Centro Studi Universitari

Centro Studi Universitari

Pagina informativa delle tematiche trattate negli studi del Centro Studi Universitari; organizzati d

Normali funzionamento

Camminare nell’amore: il servizio cristiano in azione 25/09/2023

Camminare nell’amore: il servizio cristiano in azione Il servizio nella chiesa è un compito di grande importanza e significato. Non si tratta semplicemente di coinvolgimento emotivo o entusiasmo, ma di un impegno serio e profondo preso con il Signore e capo della chiesa, Gesù Cristo. Chi decide di dedicarsi al servizio nella chiesa deve farlo con pi....

27/06/2023

MEDITAZIONE מֶדִיטַציָה (Medìtatzyàh)! Questa volta scelgo il termine più vicino alla nostra lingua per tradurre una parola che ha molti sinonimi. È mio desiderio elaborarli uno ad uno. L’Accademia della Lingua ebraica traduce MEDITAZIONE בּוֹנְנוּת (Bonenùt). La sua radice è la stessa di בִּינָה (Binàh) INTELLIGENZA, COMPRENSIONE, SAGGEZZA, INTELLETTO, CAPACITÀ di intendere una cosa dentro un’altra cosa: בִּינַת הַלֵּב (Binàt hallèv) L’INTELLIGENZA DEL CUORE che è la vera INTUIZIONE. Sempre da questa radice primaria ב י ן troviamo nella forma riflessiva MEDITAZIONE הִתְבוֹנְנוּת (Hitbonenùt) COMPRENSIONE DI SÉ ma anche GUARDARSI DENTRO NEL PROFONDO con gli occhi del divino: CONTEMPLARE.
Aryeh Kaplan afferma che il termine più comune nella letteratura ebraica per designare la MEDITAZIONE sia כַּוָּנָה (Cavvanàh) INTENZIONE, CONCENTRAZIONE, DEVOZIONE; “COSCIENZA DIRETTA”: l’atto meditativo diviene l’agente che la dirige.
Un’ altra parola significativa e molto attinente alla MEDITAZIONE è un altro riflessivo הִתְבּוֹדְדוּת (Hitbodedùt) ISOLAMENTO DI SÉ. Chiara la vicinanza con בּוֹדֵד (Bodèd), sinonimo di לְבַד SOLO interpretabile come PORTA DEL CUORE ד לֵב (Dàlet-dèlet lev).
Se andiamo a cercare sui vocabolari moderni la parola MEDITAZIONE, troviamo un'altra radice di cui abbiamo parlato diverse volte ה ר ה ר: doppio MONTE הַר per RIFLETTERE. MEDITAZIONE הִרְהוּר (Hirhùr) diventa un movimento di radicazione ed elevazione!
Tutte queste radici e parole ci hanno insegnato molto sul senso della MEDITAZIONE מֶדִיטַציָה (Medìtatzyàh)! Esse ci invitano a quello stato naturale di coscienza che ci permette di prendere veramente contatto con il SÉ. “È proprio un’arte del saper ESSERE!” (D. Lumera). Entriamo con leggerezza nello spazio di luce e colore che ci comprende e ama!
!שלום לכולם
Cari amici, i bambini di Milev Layeled hanno bisogno del vostro aiuto. In questi 5 anni non ho mai fatto un appello simile ma mi trovo in grandi difficoltà che fino ad oggi ho superato grazie alla vendita dei miei due libri. Spero di parlare a tutti coloro che in questi anni hanno seguito fedelmente ed energeticamente questa pagina. Con l’occasione vorrei ricordare che ogni euro donato, arriverà direttamente ai bambini. Grazie di cuore. MILEV LAYELED ONLUS IT81X0306909606100000007426
www.horaboav.net
H. Aboav, “Crescere con le radici delle parole ebraiche”, Castelvecchi, 2020.
(Libro in favore dei bambini di Milev Layeled, si trova nelle librerie e si può ordinare su Amazon e alla libreria ebraica di Roma Keriat Sefer: http://www.Kiryatsefer.it/)
H. Aboav, “Le voci delle parole ebraiche” Edizioni Nadir Media, Prefazione di Annalisa Comes, 2022. (Libro in favore dei bambini di Milev Layeled). Per ordinarlo:
https://kiryatsefer.it/prodotto/le-voci-delle-parole-ebraiche/

23/06/2023

PRESENZA DIVINA שְׁכִינָה (Shechinàh)! La Shechinàh è la PRESENZA DIVINA che trova DIMORA מִשְׁכָּן(Mishccàn) dentro ognuno di noi. I saggi insegnano che essa è l’origine di tutte le anime. È l’archetipo del femminile e dell’accoglienza: non esprime aspetti del divino che possono intimorirci; è come una madre che si prende cura di noi e ci indica la strada dell’elevazione spirituale.
וְעָ֥שׂוּ לִ֖י מִקְדָּ֑שׁ וְשָׁכַנְתִּ֖י בְּתוֹכָֽם׃
(Ve’asù li mikddàsh veshachanttì betochàm).
«E faranno per Me un Santuario e Io DIMORERÒ in mezzo a loro. (letteralmente: “dentro di loro”)».
La Presenza divina aspetta pazientemente e tranquillamente che Le si faccia posto e La si lasci entrare.
Il מִשְׁכָּן (Mishccàn) TABERNACOLO è legato alla tenda del Convegno come dimora sacra.
Le parole שְׁכִינָה, מִשְׁכָּן e שָׁכַנְתִּי derivano dalla stessa radice ש כ ן che ci conduce nei significati del dimorare, alloggiare, stabilire, stabilirsi, risiedere.
Il suo valore semantico-energetico 370 è lo stesso della radice ש ל ם, il cui tema è quello della completezza che viene espressa insieme all’armonia, alla PACE שָׁלוֹם e alla salute. Scopriamo un’espressione di forte impatto evolutivo e di crescita coscienziale con le due esperienze radicali insieme:
METTERE PACE לְהַשְׁכִּין שָׁלוֹם (Lehashcchìn shalòm).
Seminare zizzania fra le persone e coltivare contrasti, porta grave disagio e fa danni enormi prima di tutto in colui che li crea. Si aiuta così l’avanzamento entropico del nostro universo.
Lo שָׁכֵן (Shachèn) è anche il VICINO di casa. Quando abitiamo i cuori dei “vicini”, ci troviamo sempre al cospetto della שְׁכִינָה, la Sua presenza.
שבת שלום!
Cari amici, i bambini di Milev Layeled hanno bisogno del vostro aiuto. In questi 5 anni non ho mai fatto un appello simile ma mi trovo in grandi difficoltà che fino ad oggi ho superato grazie alla vendita dei miei due libri. Spero di parlare a tutti coloro che in questi anni hanno seguito fedelmente ed energeticamente questa pagina. Con l’occasione vorrei ricordare che ogni euro donato, arriverà direttamente ai bambini. Grazie di cuore. MILEV LAYELED ONLUS IT81X0306909606100000007426

06/06/2023

ANIMA נֶפֶשׁ (nèfesh)! Anche PERSONA.
Essa è il primo livello dell’ANIMA ed è legata al SANGUE דָם (Dam) come è scritto nella Toràh:
כִּי הַדָּם הוּא הַנָּפֶשׁ
(Chi Haddàm hu hannàfesh. Deuteronomio 12,23)
«Poiché il sangue è l’anima-(vita)».
Se elaboro la parola נֶפֶשׁ (Nèfesh) e prendo la lettera פ (Pe’-BOCCA) che rappresenta la parola e il silenzio e lascio unite la ש e la נ formo la parola ׁנָש (Nash) che in aramaico è sinonimo di אָדָם (Adàm) UOMO. Questa espressione dell’anima è la naturale espressione umana.
La radice נ פ ש (Nun-Pe’-Shin) si apre al tema del silenzio, della pacatezza e del riposo e nella forma verbale rafforzata prende il significato di “RIPOSARSI, TI**RE IL FIATO”.
Bella l’espressione usata per il Signore che aveva cessato la sua opera e si ERA RIPOSATO nel settimo giorno…
וַיִנָּפֵשׁ
(Vainnàfesh - Esodo 31,17).
Questa è la forma dell’anima vegetativa ed è sinonimo di VITA. In Genesi per parlare delle persone che Abramo e Sara avevano portato alla conoscenza del Dio Unico, si usa נֶפֶשׁ (Nèfesh) al singolare, essendo diventati tutti una sola anima, persona legata dallo stesso ideale (Genesi 12,5). Anche quando si ricordano le anime dei morti si fa riferimento a נֶפֶשׁ (Nèfesh).
שבוע טוב!
H. Aboav, “Crescere con le radici delle parole ebraiche”, Castelvecchi, 2020.
(Libro in favore dei bambini di Milev Layeled, si trova nelle librerie e si può ordinare su Amazon e alla libreria ebraica di Roma Keriat Sefer: http://www.Kiryatsefer.it/)
H. Aboav, “Le voci delle parole ebraiche” Edizioni Nadir Media, Prefazione di Annalisa Comes, 2022. (Libro in favore dei bambini di Milev Layeled). Per ordinarlo:
https://kiryatsefer.it/prodotto/le-voci-delle-parole-ebraiche/
Per inviare una donazione a Milev Layeled onlus: https://www.paypal.com/donate?hosted_button_id=Q9RD56BDELQVC
www.horaboav.net

06/06/2023

SPIRITO רוּח (Rùach)! רוּחַ esprime il secondo livello dell’ANIMA e significa SPIRITO, SOFFIO, VENTO fino ad essere un sinonimo di ARIA. Secondo la mistica ebraica i tre livelli dell’anima corrispondono alle tre funzioni respiratorie. La respirazione cellulare e organica avviene attraverso il sangue di נֶפֶש (Nèfesh); la circolazione dell’aria attraverso gli organi preposti alla respirazione è di רוּחַ (Rùach) e il movimento inspiratorio ed espiratorio appartiene a נְשָׁמָה (Neshamàh). Tutte parole che mettono in atto un grande movimento sottile nell’ambito emozionale e spirituale.
Da רוּחַ (Ruach) ha origine la parola SPIRITUALITÀ רוּחָנִיּוּת (Ruchaniyyùt).
La radice di רוּחַ (Rùach) è ר ו ח che introduce il tema dell’espansione e del distanziare fino ad alleggerire, arieggiare e portare beneficio.
La prima volta che appare questa parola è per rivelare la “prima Manifestazione della Potenza Creatrice di Dio” che si librava sulla superficie delle acque (Genesi 1,2).
וְר֣וּחַ אֱלֹקִים מְרַחֶ֖פֶת עַל־פְּנֵ֥י הַמָּֽיִם
(Verùach Elokìm merachèfet ‘al penè hammàyim.)
«E lo Spirito di Dio aleggia sulla faccia delle ACQUE».
La Profezia è stata concessa dallo SPIRITO SANTO, SACRO רוּחַ הַקֹּדֶשׁ (Rùach hakkòdesh). Così risuonarono le ultime parole poetiche del Re David:
ר֥וּחַ ה' דִּבֶּר־בִּ֑י וּמִלָּתוֹ עַל־לְשֹוֹנִֽי
(Rùach Hashèm dibbèr-bi; umillatò ‘al- leshonì.)
«Lo Spirito del Signore ha parlato in me (‘grazie’ a me) e la sua parola è sulla mia lingua».
Non dimentichiamo di riconoscere questo spirito in noi, ogni volta che manifestiamo all’altro l’espressione più intima del nostro essere.
שלום לכולם!
Da: H. Aboav, “Crescere con le radici delle parole ebraiche”, Castelvecchi, 2020.
(Libro in favore dei bambini di Milev Layeled, si trova nelle librerie e si può ordinare su Amazon e alla libreria ebraica di Roma Keriat Sefer: http://www.Kiryatsefer.it/)
H. Aboav, “Le voci delle parole ebraiche” Edizioni Nadir Media, Prefazione di Annalisa Comes, 2022. (Libro in favore dei bambini di Milev Layeled). Per ordinarlo:
https://kiryatsefer.it/prodotto/le-voci-delle-parole-ebraiche/
Per inviare una donazione a Milev Layeled onlus: https://www.paypal.com/donate?hosted_button_id=Q9RD56BDELQVC
www.horaboav.net

14/05/2023

MAMMA אִמָּא (Ìmma)! Che parola!! Il suo valore gematrico 42 si articola in sinergia con i sentimenti naturali di ognuno di noi: 42 è lo stesso valore di הַיְּחִידָה (Hayyechidàh) L’UNICA! Anche לִבִּי (Libbì) IL MIO CUORE condivide la stessa stretta relazione. Quando rifletto sugli ebrei nel deserto, non posso fare a meno di pensare alla loro tenda אוֹהֵל (Óhel), protetta dall’Eterno che li ha custoditi durante tutto il viaggio ed è bello scoprire che MAMMA אִמָּא ha in comune con la tenda אוֹהֵל (Óhel) lo stesso peso energetico-semantico. Non sto parlando di una semplice persona ma di uno strumento divino di vita. MADRE אֵם (Em) è scritta come אִם (Im) SE. La madre è la condizione della vita! אִמָּא è il luogo che ci ha accolto con amore e ci ha permesso di vedere la luce. Quanto è difficile allontanarsi dalla madre per diventare “luogo” noi stessi!
!תודה אמא
!שבוע טוב

05/05/2023

AMORE אַהֲבָה (Ahavàh)! Una parola di grande potenza che vale 13 ed ha lo stesso valore semantico-energetico di אֶחָד (Echàd)1UNO. Insieme, queste due parole valgono 26, che è il valore gematrico del Tetragramma, il nome impronunciabile del Signore: il Nome che manifesta la faccia misericordiosa del divino.
AMORE אַהֲבָה (Ahavàh), secondo Samson RaphaelHirsh, deriva da una radice antica יהב (Yod- Hei- Bet) oggi usata in rare forme che significa OFFRIRE. La הָבָה (Hàvah) della famosa canzone “Hàvah Naghìla” (Orsù gioiamo) deriva anche essa da questa radice e prende il senso “dell’affrettarsi a dare, orsù”. Laא (Àlef) non esprime suono ma risuona potente nel suo silenzio primordiale e all’inizio della parola funge da motore: così il significante dell’offrire si espande a dismisura.
Secondo la Mistica ebraica, l’amore è stato ed è la prima legge naturale universale che ha messo in moto e continua a movimentare le illimitate combinazioni delle lettere ebraiche, pure espressioni energetico creative d’informazione.
La struttura di questa parola è molto interessante: la א (Àlef) apre la parola; poi si hanno due ה (He’) anche esse mute ma aspirate come il suono del respiro nella loro espressione del divino.Esse fanno da cornice alla ב (Bet) che accoglie l’energia dell’ Àlef ed è segno indelebile della benedizione che accompagna אַהֲבָה (Ahavàh) (l’) AMORE.
Il valore 13 ricorda anche la parola בַּחַג (Bachàg) NELLA FESTA e
l’azione יָבֹא (Iavò) VERRÀ. Non esiste vera festività ove la gioia non si accompgni all’amore. Un augurio che faccio a tutti noi è che tutto ciò che verrà, sia nel segno dell’UNO e dell’AMORE.

שבת שלום!
H. Aboav, “Crescere con le radici delle parole ebraiche”, Castelvecchi, 2020.
(Libro in favore dei bambini di Milev Layeled, si trova nelle librerie e si può ordinare su Amazon e alla libreria ebraica di Roma Keriat Sefer: http://www.Kiryatsefer.it/)
H. Aboav, “Le voci delle parole ebraiche” Edizioni Nadir Media, Prefazione di Annalisa Comes, 2022. (Libro in favore dei bambini di Milev Layeled). Per ordinarlo:
https://kiryatsefer.it/prodotto/le-voci-delle-parole-ebraiche/
Per inviare una donazione a Milev Layeled onlus: https://www.paypal.com/donate?hosted_button_id=Q9RD56BDELQVC
www.horaboav.net

27/04/2023

SANTITÀ קְדֻשָּׁה (Kedushshàh)! È l’ideale ultimo e meta di ogni essere umano a conquistare quella perfezione morale che avvicina alla divinità. La sua גִימַטְרִיָּה (Ghìmatriyyàh) è 415, nella sua scrittura piena קדושה, la stessa di תּוֹדָה (Todàh) GRAZIE. Questo grande insegnamento ci permette di comprendere la forza trasformatrice della vera gratitudine come strumento essenziale di una crescita responsabile. La sua radice è ק ד ש (Kof-Dàlet-Shin). I vari significanti esprimono il tema del SANTIFICARE, ELEVARE, SPOSARE, ANNUNCIARE, DIRE il קִדּוּש (Kiddùsh-Santificazione col vino) o il קַדִּיש (Kaddìsh – La preghiera per i morti che glorifica il Nome di Dio ), DISTINGUERE, DARSI ad un FINE SACRO, PURIFICARE . Un’altra radice, suo anagramma, ש ק ד (Shin-Kof-Dàlet) è in stretta relazione con i suoi significanti sociali: VIGILANZA, ESSERE IN PRIMA LINEA CON SOLERZIA, ESSERE PRONTO AD INTERVENIRE.
Questa è la radice del MANDORLO שְקֵדִיָה (Shekediyàh).
La ק , unica lettera non finale, scende verso il basso e si carica dell’aspirazione di rendere tutto più chiaro e portare la coscienza ai livelli di vera luce. La ד porta-apertura l’aiuta in questa operazione di superamento e di espansione nella forma per accedere al potere dello spirito divino della ש. SANTO e SACRO si traducono קָדוֹש (Kadòsh). Famoso e fondamentale per il popolo ebraico il verso 2 del capitolo 19 del Levitico in cui il Signore chiede a Mosè di parlare a tutta l’Assemblea dei figli d’Israele per chiedere loro:
«SIATE קְדֹשִׁ֣ים (Kedoshìm) SANTI PERCHÉ IO, IL SIGNORE DIO VOSTRO, SONO קָדוֹשׁ (Kadòsh) SANTO».
Il primo significato di קָדוֹש esprime la purezza del Signore, simbolo della spiritualità più integra , «immune da qualsiasi contaminazione della materia» (D.Lattes).
Ci sono filologi che lo avvicinano a חָדָש (Chadàsh) NUOVO, nel significante di PURO, PULITO, SPLENDENTE o alla radice פ ר ש (Pe’-Resh-Shin) che si apre al tema del DISTINTO, SEPARATO.
Ognuno di noi conosce il lungo processo per uscire da qualsiasi forma di incesto mentale e per poter fluire alla ricerca del nostro sé integri e unificanti.
È rilevante lo studio sull’origine di questo termine da parte di S. D. Luzzatto che lo fa derivare dall’espressione יְקוֹד אֵשׁ (Yekòd esh) INCENDIO DI FUOCO. Questo ci conduce al tema dei sacrifici ma anche a tutto ciò che è consacrato al Signore e di cui non se ne può fare un uso profano.
שבת שלום!
H. Aboav, “Crescere con le radici delle parole ebraiche”, Castelvecchi, 2020.
(Libro in favore dei bambini di Milev Layeled, si trova nelle librerie e si può ordinare su Amazon e alla libreria ebraica di Roma Keriat Sefer: http://www.Kiryatsefer.it/)
H. Aboav, “Le voci delle parole ebraiche” Edizioni Nadir Media, Prefazione di Annalisa Comes, 2022. (Libro in favore dei bambini di Milev Layeled). Per ordinarlo:
https://kiryatsefer.it/prodotto/le-voci-delle-parole-ebraiche/
Per inviare una donazione a Milev Layeled onlus: https://www.paypal.com/donate?hosted_button_id=Q9RD56BDELQVC
www.horaboav.net

23/04/2023

FORMAZIONE יְצִירָה (Yetziràh)! Anche CREAZIONE infatti la radice
י צ ר introduce il tema del CREARE, del FORMARE e del PRODURRE.

Il famoso verso 7 del secondo capitolo di Genesi sceglie questa radice:
וַיִּ֩יצֶר֩ ה' אֱלֹהקִים אֶת־הָֽאָדָ֗ם עָפָר֙ מִן־הָ֣אֲדָמָ֔ה......
(Vayyitzèr Hashèm Elokìm et Haadàm ‘afàr min haadamàh….)

Anche il termine FORMA צוּרָה deriva da questa radice. (Alcuni esperti riconoscono anche צ ו ר).
La parola FORMAZIONE יְצִירָה (Yetziràh) è molto conosciuta per gli amanti della saggezza ebraica nascosta perché סֵפֶר יְצִירָה (Sèfer Yetziràh) LIBRO (DELLA) FORMAZIONE è una delle opere fondamentali della mistica che perlustra la CREAZIONE dell’universo (Verso UNO). Questo scritto di sole 1800 parole è proprio una pietra miliare. Una certa tradizione ebraica attribuisce questo libro addirittura al patriarca Abramo (Rav A. Piattelli). La Kabbalàh si occupa di questo tema e usa questo termine per descrivere anche il terzo dei mondi: עוֹלָם הַיְּצִירָה (‘Olàm Hayyetziràh) IL MONDO della FORMAZIONE.
יֵצֶר (Yètzer) ISTINTO, Inclinazione riproduce esattamente questa radice
י צ ר : יֵצֶר טוֹב וְיֵצֶר רַע (Yètzer tov ve yètzer ra’) ISTINTO BUONO E ISTINTO CATTIVO.
י צ ר ricorda il dolore delle doglie צִיר (Tzir-stesse lettere della radice): צִירֵי לֵדָה (Tzirè’ Ledàh) DOLORI DEL PARTO.
Dolori che si dimenticano velocemente ma che portano alla nascita e alla vita. Ogni giorno noi lottiamo perché i nostri buoni propositi conquistino terreno nei confronti dei nostri limiti e inciampi naturali.
Questa aspirazione a migliorare fa pensare all’ardore con il quale gli olandesi hanno sottratto terre alle acque.
La י punto primo e di partenza della creazione non poteva mancare, accompagnata dalla צ che orienta verso la conquista del bene e la sensibilità spirituale. La ר mantiene la lotta esistenziale e impone la scelta tra grandezza e degradazione. Essa aiuta comunque a trovare soluzioni vantaggiose per la nostra sopravvivenza perché mantiene le funzioni intellettive della testa רֹאשׁ (Rosh) che sa unificare.
FORMAZIONE יְצִירָה (Yetziràh) ha un valore numerico 315 ed è in relazione con l’espressione אִמָּא בְּהֵרָיוֹן (Ìmma beherayòn) MAMMA IN GRAVIDANZA. יְצִירָה - יְצִירָתִיּוּת (Yetziràh-Yetziratiyyùt) CREATIVITÁ può anche essere tradotta con PRODUZIONE, CREAZIONE ARTISTICA di ogni genere. Cerchiamo tutti noi di far sì che la nostra vita sia proprio una grande יְצִירָה (Yetziràh)!
שבוע טוב!
H. Aboav, “Crescere con le radici delle parole ebraiche”, Castelvecchi, 2020.
(Libro in favore dei bambini di Milev Layeled, si trova nelle librerie e si può ordinare su Amazon e alla libreria ebraica di Roma Keriat Sefer: http://www.Kiryatsefer.it/)
H. Aboav, “Le voci delle parole ebraiche” Edizioni Nadir Media, Prefazione di Annalisa Comes, 2022. (Libro in favore dei bambini di Milev Layeled). Per ordinarlo:
https://kiryatsefer.it/prodotto/le-voci-delle-parole-ebraiche/
Per inviare una donazione a Milev Layeled onlus: https://www.paypal.com/donate?hosted_button_id=Q9RD56BDELQVC
www.horaboav.net

20/04/2023

SFIDA אֶתְגָּר (Etgàr)! Una parola subito esplicita perché la א apre con la sua capacità iniziatica e come motore della sua radice ת ג ר che abita גר la realizzazione della ת e quindi è in campo il miglior augurio di buona RIUSCITA הַצְלָחָה (Hatzlachàh). Alcuni studiosi ritengono che la א faccia parte della radice: א ת ג ר ma il suo sinonimo הִתְגָּרוּת sembra protendere per la prima tesi. La vera sfida nella vita è comprendere quale sia per ognuno di noi la propria sfida e il desiderio di impegnarci può veramente fare la differenza perché la vita ci metterà alla prova in continuazione e ci sfiderà senza sosta. Avere un buon approccio verso le SFIDE אֶתְגָּרִים (Etggarìm) è la dimostrazione di saper riconoscere che sono la parte essenziale di essere qui. M. Nahon afferma che la vera sfida è non smettere di ricordare la Presenza dell’Eterno in ogni occasione, anche in quelle più “basse” e approfondisce per i ragazzi una perla italiana nell’ambito dell’ETICA מוּסָר (Musàr) ebraica, elaborando “Il Sentiero dei Giusti” מְסִלַּת יְשָׁרִים (Mesillàt Yesharìm Testo medievale, scritto dal grande Maestro italiano, originario di Padova: Rabbì Moshèh Chayìm Luzzatto, detto Ramchàl (1707-1746). M. C. Luzzatto, Il sentiero dei Giusti, Ed. SAN PAOLO, Milano 2000.
בְּכָל־דְּרָכֶיךָ דָעֵהוּּ וְהוּא יְיַשֵּׁר אֹרְחֹתֶיךָ
(Bechòl derachècha da’èhu vehù yeyashèr orchotècha. Proverbi 3,6)
«In ogni tua strada Lo conoscerai ed Egli drizzerà i tuoi sentieri!»
«In tutti i tuoi passi pensa a lui ed Egli appianerà i tuoi sentieri»! (Trad. E. S. Artom).
D’altronde i Salmi (121,4) ricordano di poter contare sulla Sua Presenza sempre:
הִנֵּה לֹא־יָנוּם וְלֹא יִישָׁן
(Hinnèh lo-yànum velò yishàn)
«Ecco (Certo) non sonnecchia e non dorme». Queste parole esprimono un peso semantico 604 pari al valore numerico di אֶתְגָּר e rafforzano il senso della sfida giornaliera che dovremmo affrontare per realizzare la Volontà divina. Solo così potremmo sperare di raggiungere la LUCE E LA SALVEZZA אוֹר וִישׁוּּעָה (Or viyshu’àh). Siamo pronti per la sfida?
שבת שלום!
H. Aboav, “Crescere con le radici delle parole ebraiche”, Castelvecchi, 2020.
(Libro in favore dei bambini di Milev Layeled, si trova nelle librerie e si può ordinare su Amazon e alla libreria ebraica di Roma Keriat Sefer: http://www.Kiryatsefer.it/)
H. Aboav, “Le voci delle parole ebraiche” Edizioni Nadir Media, Prefazione di Annalisa Comes, 2022. (Libro in favore dei bambini di Milev Layeled). Per ordinarlo:
https://kiryatsefer.it/prodotto/le-voci-delle-parole-ebraiche/
Per inviare una donazione a Milev Layeled onlus: https://www.paypal.com/donate?hosted_button_id=Q9RD56BDELQVC
www.horaboav.net

09/04/2023

COLOMBA יוֹנָה (Yonàh)! La sua immagine bianco-candida con il ramoscello di ulivo זַיִת (Zait) nel becco che torna da Noè, è senz'altro scolpita dentro di noi come simbolo di PACE שָׁלוֹם e RITORNO ALLA VITA חַיִּים (Chayim).

Colomba יוֹנָה (Yonàh) 71 vale come l’espressione כֹּחַ הַלֵּב (Coach hallev) LA FORZA DEL CUORE che rivela FEDELTA’ נֶאֱמָנוּת (Neemanut), inscritta nella sua missione. Le lettere del TETRAGRAMMA con questa energia femminile della נ si apre a prospettive di SPERANZA תִּקְוָה (Tikvàh) . Una vera VISIONE חָזוֹן (Chazon) 71! I mistici insegnano che la נ sia l’origine di tutte le anime. E’ anche noto che Colomba יוֹנָה (Yonàh) sia un vezzeggiativo per riferirsi all'affetto e all'amore verso una donna. Non si deve però dimenticare la sua ingenuità e la fragilità del suo volo che a volte deve affrontare correnti contrarie. Infatti in הוֹשֵעַ (Hoshe’a) 7,11 la metafora della Colomba יוֹנָה (Yonàh) viene usata per evidenziare la sprovvedutezza di Efraim (Israele) che si fida dei nemici.

Gli esperti ci dicono che la colomba “magica” che appare dal vuoto cilindro non sia in genere una colomba ma un תּוֹר (Tor) TORTORA, volatile della stessa famiglia degli יוֹנִיים (Ioniim) I columbidi . Non è definibile la sua radice. La Colomba יוֹנָה (Yonàh) si accomuna spesso a י נ ה dal significato di OPPRIMERE, INGANNARE, FUGGIRE : in Tzefaniàh 3,1 si parla di Gerusalemme come la “città (depressa) ingannatrice הָעִיר הַיּוֹנָה (Ha’ir hayonàh)“! י נ ה è vicina alla fuga di Giona יוֹנָה (Yonàh) il profeta, figlio di Amittai che nutrendo un amore assoluto per Israele, tentò di sottrarsi al comando divino. Il libro con il suo nome si legge nel sacro giorno di Chippur perché fa riflettere sull'importanza e la necessità del PENTIMENTO תְּשׁוּבָה (Teshuvàh). Esso offre purezza e candore alla nostra anima come quella immagine iniziale della Colomba יוֹנָה (Yonàh) che ci addestra a rimanere fedeli al tempo del divino.

Buona Pasqua e שבוע טוב!

H. Aboav, “Crescere con le radici delle parole ebraiche”, Castelvecchi, 2020.
(Libro in favore dei bambini di Milev Layeled, si trova nelle librerie e si può ordinare su Amazon e alla libreria ebraica di Roma Keriat Sefer: http://www.Kiryatsefer.it/)
H. Aboav, “Le voci delle parole ebraiche” Edizioni Nadir Media, Prefazione di Annalisa Comes, 2022. (Libro in favore dei bambini di Milev Layeled). Per ordinarlo:
https://kiryatsefer.it/prodotto/le-voci-delle-parole-ebraiche/
Per inviare una donazione a Milev Layeled onlus: https://www.paypal.com/donate?hosted_button_id=Q9RD56BDELQVC
www.horaboav.net

05/04/2023

LIBERTÀ דְרוֹר, חוֹרִין, חֵרוּת, חֹפֶשׁ (Chòfesh, Cherùt, Chorìn, Deròr)! Ci approcciamo ad una parola di vitale importanza nella nostra vita che in ebraico si esprime con significanti diversi.

Le stesse lettere di חֹפֶשׁ (Chofèsh) ci introducono alla radice ח פ ש (Chet-Pè-Shìn). Tale radice non esprime soltanto il LIBERARE לְחַפֵּשׁ (Lechappèsh) ma anche il CERCARE, ESAMINARE, CHIEDERE לְחַפֵּשֹ (Lechappès), e stranamente anche il MASCHERARSI ֹלְהִתְחַפֵּשֹ (Lehitchappès). Quante maschere ci impediscono di cercare il nostro vero desiderio di libertà nella nostra quotidiana prova del crescere! Crescere è CERCARE לְחַפְּשֹ (Lechappès) dentro di noi. Chi cerca מְחַפֵּשֹ (Mechappès), trova la LIBERTÀ חֹֹפֶשׁ (chòfesh) e può librarsi in alto come un GABBIANO שַׁחַף (shàchaf).

Le MASSIME dei PADRI ci portano alla seconda riflessione con la parola חֵרוּת (Cherùt): «Le Tavole della Torà sono opera del Signore e lo scritto è scrittura del Signore חָרוּת (Charùt) scolpita sulle Tavole. Non leggere חָרוּת (Charùt) SCOLPITA ma חֵרוּת (Cherùt) LIBERTÀ, perché veramente LIBERO non è se non colui che si occupa della Toràh»(Cap.VI,2).
Questo invito all’elevazione spirituale quotidiana ci porta anche al terzo sinonimo חוֹרִין (Chorìn) LIBERTÀ. In questo contesto LIBERO viene tradotto con l’espressione בֵּן חוֹרִין (Ben chorìn ) figlio della Libertà.

L’ultima parola che ci avvicina alla LIBERTÀ è il nome di un uccellino della famiglia dei canterini: il PASSERO o PASSEROTTO דְרוֹר (Deròr). Quando lo vediamo volare libero, possiamo percepire intorno la primavera: la stagione che stiamo vivendo ci farà festeggiare la festa di Pesach פֶּסַח in libertà. RICERCA SPIRITUALE NEL CANTO CI FA UOMINI LIBERI!?!
חג פסח שמח!
(Questa sera si festeggerà Pesach e si celebrerà la prima cena del Seder.)

H. Aboav, “Crescere con le radici delle parole ebraiche”, Castelvecchi, 2020.
(Libro in favore dei bambini di Milev Layeled, si trova nelle librerie e si può ordinare su Amazon e alla libreria ebraica di Roma Keriat Sefer: http://www.Kiryatsefer.it/)
H. Aboav, “Le voci delle parole ebraiche” Edizioni Nadir Media, Prefazione di Annalisa Comes, 2022. (Libro in favore dei bambini di Milev Layeled). Per ordinarlo:
https://kiryatsefer.it/prodotto/le-voci-delle-parole-ebraiche/
Per inviare una donazione a Milev Layeled onlus: https://www.paypal.com/donate?hosted_button_id=Q9RD56BDELQVC
www.horaboav.net

01/04/2023

PÈSACH פֶּסַח! Questa parola deriva dalla radice פ ס ח che significa PASSARE AL DI SOPRA, PASSARE OLTRE, SALTARE.
וַאֲמַרְתֶּ֡ם זֶֽבַח־פֶּ֨סַח ה֜וּא לַֽה' אֲשֶׁ֣ר פָּ֠סַח עַל־בָּתֵּ֤י בְנֵֽי־יִשְׂרָאֵל֙ בְּמִצְרַ֔יִם
(Vaamarttèm zèvach-Pèsach hu laHashèm ashèr pàsach ‘al-battè venè-Yisraèl bemitzràyim (Esodo 12,27)).
E colpì ogni primogenito egiziano. Non dimentichiamo però che פֶּסַח è soprattutto il nome del “SACRIFICIO” dell’agnello che si mangiò in famiglia la notte prima dell’uscita dall’Egitto. Torna il concetto di בַּיִת (Bàyit) CASA, FAMIGLIA (Esodo 12,3). Questa parola può anche essere letta come פ סח (Pe’ Sach – ס י ח) la BOCCA RACCONTA. Il RACCONTARE, DIRE לְהַגִיד (Lehaghìd נ ג ד - Nun-Ghìmel-Dàlet) si esprime anche nella parola הַגָּדָה HAGGADÀH NARRAZIONE, testo che si legge durante le prime 2 sere del SEDER סֵדֶר ORDINE. Ricordare e vivere in prima persona gli accadimenti vissuti dagli ebrei in schiavitù fino alla liberazione e l’uscita dall’Egitto sono vivi e attuali come se si annullasse il tempo e si desse maggiore consapevolezza al qui e ora. Tre parole sono essenziali per uscire d’obbligo פֶּסַח (Pèsach), מַצָּה (Matztzàh) AZZIMA e (Maròr)מָרוֹר ERBA AMARA. מָר (Mar) AMARO è proprio vicino all’italiano. Uno degli anagrammi interessanti di פ ס ח è ס פ ח (Sàmech-Pe’-Chet) il cui tema è quello del LEGAME, dell’AGGIUNGERE e della PARTECIPAZIONE. Non è da dimenticare che il valore gematrico di פֶּסַח 80+60+8 = 148 è lo stesso valore di נֶצַח (Nezàch) 50+90+8 148 VITTORIA, ETERNITÀ. Il Rav A. Steinsaltz insegna, che la liberazione dall’Egitto è con un “SALTO”: si riferisce all’abbreviazione-segno d’amore- dell’esilio. Ad Abramo era stato annunciato che la schiavitù sarebbe durata 400 anni ma fu ridotta a 210. Questa festività di (Pèsach) פֶּסַח viene ricordata anche con altre denominazioni:
חַג הַמָּצּוֹת , חַג זְמָן חֵרוּתֵנוּ וְחַג הָאָבִיב
(Chag Hammatztzòt, Chag Zemàn Cherùtenu (ch suono gutt.) veChàg HaAvìv.
FESTA DELLE AZZIME, FESTA della NOSTRA LIBERAZIONE e FESTA della PRIMAVERA.
Nella festa di פֶּסַח ci rallegriamo per la liberazione ma non si recita l’Hallel, la preghiera dei salmi di lode del Signore per intero in ricordo della morte degli egiziani. (Lo si recita per intero solo la prima sera e il primo giorno). Il Signore aveva detto ai suoi angeli: - Le mie creature affogano e voi recitate una cantica?
L’amore dell’Eterno verso il popolo ebraico è ricordato con la lettura della Meghillàh del Cantico dei Cantici.
Cerchiamo tutti di celebrare פֶּסַח con la stessa speranza che ha sempre sorretto i nostri Padri, specialmente nei momenti più difficili.
חַג פֶּסַח שָֹמֵחַ! ושבוע טוב
(Mercoledì sera festeggeremo la prima sera di פֶּסַח)
Da: H. Aboav, “Crescere con le radici delle parole ebraiche”, Castelvecchi, 2020.
(Libro in favore dei bambini di Milev Layeled, si trova nelle librerie e si può ordinare su Amazon e alla libreria ebraica di Roma Keriat Sefer: http://www.Kiryatsefer.it/)
H. Aboav, “Le voci delle parole ebraiche” Edizioni Nadir Media, Prefazione di Annalisa Comes, 2022. (Libro in favore dei bambini di Milev Layeled). Per ordinarlo:
https://kiryatsefer.it/prodotto/le-voci-delle-parole-ebraiche/
Per inviare una donazione a Milev Layeled onlus: https://www.paypal.com/donate?hosted_button_id=Q9RD56BDELQVC
www.horaboav.net

31/03/2023

ORDINE סֵדֶר (Sèder)! Parola che ricalca appieno la sua radice ס ד ר , ci immette in un sistema ORDINATO מְסֻדָּר (Mesuddàr) sia da un punto di vista cronologico, posizionale che esistenziale. Non dimentichiamo l’ORDINE del PRINCIPIO סֵדֶר בְּרֵאשִׁית (Sèder Bereshìt) con il quale il Signore ha creato in piena libertà, imponendo leggi naturali benevole per l’universo! Non mi meraviglio che il termine “cosmos” in greco si traduca ORDINE .
Il riflessivo di ס ד ר è לְהִסְתַּדֵּר (Lehisttaddèr) e significa TROVARE IL PROPRIO POSTO, sistemarsi. Questo compito esperienziale è una funzione evolutiva di primaria importanza perché ci indica la strada per la realizzazione nostra e degli altri che ci accompagnano. ORDINE סֵדֶר (Sèder) è un elemento sintropico che può aiutare l’universo intero al di sopra di ogni giudizio come atto d’AMORE אַהֲבָה (Ahavàh). L’ espressione (besèder) בְּסֵדֶר (È) in ordine, VA BENE riconosce e supporta. Quando siamo “in ordine”ci sentiamo bene. L’ORDINE סֵדֶר (Sèder) è un sostegno. Non poteva mancare la ס appoggio. Posso leggere infatti: דר ס (Dar sàmech) ABITA SÀMECH. Il famoso Rabbì ‘Akivà (עֲקִיבָא) ci insegna che dobbiamo leggere questa lettera סוֹמֵךְ מַךְ (Somèch Mach) come colui che sostiene il bisognoso. In tutto il mondo si può usare lo stesso libro di preghiere che viene chiamato סִדּוּר תְּפִלָּה Siddùr Tefillàh perché segue per lo più lo stesso סֵדֶר ordine.
Il ” סֵדֶר “ (Sèder) più conosciuto è la cena che commemora la prima sera di פֶּסַח Pèsach (Pasqua) che sta avvicinandosi. Si usa celebrarlo in DIASPORA גוֹלָה (Golàh) , גָלוּת (Galùt) anche la seconda sera. Vorrei ricordare anche i סְדָרִים (Sedarìm) (ORDINI) di Rosh-hashanàh e quello di Tu-Bishvat.
Facciamo attenzione alla differenza fra ס ד ר ORDINARE, SISTEMARE o METTERE A POSTO e צ ו ה ORDINARE nell’accezione di COMANDARE!!
שבת שלום!
H. Aboav, “Crescere con le radici delle parole ebraiche”, Castelvecchi, 2020.
(Libro in favore dei bambini di Milev Layeled, si trova nelle librerie e si può ordinare su Amazon e alla libreria ebraica di Roma Keriat Sefer: http://www.Kiryatsefer.it/)
H. Aboav, “Le voci delle parole ebraiche” Edizioni Nadir Media, Prefazione di Annalisa Comes, 2022. (Libro in favore dei bambini di Milev Layeled). Per ordinarlo:
https://kiryatsefer.it/prodotto/le-voci-delle-parole-ebraiche/
Per inviare una donazione a Milev Layeled onlus: https://www.paypal.com/donate?hosted_button_id=Q9RD56BDELQVC
www.horaboav.net

Vuoi che la tua scuola/universitàa sia il Scuola/università più quotato a Piacenza?

Clicca qui per richiedere la tua inserzione sponsorizzata.

Ubicazione

Telefono

Indirizzo

Via Niccolò Machiavelli
Piacenza
29121

Orario di apertura

Giovedì 20:30 - 22:00
Sabato 16:00 - 18:00
Domenica 10:30 - 12:00
Altro College e università Piacenza (vedi tutte)
Management per la Sostenibilità Management per la Sostenibilità
Via Emilia Parmense 84
Piacenza, 29122

Scopri il primo corso di laurea triennale interamente dedicato alla sostenibilità! UNICATT Piacenza

Master of Science in Sustainable Viticulture and Enology Master of Science in Sustainable Viticulture and Enology
Via Emilia Parmense, 84
Piacenza, 29122

Master full time in Sustainable Viticulture and Enology #SVE-PC

VENIT - Viticulture & Enology - OneYear Specializing Master VENIT - Viticulture & Enology - OneYear Specializing Master
Via Emilia Parmense, 84
Piacenza, 29121

a.y. 2021-2022 Place: Piacenza Application deadline: August 30th, 2021

Università Cattolica del Sacro Cuore / Zootecnia sostenibile di precisione Università Cattolica del Sacro Cuore / Zootecnia sostenibile di precisione
Via Emilia Parmense, 84
Piacenza, 29122

Laurea Magistrale nel settore zootecnico proposta dall’Università Cattolica - Campus di Piacenza

Bevi Sicuro Bevi Sicuro
Piacenza

BeviSicuro. Uso e gestione consapevole dell'acqua.

ISREC - Istituto di storia contemporanea di Piacenza ISREC - Istituto di storia contemporanea di Piacenza
Via Roma 23/25
Piacenza, 29121

riportiamo in questa pagina le iniziative promosse dall'Isrec di Piacenza e notizie relative a Conve

Study in Piacenza and Cremona at Università Cattolica del Sacro Cuore Study in Piacenza and Cremona at Università Cattolica del Sacro Cuore
Via Emilia Parmense
Piacenza, 29122

International Life

Alta Formazione Emilia Romagna Alta Formazione Emilia Romagna
Piacenza

Corsi di Alta Formazione e qualifiche regionali- www.comdue.com CHI SIAMO La nostra società nas

Polo Territoriale di Piacenza - Politecnico di Milano Polo Territoriale di Piacenza - Politecnico di Milano
Via Scalabrini 76
Piacenza, 29121

Il Polo Territoriale di Piacenza del Politecnico di Milano è nato nel 1997 per realizzare una siner

General Management - Università Cattolica del Sacro Cuore General Management - Università Cattolica del Sacro Cuore
Via Emilia Parmense, 84
Piacenza, 29122

Corso di Laurea Magistrale in General Management

Associazione Ex-studenti del Collegio S.Isidoro Associazione Ex-studenti del Collegio S.Isidoro
Strada Anselma, 7
Piacenza, 29122

Pagina ufficiale dell'Associazione degli Ex-studenti del Collegio S.Isidoro - Università Cattolica

UCSC Field Crops Group UCSC Field Crops Group
Via Emilia Parmense, 84
Piacenza, 29122

UCSC Field Crops group è un team di ricerca che mira a fornire conoscenza nel campo delle produzion