Ricercatori Insolenti

Informazioni di contatto, mappa e indicazioni stradali, modulo di contatto, orari di apertura, servizi, valutazioni, foto, video e annunci di Ricercatori Insolenti, Centro di ricerca educativa, Itala.

Normali funzionamento

09/12/2020

Nel Libro dei Giudici, 7 Debora, la profetessa canta della vittoria di Barak su Sisera . Nella sua canzone, dice: "Maledetto sia Meroz! Maledetti, maledetti siano i suoi abitanti, dice l'angelo di D-o ! "

Dov'è Meroz e chi sono i suoi abitanti? Il Talmud 8 fornisce due spiegazioni, una delle quali è che Meroz è una stella o un pianeta. Anche i corpi celesti erano venuti per aiutare gli israeliti , come aveva affermato Deborah solo un versetto prima: “Dal cielo combatterono, le stelle dalle loro orbite. . . " Questa stella, tuttavia, che era la stella dominante di Sisera, a quanto pare non è venuta in loro aiuto. E così, il generale Barak ha penalizzato Meroz e i suoi abitanti.

Rabbino Tvzi Freeman

06/12/2020

Il grande problema della datazione delle Piramidi, una nuova ipotesi.

In netto contrasto con i risultati degli esami al radiocarbonio di altri reperti, le datazioni delle piramidi sono comprese tra 3809 ± 160 a.C. al 3101 ± 414 a.C. a 2853 ±104 a.C., o in media 3331 anni a.C. Solo escludendo la prima data media forse incerta del 3809 BC e facendo la media delle date al radiocarbonio medie i campioni alla fine hanno raggiunto la media del 2977 aC, nel senso che il cemento della Grande Piramide potrebbe essere stato portato almeno tra il 3101 ± 414 aC e2853 ± 104 a.C. La piramide centrale ha fornito date al radiocarbonio medie che variano da circa 3196 a circa2753 a.C., o in media 2988 a.C. La piramide minore variava tra il 3076 e il 2067 a.C., o in media il 2572A.C., e il Tempio della Sfinge tra il 2746-2085 a.C., o in media il 2416 a.C. Sebbene questi altri monumenti davano date meno disperse rispetto alla Grande Piramide, questo potrebbe essere dovuto al fatto che da qui sono stati prelevati molti meno campioni da questi e altri monumenti oltre a la Grande Piramide.

I campioni di cemento organico delle piramidi sono stati prelevati dalle pietre del nocciolo esterne che erano una volta ermeticamente chiusi sotto il mantello. Non dicono nulla dwl tempo in cui sono iniziate le prime attività di costruzione o anche quando le pietre del mantello furono finalmente poste.

Le date al carbonio di Lehner sono una buona indicazione, ma definire l'età delle piramidi è a problema molto più complicato.Sorprendentemente, la prima data 3809 ± 160 AC della Grande Piramide è stato dato da due campioni di carbone dauno strato superiore della Grande Piramide. Questi campioni potrebbero risalire al 3969 a.C. o al 3649 a.C. Varie prove suggeriscono che tutte le grandi piramidi siano state costruite su monumenti più antichi, ma del resto noi ci si aspetterebbe di trovare le prime date negli strati inferiori e interni piuttosto che negli strati superiori ed esterni. Comunque,un campione di legno dallo stesso strato superiore ha fornito una data più realistica del 3101 ± 414 aC. Ma questa data ha una gamma molto più ampia, dal 3515 aC al 2749 aC. Un altro campione dello stesso strato ha dato la data 3020 ±131 a.C. Tredici altri campioni dalla o inferiorestrati interni della Grande Piramide, tutto il radiocarbonio tranne due, variavano da 3090 ± 153 a 2853 ± 104 a.C.

Il geologo Dr. Robert Schoch ha sostenuto che queste date ampiamente disperse hanno senso solo se si presume
che le piramidi furono costruite e ricostruite in più fasi, suggerendo che i successivi faraoni come Khufu
erano solo eredi di monumenti esistenti, non i costruttori originali, e che hanno semplicemente ricostruito sezioni riparate precedentemente costruite. La malta utilizzata è di un composto di gesso che si lava facilmente via dopo due settimane di pioggia. Sebbene in Egitto non siano mai avvenute due settimane del genere, potrebbe esserci stato il mortaioaggiunto all'esterno di volta in volta, soprattutto nelle sezioni inferiori, prima che queste piramidi ricevessero le loro pietre dell'involucro. La data più alta suggerisce che il nucleo della Grande Piramide potrebbe già essere statocostruito già nel 3969-3649 a.C., mentre la maggior parte delle riparazioni furono effettuate tra il 3515 a.C. e il 2749 a.C. prima delil mantello è finalmente arrivato per proteggere il nucleo. Un'altra possibile spiegazione è che il materiale in carbonio più vecchio lo fosse utilizzato o riutilizzato nella malta in alto intenzionalmente per collegare la piramide con il passato remoto. Il solitoIl suggerimento è che il problema potrebbe essere il carbone, ma il carbone come il legno è molto raramente un problema. Ilil problema rimane: come hanno fatto i campioni datati più vecchi a raggiungere gli strati esterni superiori di tali enormi monumenti come ilpiramidi di Giza.
E finora la proposta di Robert Schoch ha più senso.

Nell'attuale sistema di datazione, in cui si pensa che la prima dinastia inizi più tardi intorno al 3100 a.C., ille date al radiocarbonio sembrerebbero suggerire che le piramidi fossero già state costruite durante la tarda etàPredynastic o Early First Dynasty, con la data più alta che arriva fino al Early Predynastic. Questonon ha senso, dal momento che anche altri monumenti della Quarta e Terza Dinastia data di circa 374 anniprima del previsto.Sembra quindi più probabile che la quarta dinastia stessa risalga a circa 374 anni prima diprevisto. La data più alta da sola indicherebbe quindi in modo più realistico il tardo predinastico, quando moltii tratti dinastici erano già comuni e alcuni segni di possibile costruzione piramidale lo sono visualizzato. Un precedente datazione della IV dinastia è coerente con il fatto che tutti i monumenti dell'Antico e del Primo Regno ha prodotto date più alte simili. Il valore di 374 anni è tuttavia solo una media del radiocarbonio medio date con intervalli molto variabili da vari periodi dell'Antico e del Primo Regno. Le date effettive permonumento può essere ovunque da 100 a 650 anni più vecchio delle date convenzionali dal 2100 al 3100 BC .
rispettivamente, conformano la curva di calibrazione generale con il suo normale intervallo di ± 100-170 anni.

da The Great Dating Problem, Part 2 -

Radiocarbon Dates and Early Egypt

Photos from Ricercatori Insolenti's post 07/03/2020

⚛️🔹✡️🌀Geometria Sacra🌀✡️🔹⚛️

🔹💠🔹(Parte 1)🔹💠🔹

In tutte le religioni e credenze troviamo numerose testimonianze dell'utilizzo di figure ricche di significati simbolici.

Ma cosa c'è di così nella ?

Nelle scuole del passato si insegnava che la geometria è stata usata da per creare l' , in quanto contiene elementi che descrivono fenomeni come la crescita delle piante, le proporzioni del corpo umano, l'orbita dei pianeti, la luce, la struttura dei cristalli, la musica.
Soprattutto le , come l' e l' , hanno espresso pienamente la densità del significato simbolico delle figure geometriche che possono presentarsi singolarmente o combinate le une alle altre, ma anche come elementi decorativi nei manufatti o in .

La porta del di , di epoca romana è stato preso dagli studiosi come esempio di decifrazione del significato simbolico delle figure geometriche.

Un’altra figura ricorrente nella geometria sacra è lo della (fig. 4). Nella figura c'è un formato dai due triangoli equilateri, è il simbolo ebraico conosciuto come la stella di che, in questa immagine, è in realtà un tetraedro a stella tridimensionale o tetraedro linterlacciato. È formato da due a tre facce, una che punta in alto e una che punta in basso.
Il significato simbolico dello schema starebbe nei primi tre versi della Genesi, al capitolo I,
recitano quanto segue:
"In principio Dio creò il cielo e la terra. E la terra era informe e vuota, le tenebre ricoprivano
l'abisso. E lo Spirito di Dio aleggiava sulla superficie delle acque. Dio disse: "Sia la Luce". E laLuce fu".

Per la geometria sacra le linee diritte rappresentano il maschile, mentre quelle curve il femminile; così ruotando sul suo asse e generando la sfera dall'ottaedro lo spirito è passato da una natura maschile ad una femminile fino alla creazione di tutto l'Universo.

La figura base è la vescica piscis che rappresenta il primo giorno della genesi. È composta da due sfere intrecciate, ovvero la struttura metafisica della luce, l'energia madre dalla quale tutto è stato creato. Da questa deriverebbe anche il simbolo cristiano del pesce.

🔹(Continua...)

02/03/2020

Le della
La più considerata storica dalla maggior parte degli archeologi e storici è la dinastia che durò dal 1600 a.C. al 1046 a.C. Si dice che due dinastie semi-mitiche abbiano preceduto la dinastia Shang. La prima dinastia è quella dei tre sovrani e dei .
I tre sovrani erano figure simili a un dio che si ritiene siano stati i primi sovrani della Cina. Si ritiene che abbiano introdotto le basi della civiltà. Come i pre-alluvione, avevano una durata della vita enormemente lunga.
Il dei tre sovrani fu Fu Xi. Dopo che una grande inondazione devastò il mondo, e sua moglie furono scelti dall'imperatore del cielo per ripopolare la terra.

A Fu Xi successe , un essere con un corpo mezzo donna e mezzo serpente. Si dice che Nuwa abbia cercato di frenare la marea del diluvio usando il suo corpo simile a un serpente per bloccare l'apertura nei cieli da cui provenivano le acque del diluvio.

Si ritiene inoltre che Nuwa sia il creatore dell'umanità e degli animali. In una leggenda, era presente quando il mondo è stato creato. Era sola, quindi decise di creare animali e umani.

Durante il , quando il dio dell'acqua ha sbattuto la testa contro il pilastro che regge il cielo, ha lavorato instancabilmente per riparare il cosmo e riparare il danno. Nuwa ha recitato in molti ruoli come moglie, sorella, capo tribale e persino un uomo a un certo punto. Si chiama sovrana terrena e ha governato per 11.000 anni.

tradotto da ancient origins .net Ancient-Origins.es

Photos from Ricercatori Insolenti's post 02/03/2020

, gli datano l'origine a 7.000 anni fa.

La ' fu distrutta da un ancora ignoto intorno al 1.200/1.100 a.c. Tracce di e corpi carbonizzati, le pesanti mura come da un violento .

Successivamente ricostruita fu definitivamente abbandonata intorno al 300 a.c.

Photos from Ricercatori Insolenti's post 02/03/2020

❤️LA CAVALLERIA PIÙ TEMUTA D'EUROPA❤️
_____________*USSARI ALATI*_____________

Ma quanto erano belli?!!

Pensate al casino che hanno fatto a contro gli !!!

Photos from Ricercatori Insolenti's post 02/03/2020

, e ' , strana somiglianza , , antico e . Forse rappresentazioni comuni delle forze della natura, dell' e/o della violenta, chissa'.

02/03/2020

"Sacro matrimonio" sul letto, tra e

Photos from Ricercatori Insolenti's post 02/03/2020

◾▪️IL Popolo più PULITO del Medioevo ▪️◾

Le informazioni e convinzioni sui che fossero stati dei barbari rozzi e sporchi, ci sono state trasmesse dalla propaganda politica e religiosa dell'epoca. Infatti, le cronache anglosassoni, chiamavano i Norreni ''diavoli'' del Nord e li descrivevano in questo modo:

"AD. 793. Quest'anno sono arrivati terribili presagi sulla terra dei Northumbri, infondendo terrore nel popolo nel modo più triste: ci sono state immense distese di luce che correvano nel cielo, e vortici, e feroci draghi che volavano nel firmamento. Questi tremendi segni sono stati presto seguiti da una grande carestia: e dopo non molto, nel sesto giorno prima delle idi di gennaio di questo stesso anno, la straziante incursione di uomini pagani ha fatto un miserabile scempio della chiesa di Dio nella sacra isola, con la sua rapina ed il suo massacro"

Ma il vero motivo era che certamente i racconti dei sopravvissuti alle incursioni non potevano che dipingere in questo modo i Norreni!

Prendendo in considerazione la paura e tutto quello che comportavano queste razzie, era normale descriverli come barbari sporchi e incolti.

Ma la è ben altra, per quanto riguarda le popolazioni norrene e il loro reale stile di vita.
In realtà, i norreni erano PULITI e avevano un'accurata IGIENE PERSONALE!
A confermarlo, ci vengono in aiuto numerose fonti del tempo.

Gli anglosassoni si lamentavano delle pratiche PAGANE di questi uomini che reputavano finalizzate a sedurre le loro nobildonne.

Il motivo? Accusavano questi "miscredenti" di lavarsi troppo spesso: una volta alla settimana, ogni sabato, di tenersi i capelli in ordine facendo uso di pettini, e di ADDIRITTURA cambiarsi frequentemente gli abiti di lana con vestiti puliti.

Già da questo vediamo come gli Uomini del Nord - in realtà - fossero molto al di sopra dello standard di igiene del Medioevo europeo!

Da notare tra l'altro che l'uso dei pettini non era finalizzato solamente ad una semplice acconciatura delle lunghe chiome o per una pulizia dalla normale sporcizia, ma era importante soprattutto per rimuovere i pidocchi.

Un'altra fonte, addirittura extra-europea, è quella per esempio del geografo ed esploratore persiano Ahmad ibn Rustah, che venuto in contatto con i Variaghi tra i ', ci narra esplicitamente dell'estrema pulizia di queste popolazioni norrene.💜✨

Sappiamo dunque che la pulizia del viso e delle mani avveniva una prima volta con cura la mattina, e poi ogni volta che ce n'era bisogno, come quella dei capelli, oltre ad un bagno settimanale come già detto.

É curioso come ci sia DIFFAMAZIONE dei Norreni da questo punto di vista, da parte di alcune fonti, e parallelamente quella fatta secoli prima nei confronti dei , (in cui troviamo molti punti in comune con la cultura di pulizia e cura del corpo).

Al pari dei Celti, infatti, la cura dei capelli era tenuta in gran considerazione dai Norreni, oltre che con la pulizia e le acconciature, anche con la stessa pratica, soprattutto da parte dei guerrieri, di schiarirsi i capelli e la barba, se non fossero già stati particolarmente biondi naturalmente.

Come i Celti anche i Norreni, producevano il loro sapone, usato per la cura e l'igiene del corpo. Infatti, nell'ambito delle culture del Medioevo europeo, quella norrena era in realtà, la cultura con più attenzioni alla pulizia personale e alla cura del corpo.
Solo in caso di lutto l'igiene era trascurata per un determinato periodo, come descritto anche nell'''Edda poetica'':Il dio non aveva lavato i capelli a causa del lutto per la morte del figlio .

La Storia, in realtà, è ricca di sfumature, che dobbiamo imparare a distinguere se vogliamo avere una CONOSCENZA che non sia piegata a chi in passato ha la realtà.

Photos from Ricercatori Insolenti's post 02/03/2020

dell' del .

di un con tipico armamento ed .
(Val Camonica)

02/03/2020

Questo è il dio (dall'akkadico).
Il simbolo di era una mezzaluna con le corna rivolte verso l'alto.
Il dio sumero della luna era Nanna, che era chiamata Sīn nella lingua parlata negli imperi babilonese e assiro. Sīn il sorgere delle acque e delle mandrie di bovini ed era visto come un dio saggio e insondabile, considerato il padre di molte divinità.La mezzaluna di Sīn appare accanto al sole di e alla stella a 8 punte di Ishtar nel primo livello, a significare la sua importanza come divinità maggiore. La mezzaluna di Sīn di solito appare sola o vicino a una stella, non con una stella al centro.
Questa combinazione di stella e rappresenterebbe quindi e : Giorno e Notte/ Luce e Oscurità: Dualismo zoroastrianoLa stella simboleggiava effettivamente il sole e la luce ( / )
Le origini della stella a mezzaluna, addirittura, arrivano fino all'Anatolia, dove il Regno del Ponto governava l'area del Mar Nero. Qui la religione era un singolare mix di credenze persiane, greche pagane e tradizionali anatoliche. Queste credenze anatoliche erano caratterizzate dal culto di Mēn, un dio lunare nelle parti interne dell'Anatolia e completamente adottato in tutte le terre del Ponto.
Ma questo dio non era simboleggiato da una mezzaluna orizzontale ma, diverso dai simboli precedenti, con una stella tra le sue corna.
Mēn influenzò in seguito rappresentazioni greche e romane di divinità lunari preesistenti come Selene, Ecate e Luna. Molti imperatori romani onorarono queste divinità lunari rappresentando una stella e una mezzaluna sulle loro monete. Secondo la "Historia Augusta", Caracalla era un devoto seguace del culto della Luna, che adorava , il nome latinizzato di Mēn, la variante maschile di .

13/02/2020

L'isola che non c'è
L'isola sopravvisse fino al 5.000 a.c., ultimo lembo del grande territorio che univa le attuali , e bassi fino alla . Ultimo delle che rimasero su quest'isola dopo l'innalzamento dei mari, e' oggetto di studi approfonditi e potrebbe rivelare ulteriori scoperte riguardo i suoi abitanti. Si suppone che l'isola sia stata spazzata via definitivamente dopo un , uno tsunami o altro che la fece scomparire in pochissimo tempo.

I includono frammenti di , e abitazioni , insediamenti con pavimenti affondati, canoe, trappole per pesci e siti di sepoltura.

Fino al 2015, i subacquei hanno scoperto tratti di foreste preistoriche al largo della costa di , resti di alberi e rami compressi.

by Marco Bartalini

Nationalgeorgographic HISTORY Focus ita RaiStoria Storia dell'arte Curiosità geografiche

13/02/2020

“Alcuni anni fa un amico americano ha aperto la serratura di una porta che conduceva ad un magazzino del egiziano di circa 8 piedi x dieci piedi. All'interno ha trovato "centinaia" di ciò che ha descritto come " ".
Queste dimensioni variavano da circa 8 pollici a circa 8 o 9 piedi di lunghezza complessiva e assomigliavano a catapulte, ma con un filo teso teso tra i denti della " ". Insiste, per inciso, sul fatto che questi non erano sicuramente non , ma "
Questi oggetti assomigliavano a una lettera "U" con una maniglia (un po 'come un forcone) e, quando il filo veniva strappato, vibravano per un periodo prolungato.
Mi viene in mente di chiedermi se questi dispositivi avrebbero potuto avere degli utensili temprati fissati sul fondo delle loro maniglie e se avrebbero potuto essere usati per tagliare o incidere la pietra, una volta che fossero stati messi in vibrazione. "


HISTORY National Geographic Adventure

13/02/2020

➡️Il fu un tipo di indossata dagli antichi e #
➡️realizzata grazie all’utilizzo di di e colla animale.
➡️Si rivelò talmente efficacie da essere utilizzata anche da .
➡️Il linothorax fu menzionato per la prima volta da Omero, che nell’Iliade descrive l’armatura indossata da Aiace Oileo definendola proprio linothorax.
➡️Leggera, costava poco ed era termica. HISTORY Museo Archeologico di Napoli National Geographic National Geographic Focus RaiStoria

13/02/2020

Cosa è L' attuale per voi?!
Ma sopratutto, chi sono i veri italiani secondo voi?
Se partiamo dal fatto che gran parte della nobiltà di questa *sola abbia origini nordiche, da nord a sud, sarebbe corretta l'idea di un italianità (attuale) che derivi appunto da .
Quando la nobiltà iniziò il suo declino (almeno per quanto riguarda l'Italia), molte di queste famiglie di altre nazioni divennero parte di commercianti, artigiani, agricoltori/allevatori, imprenditori, specialmente nella parte centro-settentrionale.

Ma chi sono dunque i veri italiani?!
Sono i popoli che abitarono questa pen*sola?
Furono forse le antiche popolazioni
greche/romane?!? furono i popoli ??! Il termine "italiano" e "italianità" al giorno d'oggi viene al quanto usato e fin troppo abusato per meglio dire...
Se gran parte dei sono in effetti di altra , la stessa identica cosa varrebbe anche per gran parte dei , senza tener conto che i meridionali pensano (INGIUSTAMENTE) di discendere dagli antichi popoli partenopei, facendo tralasciare appositamente l'abbondante influsso di sangue che scorre nelle loro vene!
Ma poi, se in gran maggioranza dai nordici, per quale motivo esistono moltissime differenze fisiche e antropologiche all'interno del popolo stesso?
L'unica cosa certa, è che gran parte della nobiltà di questa pen*sola discenda realmente da dinastie nordiche, a seguito delle ed il crollo definitivo dell'impero italico, ultimo popolo reggente delle


National Geographic National Geographic HISTORY Focus RaiStoria

07/02/2020

✨🌀EUROPA: CULLA DELL'UMANITÀ?🌀✨

Il dente che potrebbe riscrivere la nostra storia.

Un dente fossile di 9,7 milioni di anni è stato recuperato in Germania e presenta diverse caratteristiche in comune con i denti di Lucy, l'australopiteco di 3,2 milioni di anni e nostro antenato ancestrale. La scoperta potrebbe spostare l'origine dell'uomo in ! :') ❤️

Un team di , ha trovato l'antichissimo e prezioso reperto nei pressi della città di , in quello che fu un letto del fiume Reno. L'area è stata già teatro di altri ritrovamenti fossili sorprendenti!!

Ma cos'ha di così speciale questo dente? Scoperto a settembre 2016, dopo diversi mesi di analisi e test di confronto è stato determinata l'appartenenza a una grande scimmia (e non a una qualsiasi), ma a una che con le stesse caratteristiche del gruppo ancestrale da cui sarebbe emersa l'umanità, i cosiddetti (Hominini).

Il è un canino superiore sinistro, somiglierebbe infatti a quello della famosa Lucy, l'australopiteco (Australopithecus afarensis) di 3,2 milioni di anni rinvenuto in Etiopia, con la grande differenza che è molto, molto più vecchio!!

Per gli scienziati ciò non vuol dire che i nostri più antichi antenati vissero in Europa (secondo la teoria più accreditata le migrazioni dall'Africa dei primi esseri umani sarebbero avvenute meno di 100mila anni fa), ma che esiste una falla di conoscenze enorme sulle nostre , e che molto deve essere ancora scoperto per avere un'idea chiara e precisa della storia evolutiva dell'uomo.

Il del dente resta comunque un mistero, perché nessuno finora aveva trovato un reperto simile e soprattutto a quelle latitudini. Ma i ricercatori hanno trovato un secondo dente: un molare appartenente allo stesso individuo. Esso non presenta alcuna caratteristica associabile agli ominini, ma è più vicino a quello dei cosiddetti (primati estinti).
Se così fosse, si ridurrebbe drasticamente l'importanza della scoperta. 😢

Gli esperti hanno evidenziato che il dente è perfettamente conservato e vogliono coinvolgere i massimi esperti mondiali di per tutte le analisi del caso.
Forse fra qualche anno sapremo se realmente dovrà essere riscritta la storia dell'umanità.

Ad ogni modo, anche altre ricerche hanno trovato indizi su possibili origini europee, come quella delle orme di un potenziale hominino scoperte sull'isola di Creta!

~Fonte: museo di Storia naturale di Magonza~

05/02/2020

Scrivo questo post ispirata da un paio di scambi di opinione con Sara riguardo alla possibilità di rintracciare, nel testo biblico, aspetti assimilabili a quelli del vampirismo. Ricordavamo entrambe di aver letto nel testo biblico un accenno al sangue di che una volta versato da , grida fino al cielo - 4,10: “Riprese (Dio): "Che hai fatto? La voce del sangue di tuo fratello grida a me dal suolo!”

Ma io ricordavo anche che in un apocrifo dell'Antico Testamento si va ben oltre questa scarna descrizione. Ai tempi dell'università ero molto infognata riguardo alla figura del vampiro nella storia, cosa che mi ha portato anche a leggere la famosa relazione del dottor sul fenomeno del nell'Europa dell'est durante la meta del XVIII secolo (se interessa potrebbe essere soggetto di un prossimo post). E grande fu la mia sorpresa quando, durante la ricerca del materiale per la mia tesi, incappai in quello che segue.

L' di è un testo apocrifo di incerta datazione (la maggior parte degli studiosi si attesta oggi a datarlo intorno al I secolo d.C.), giunto a noi sia in lingua greca che latina - ma non si esclude la possibilità che esistessero degli originali scritti in lingua semitica, ebraico o aramaico; i a nostra disposizione sono tutti datati fra l'XI e il XVI secolo d.C. Viene considerato un (cioè a dire una sorta di amplificazione di un testo più antico, che incorpora anche tradizioni orali, opere moraleggianti e folclore del periodo in cui è stato scritto).

Proprio all'inizio di questo testo si racconta che ebbe un terribile:

“Mentre erano a letto, Eva disse ad , suo signore: - mio signore, stanotte ho visto in sogno che il di mio figlio – chiamato – veniva versato nella bocca di Caino, che lo ha bevuto senza pietà. (Amilabes) lo pregava di lasciargliene un po', ma egli lo ha bevuto fino in fondo senza ascoltarlo...”

E' possibile che il testo in esame descriva il primo esempio di vampirismo fra gli esseri umani?😶😶😶

Certo l'idea è affascinante, anche se magari in questo caso potrebbe trattarsi solo di un modo per dare maggior peso al tabù che già e soprattutto in ambiente giudaico ruotava intorno al sangue.

Ma c'è di più 😎. Poco più avanti nello stesso testo si legge, riguardo alle esequie di Adamo, che il stesso agli di coprire il corpo con delle lenzuola: “(...) Proseguì il Signore: “si porti anche il corpo di Abele”... poiché era rimasto insepolto dal giorno in cui suo fratello Caino lo aveva ucciso...La terra infatti non voleva accoglierlo accampando queste ragioni: Non accoglierò un altro corpo, finchè non ritorni a me la terra che mi è stata tolta per plasmare (l' uomo)". In soldoni la terrà aspetterà che la morte violenta di Abele sia bilanciata dal ritorno della terra usata per l'uomo, per tumulare anche il corpo del figlio. Evidentemente questo era rimasto insepolto per molti anni senza corrompersi! Anche questo riportò alla mia mente quello che si diceva intorno alla figura del non-morto, riguardo proprio alla incorruttibilità delle sue membra.😮

Ovviamente il mio modo di leggere certi scritti è plasmato e influenzato dall'ambiente in cui vivo, da quello che leggo e perché no, anche dai film che guardo, ma trovo comunque questi passaggi molto interessanti. Come se alla fine l'uomo temesse sempre e solo le stesse cose: la morte, l'ineluttabilità di questa e della violenza insita in ogni individuo, il senso di impotenza di fronte a ciò che non si può spiegare o cambiare.

(nell'immagine un'opera di "Adamo ed Eva trovano il corpo di Abele", 1826 circa)

By Michela Tozzi (https://www.facebook.com/michela.tozzi.56)

Photos from Ricercatori Insolenti's post 01/02/2020

🕯️🌾🕯️🌾🕯️🌾🕯️🌾🕯️🌾🕯️🌾🕯️🌾
LA FESTA CELTICA DELLE CALENDE DI FEBBRAIO

🕯️ORIGINI DI IMBOLC🌾
La celebrazione di risale all'era precristiana nelle Isole britanniche.

Le prime menzioni di Imbolc nella letteratura irlandese risalgono al X secolo. La poesia di quel tempo collega la festività al latte di pecora, con l'implicazione della purificazione.

È stato ipotizzato che ciò derivi dal ciclo riproduttivo delle pecore e dall'inizio dell'allattamento. La festa era tradizionalmente allineata con il primo giorno di primavera e l'idea di rinascita.
Quello che sappiamo, , o è un termine dall'origine incerta: Imbolc potrebbe derivare da Imb-folc, cioè
"Grande pioggia" e in molte località dei paesi celtici questa data è chiamata anche "Festa della Pioggia" (sia perchè segna l'inizio della "stagione delle piogge", sia per il ritualmente praticato per liberarsi dalle impurità invernali). Invece Oimelc significa "nel latte" (essendo questo il periodo in cui nascono i nuovi agnelli e verrebbe a dire anche i figli di Beltane). Mentre Imbolg ovvero "nel sacco" è il grembo della Madre Terra e il termine richiama i semi che stanno germinando sotto la terra e che spunteranno appena arriveranno le prime piogge.
Imbolc è una festa celebrata dal 1° febbraio al tramonto il 2 febbraio.
Basato su una tradizione celtica, Imbolc doveva segnare il punto a metà strada tra il solstizio d'inverno e l'equinozio di primavera nell'Irlanda del Neolitico e in Scozia. La festa è celebrata da Wiccan e altri praticanti di religioni neopagane o influenzate dai pagani. Imbolc è solo una delle numerose festività precristiane che mettono in luce alcuni aspetti dell'inverno e della luce solare e annunciano il cambiamento delle stagioni.

🕯️DEA BRIGIDA🌾
Le celebrazioni imboliche hanno preso la forma di un festival in onore della dea pagana , che è stata evocata in riti di fertilità e ha supervisionato poesie, artigianato e profezia. Brigida fu venerata dai , una classe di poeti e storici tra i Celti dell'antica Irlanda e della Gran Bretagna.

Brigida era considerata una delle divinità celtiche più potenti, la figlia del Dagda, il dio più antico del pantheon celtico Tuatha du Danann. Aveva anche due sorelle di nome Brigida (anche se si ipotizza che queste sorelle simboleggiano i diversi aspetti della stessa dea).

Brigida appare nella saga Cath Maige Tuired e Lebor Gabála Érenn, una presunta storia dell'Irlanda raccolta da varie poesie e testi nel X secolo.

I miti sulla nascita di Brigid dicono che è nata con una fiamma in testa e ha bevuto il latte di una mucca mistica dal mondo degli spiriti. A Brigid viene attribuito il primissimo lamento, un lamento tradizionale per i morti praticato ai funerali da donne irlandesi e scozzesi.

🕯️IMBOLC ANTICO🌾
In epoca precristiana, l'osservanza di Imbolc è iniziata la notte prima del 1° febbraio. I celebranti si preparano per una visita da Brigida nelle loro case fabbricando una bambola della dea formata da fasci di avena e giunchi. La bambolina viene vestita e messa in un cestino durante la notte.

🕯️SANTA BRIGIDA🌾
Nel corso dei secoli, Brigida fu adottata nel cristianesimo come Santa Brigida.
Una delle tre sante patrone dell'Irlanda, la Chiesa cattolica afferma che Santa Brigida era una persona storica, con resoconti sulla sua vita scritti da monaci risalenti all'VIII secolo. Brigida (o Bridget) è la patrona delle suore, dei neonati, delle ostetriche, delle domestiche e dei bovini irlandesi.

Che esistesse o meno, queste storie contengono aspetti in comune con i dettagli della dea pagana e illustrano il passaggio dal culto pagano a quello cristiano.

Come la dea Brigida, Santa Brigida è associata al latte e al fuoco. Nata in Irlanda intorno al 453 d.C., St. Brigid era figlia di uno schiavo e di un capo che fu celebrato in tenera età per le sue conoscenze agricole.

Senza interesse a sposarsi, l'obiettivo di Brigida era quello di creare un monastero a , presumibilmente l'ex sito di un santuario dell'omonima dea celtica. Brigid ha vissuto tutta la sua vita lì.

Era famosa per la sua ca**tà con i poveri e le storie abbondano dei suoi poteri curativi. Santa Brigida era amica di San Patrizio, la cui predicazione la fece divenire la prima suora dell'Irlanda.

Si dice che Santa Brigida sia morta nel 524 d.C. Si ritiene che i resti del suo cranio e della sua mano siano in possesso di chiese in Portogallo (anche questa una delle false sante reliquie?).

Nel XII secolo, la leggenda narra che le suore di Kildare abbiano assistito a un incendio costruito in onore di Santa Brigida. Il fuoco aveva bruciato per 500 anni e non aveva prodotto cenere, e solo le donne erano autorizzate a sostare in prossimità del fuoco.

La celebrazione della festa di Santa Brigida il 1° febbraio è stata organizzata dalla chiesa in sostituzione di Imbolc (come il resto delle festività pagane, i "buoni" cristiani se ne appropriarono e ne presero i meriti).
Nel giorno della sua festa, una rappresentazione di Santa Brigida di Kildare viene tradizionalmente lavata nell'oceano e circondata da candele che hanno lo scopo di "asciugare", e gambi di grano vengono trasformati in talismani incrociati, noti come "Croci di Brigida".

🕯️IMBOLC MODERNO🌾
La celebrazione moderna di Imbolc è considerata un affare sobrio, sciolto e talvolta privato, legato alla riconnessione con la natura.

Dal momento che è una festività specifica per il clima, alcuni seguaci della religione Wicca modificano la loro celebrazione per corrispondere a una data più appropriata per l'arrivo della primavera in cui vivono. Altri abbracciano il simbolismo della festa e continuano alla celebrazione del 1° febbraio.

Le tradizioni della celebrazione pagana di Imbolc e della celebrazione cristiana del giorno di Santa Brigida si possono trovare nella moderna celebrazione di Imbolc. I celebrati, a volte fanno una croce di Brigida tra le canne e una bambola di mais.

🕯️CANDELORA🌾
La Candelora è una festa cristiana celebrata il 2 febbraio che ha aspetti in comune con Imbolc. La sua celebrazione può essere fatta risalire alla Grecia del IV secolo come festa di purificazione e celebrazione del ritorno della luce.

Le candele sono state tradizionalmente utilizzate nella sua osservanza. È possibile che sia un adattamento cristiano della festa romana .

FONTI
Enciclopedia delle antiche divinità. Charles Russel Coulter e Patricia Turner.
Brigit: Dea, Santa, 'Donna Sacra'. Carole M. Cusack .

Vuoi che la tua scuola/universitàa sia il Scuola/università più quotato a Itala?

Clicca qui per richiedere la tua inserzione sponsorizzata.

Ubicazione

Sito Web

Indirizzo


Itala
Altro Educational Research Itala (vedi tutte)
Educare con Disciplina Positiva Educare con Disciplina Positiva
Itala, 00

Educazione con disciplina positiva è una guida per gli adulti nel accompagnare i bambini/ragazzi n