalla domanda :
- diretta di un soggetto o di una famiglia
- di professionisti e delle equipes di operatori delle istituzioni che hanno in carico l’utente
e consiste in un numero definito di consultazioni (3-5) rinnovabili se necessario.
Nel primo caso la famiglia incontra la pedagogista etnoclinica e se necessario si coinvolge nel lavoro etnoclinico anche un mediatore e/o una mediatrice culturale.
Nel secondo caso si dà il via alle consultazioni etnocliniche.

29/04/2020

A chi si rivolge il lavoro etnoclinico ?
A tutte le persone, adulti, giovani e bambini che vivono un momento di difficoltà personale, professionale o scolastica, e che hanno nella loro storia personale hanno una storia di migrazione, e/o di interazione culturale (bambini, giovani e famiglie migranti, famiglie e coppie culturalmente miste e genitori e figli delle adozioni internazionali).

29/04/2020

Il Dispositivo di Mediazione Etnoclinica
A tal fine la mediazione si serve di un dispositivo operativo specifico, che permette il manifestarsi della dimensione etnica di modelli educativi ed iniziatici, di concezioni della malattia e dell’origine del male, di cura e di guarigione, di giustizia e di regolazione dei conflitti, di democrazia e di gestione del potere. Tali concezioni possono non coincidere con i modelli etnici occidentali, poiché si legano a trasgressioni, azioni, turbamenti, in un universo popolato da esseri visibili e invisibili, e contemporaneamente a legami, a rapporti comunitari e a responsabilità generazionali per noi desuete e rare o totalmente assenti dalle nostre forme di vita, basate principalmente su deleghe istituzionali.
Facendo di queste differenze un punto operativo di forza il dispositivo permette di :
- identificare i disordini sopravvenuti nella famiglia e di proporre una strategia di intervento adatta alla presa in carico
- stabilire una passerella tra le logiche istituzionali e le logiche familiari e culturali

29/04/2020

Area 5: Servizio di Mediazione etnoclinica.
Il Lavoro Etnoclinico.
La mediazione etnoclinica interviene sulle difficoltà esistenziali delle persone migranti. A partire dalla differenza culturale di cui si è portatori o portatrici essa si pone l'obiettivo di far emergere i legami familiari e culturali e le appartenenze dei soggetti con il mondo - o i mondi - delle origini ed i conflitti o i disordini indotti dalla migrazione rispetto ad essi. Per questo la mediazione etnoclinica attraverso un dispositivo di lavoro specifico è in grado di far emergere la narrazione delle storie personali, familiari e culturali delle persone con un vissuto migratorio. Praticare la mediazione etnoclinica nella relazione con persone migranti significa creare uno spazio formale, metodologicamente definito, nel quale attraverso un lavoro sulle lingue e le culture in compresenza si costruisce di volta in volta una presa in carico specifica della persona e della famiglia. A tal fine l'etnoclinica coniuga gli strumenti di lavoro clinici con i saperi, le logiche e le pratiche culturali dei pazienti in uno spazio formale di mediazione, che trasforma la presa in carico in un intervento complementare e complesso.

29/04/2020

Area 4: Pedagogia della Famiglia
Consulenze in Psicopedagogia della famiglia.
La Pedagogia della famiglia è un insieme di strumenti e pratiche volti a migliorare la qualità del primo microcosmo sociale e dei suoi componenti intesi come singoli, come diade o come gruppo. Certo la famiglia è il luogo dell’amore per eccellenza perché “un giorno” fu proprio l’amore tra due individui a siglarne il patto fondante ma … non tutti vivono “sempre felici e contenti”.Così all'interno di questo spazio d'amore, la famiglie può diventare anche un luogo di tensione e conflitto più o meno grave: nella coppia o nel ruolo di genitori, con i figli o tra fratelli. Un microcosmo che, spesso, si ritrova da solo ad affrontare grandi problemi: le famiglie ricostituite, quelle separate, i figli dell’altro, l’amore che si trasforma o finisce; in prima linea, le scelte, l’abbandono scolastico dei propri ragazzi, le difficoltà di apprendimento o con gli insegnanti, l’aspettare il ritorno dei figli ogni sabato sera … il ruolo dei nonni, la famiglia allargata, le ricorrenze, le perdite, la gestione economica dell’”azienda familiare”.
Le consulenze di Pedagogia della famiglia si propongono di esplorare le difficoltà, le incertezze che i membri della famiglia stanno attraversando e di identificare insieme a loro le risorse da mettere o rimettere in gioco per affrontarle e risolverle.

A tal fine lo Studio Pedagogico propone diversi percorsi possibili :
Counseling psicopedagogico individuale o di coppia;
Counseling psicopedagogico per bambini e adolescenti in difficoltà relazionale;
Mediazione di coppia o coniugale
in cui l’intervento si rivolge alla coppia coniugale (e non) in crisi ma che può, e vuole ancora, recuperare la propria storia ed il proprio rapporto, ripristinando, modificando o costruendo comunicazione, progetto, accordo, amore.essa si rivolge anche alle nuove situazioni di famiglie ricostituite, alle Nuove Storie, ai figli dell’altro coniuge, ai “fratelli di fatto”.
La Mediazione Familiare.
La Mediazione Familiare è uno spazio all’interno del quale una coppia in procinto di separazione o già separata/divorziata ha la possibilità di negoziare e raggiungere accordi circa la futura riorganizzazione della propria vita, nel rispetto delle reciproche esigenze e nella salvaguardia degli interessi e del benessere dei propri figli.

Ubicazione

Digitare

Telefono

Sito Web

Indirizzo


Messina
98123

Altro Istruzione Messina (vedi tutte)
Scuola Antonino Celona Scuola Antonino Celona
Messina, 98123

Ampi e luminosi spazi a misura di bambino

ECM Leonardo Formazione ECM Leonardo Formazione
Via Dei Mille, 243
Messina, 98123

Formazione ECM Formazione professionale APL Agenzia Per il Lavoro

I. C. Battisti Foscolo I. C. Battisti Foscolo
Via Manzoni 66
Messina, 98121

Scuola dell'infanzia - Scuola primaria - Scuola secondaria di primo grado

Didattica Per Bambini Didattica Per Bambini
Messina

Qui troverete quaderni/libri didattici in formato pdf a pagamento ma anche schede gratuite da salvare, stampare e condividere e idee per lavoretti da realizzare. Educatrice e Pedagogista Federica Sagone

Oxford College Mita Messina Oxford College Mita Messina
Via Mario Aspa N.7
Messina, 98122

Scuola altamente specializzata in corsi per tutti i livelli e certificazioni linguistiche riconosciute la MIUR

Quater Academy Quater Academy
Via Bartolomeo Da Neocastro, 4
Messina, 98123

Corsi di formazione. 🇪🇸 🇬🇧 Certificazioni linguistiche. Ei-Point Università Mercatorum 🎓

E-Campus Università Me E-Campus Università Me
Via Macello Vecchio 1
Messina, 98122

Il Polo di Studio 120 dell'Università eCampus è situato a Sant'Agata di Militello (ME) presso l'Ateneo San Michele, con le sedi staccate in tutto il territorio siciliano e in molte città italiane compreso Messina in Via Macello Vecchio 1 .

RICERCA E CONSOLIDAMENTO DEL TALENTO SCIENTIFICO RICERCA E CONSOLIDAMENTO DEL TALENTO SCIENTIFICO
Http://www.facebook.com/profile.php?id=100000773783370
Messina, 98123

Scuola secondaria di primo grado T.A.Juvara Scuola secondaria di primo grado T.A.Juvara
Piazza Casa Pia
Messina, 98121

Test4U Test4U
Messina, 98124

Lezioni di Spagnolo, Inglese e Italiano per stranieri a Messina Lezioni di Spagnolo, Inglese e Italiano per stranieri a Messina
Messina

Sono disponibile ad aiutare chi ha bisogno di imparare o di migliorare la propria conoscenza della lingua sp****la, inglese e italiana (Qualsiasi livello)