Luciano Giustini Shares

Luciano Giustini Shares

Commenti

Eterogenesi dei fini... Russia, Nato e gli altri attori.
Spunti di riflessione sul mio blog.

https://www.lucianogiustini.org/blog/eterogenesi-dei-fini/
Stasera 31 marzo 2022 alle 24.00 termina lo stato d'emergenza in Italia. Da domani quindi cadranno alcuni degli obblighi previsti e in particolare il Green pass per l'accesso agli uffici pubblici e altre tipologie di servizi, anche se rimane per categorie quali i dipendenti, o per palestre e piscine, ecc.

Ma il covid ovviamente non segue i tempi del legislatore ma sue dinamiche. E anche i contagi.

Molti infatti si stanno contagiando di Covid più frequentemente nelle ultime settimane. La causa è la sottovariante BA.2 di Omicron, ancora più contagiosa di Omicron, ma per fortuna poco pericolosa, nella maggior parte dei casi (e se si è vaccinati).

“BA.2, one of three known subvariants of Omicron, is now the most dominant form of COVID in the world, believed to be more transmissible than previous strains.
According to the data from the Centers for Disease Control and Prevention (CDC), infections from BA.2 have jumped 39 per cent in a week, pushing infection rates to between 51-59 per cent.”
,
“E’ probabile che nel 2035, passeggiando per la capitale, vedremo cantieri aperti e finanziati per il Giubileo di 10 anni prima. Perché a Roma le cose vanno così.
Un ingegnere impegnato in grandi cantieri pubblici ci raccontava che ormai la regola è questa: i progetti vengono consegnati dai tecnici e finiscono in un cassetto. Quando devono essere cantierizzati sono trascorsi così tanti anni che i progetti sono ormai vecchi, non più adeguati alle normative e vanno rifatti.”
Dovrebbe forse esserci una rivolta russa, scrive l'autore Christian Rocca, di fronte a tale ingiustificata e feroce aggressione all'. Altrimenti il rischio è che ci siano di nuovo "Volenterosi carnefici di Putin", alla pari dei tedeschi comuni raccontati da Daniel Goldhagen nel suo famoso saggio sugli anni di Hi**er.
🛢️ "Colossale truffa" dice Cingolani. Ha ragione. I prezzi di gas e petrolio infatti non sono aumentati in proporzione tale da giustificare gli aumenti. Le aziende petrolifere stanno semplicemente aumentando a dismisura i prezzi "in previsione di"...
⛽ Poi certo ci sono le accise...
Nella guerra fra Russia e Ucraìna sono in gioco anche clima e ambiente

L'avanzata russa non sembra fermarsi, assumendo rapidamente le fattezze di un'invasione su larga scala. Una crisi che oltre ad essere umanitaria, nel lungo periodo risulterà devastante sia per l'ambiente ucraino che per gli stati limitrofi. I rischi sono molteplici, a partire dalle fondate preoccupazioni che colpi di artiglieria pesante possano colpire - intenzionalmente o meno - uno dei 15 reattori nucleari dell'Ucraina. A questo si aggiunge, oltre alle manomissioni da parte delle due parti belligeranti della rete del gas e i conseguenti incendi che ne possono conseguire, la natura di un settore industriale fortemente sviluppato nell'Ucraina Orientale - come per esempio nelle regioni secessioniste del Donbass - caratterizzato da siti industriali metallurgici, fabbriche chimiche, centrali elettriche e miniere in disuso.
(Scienza in Rete)


Dietro alla galassia dei novax, così come fu al tempo dell'esplosione delle fake news online, non ci sono solo ideologie o narrazione, ma si muovono soprattutto interessi economici e personaggi senza scrupoli. La storia di un medico ex novax.
In una lettera aperta al Ceo di Youtube, le organizzazioni di fact-checking di tutto il mondo invitano la piattaforma a collaborare per intraprendere misure efficaci contro la disinformazione.

Tra le proposte:
1️⃣ Garantire maggiore trasparenza.
2️⃣ Fornire agli utenti contesto e verifiche dei fatti.
3️⃣ Agire contro chi diffonde in maniera sistematica contenuti contrassegnati come disinformazione.
4️⃣ Maggiore impegno contro l’informazione errata in lingue diverse dall’inglese.

Augurandosi che l’implementazione di queste idee venga presa in considerazione i fact-checker propongono infine un incontro per discutere di questi argomenti e individuare modalità di collaborazione.

Il testo integrale della lettera qui ➡️ https://pagellapolitica.it/blog/show/1388/lettera-aperta-al-ceo-di-youtube-dai-fact-checker-di-tutto-il-mondo
Scatta l'obbligo vaccinale per chi ha più di 50 anni compiuti.
☑️ Fact-check per Teresa Bellanova ❌
Non è vero che il nostro è il «Paese europeo con la percentuale più alta di vaccinazioni».
Dalla popolazione vaccinata alle dosi somministrate, i numeri danno torto alla viceministra delle Infrastrutture.
"Il leader che segue corsi sulla leadership." Ironico come sempre e da rivedere, il bravissimo Giovanni Scifoni.
Negli anni ‘80 siamo passati dalla produzione di gioielli della commedia all’italiana della seconda metà del Novecento, opera di maestri come Scola e Monicelli, ai demenziali e spesso volgari cinepanettoni dei fratelli Vanzina, pieni di ammiccamenti, pseudo erotismo e situazioni triviali. Lo specchio dell’indirizzo culturale del Paese e di una società oramai priva di qualunque capacità critica e riflessiva, assuefatta a un intrattenimento figlio del consumismo massificato che non avrebbe smesso di peggiorare negli anni a seguire e fino a i giorni nostri.

Sharings on Communication & Digital Media: Perspectives, Technology, Algorithms, Mis+Disinformation, La pagina rappresenta un punto di incontro per condividere informazioni, notizie, dati ed articoli riguardo Internet e il mondo della Comunicazione digitale, a partire dalle esperienze di ricerca e formazione di Luciano Giustini, ingegnere e docente universitario.

Normali funzionamento

Photos from Galatea Vaglio Pillole di Storia's post 08/09/2022

Diciamo che i Carli in Inghilterra non hanno vita facile, né fortunata.

Carlo I Stuart, nipote di Mary Stuart, fu odiato perché sospettato di essere filocattolico, litigò con il Parlamento, fece scoppiare una rivoluzione convincendo gli Inglesi e rinunciare alla monarchia, addirittura riuscì a farsi tagliare la testa dai sudditi. Che ce ne vuole.

Carlo II, sempre Stuart, figlio del precedente, sempre poco amato, dovette affrontare una epidemia di peste e il grande incendio di Londra, baruffò anche lui con il Parlamento, e passò la vita a schivare congiure e attentati, fino a morire per un ictus, senza legittimi eredi, aprendo così una crisi dinastica che portò alla fine della dinastia.

A Carlo nostro, nessuno ha mai capito perché i genitori gli abbiano voluto affibbiare, come erede al trono, un nome così menagramo, perché era un po’ tirargliela fin dalla nascita.
Dopo una vita passata all’ombra della madre, un matrimonio disastroso, un divorzio persino peggiore, arriva al trono a 73 anni, dovendo sopportare il peso dell’ingombrante ricordo della madre.
Dicono che vorrebbe cambiare nome, e chiamarsi Giorgio, come il nonno.

10/08/2022

🙂

Byung-chul Han fa il più facile dei mestieri: l’apocalittico 06/07/2022

Byung-chul Han fa il più facile dei mestieri: l’apocalittico

🎺Abbiamo assaporato le sue profonde critiche al mondo digitale, provando un senso di soddisfazione, quasi unanime, nel trovare una spiegazione ai nostri malesseri e dubbi.

🧐 È ora, però, di avere un approccio più critico a Byung-chul Han. Il filosofo coreano, infatti, appartiene agli ‘intellettuali apocalittici’ descritti da Umberto Eco più sessant’anni fa. Ma è molto più bravo.
👇
https://lgiustini.wordpress.com/2022/07/04/byung-chul-han-fa-il-piu-facile-dei-mestieri-lapocalittico/

Byung-chul Han fa il più facile dei mestieri: l’apocalittico L’ultimo libro del filosofo sudcoreano dimostra che, nella sua deprecazione degli effetti che la rivoluzione digitale produce, tende a dimenticare che alcuni dei fenomeni che condanna sono invece p…

Photos from Horror Mania's post 28/06/2022

Photos from Horror Mania's post

La differenza tra bugie e ipocrisie, e come la Grande Menzogna trumpiana minaccia (ancora) l’Occidente 24/05/2022

La differenza tra bugie e ipocrisie, e come la Grande Menzogna trumpiana minaccia (ancora) l’Occidente

"Le premesse, tuttavia, sarebbero ottime, perché l’America è nelle migliori mani possibili, tenuto conto dell’alternativa sconfitta nel novembre 2020. Biden, scrive il premio Pulitzer Tom Friedman, è una figura agli antipodi dalla caricatura che ne fanno le tv nemiche (Fox su tutte), sempre impegnate a dipingerlo come un vecchio incapace di «mettere due frasi in fila».

Questo presidente, al contrario, ha tenuto insieme l’Occidente — «dal Canada al Giappone passando per la Finlandia» — e messo l’Ucraina in condizione di difendersi dall’aggressione russa. Inoltre non le manda a dire ma ogni volta si rivolge a un interlocutore preciso, cosa che pochi capiscono."

Mentre sta riunendo gli alleati, tuttavia, la sua America si sta dividendo su tutto, eredità dell'amministrazione Trump e della coda velenosa della sua devastante uscita di scena, ben supportata da una polarizzazione religiosa e politica feroce.

Quel Trump sta proseguendo la sua campagna sulla grande menzogna delle "elezioni rubate", con ottime chance di arrivare al 2024 facendo credere, as usual, che le 'fake news' siano quelle degli altri...

La differenza tra bugie e ipocrisie, e come la Grande Menzogna trumpiana minaccia (ancora) l’Occidente di Gianluca Mercuri (Corriere della Sera, New York Times, Financial Times, Stampa) «Panino integrale con insalata di tonno e pomodoro, una ciotola di frutta e un milkshake al cioccolato così buono …

Eterogenesi dei fini (Russia, Nato, e...) • Luciano Giustini 18/05/2022

Eterogenesi dei fini (Russia, Nato, e...) • Luciano Giustini

Eterogenesi dei fini... Russia, Nato e gli altri attori.
Spunti di riflessione sul mio blog.

https://www.lucianogiustini.org/blog/eterogenesi-dei-fini/

Eterogenesi dei fini (Russia, Nato, e...) • Luciano Giustini Alla Finlandia fino a tre mesi fa se chiedevano se volesse entrare nella Nato diceva “assolutamente, non è all’ordine del giorno”. Ricordiamo la proverbiale neutralità del paese scandinavo (tanto che si parlava di ‘finlandizzazione’ per indicare una possibile via d’uscita nei negoziati...

Subvariant BA.2: What we know about the most dominant COVID strain 31/03/2022

Subvariant BA.2: What we know about the most dominant COVID strain

Stasera 31 marzo 2022 alle 24.00 termina lo stato d'emergenza in Italia. Da domani quindi cadranno alcuni degli obblighi previsti e in particolare il Green pass per l'accesso agli uffici pubblici e altre tipologie di servizi, anche se rimane per categorie quali i dipendenti, o per palestre e piscine, ecc.

Ma il covid ovviamente non segue i tempi del legislatore ma sue dinamiche. E anche i contagi.

Molti infatti si stanno contagiando di Covid più frequentemente nelle ultime settimane. La causa è la sottovariante BA.2 di Omicron, ancora più contagiosa di Omicron, ma per fortuna poco pericolosa, nella maggior parte dei casi (e se si è vaccinati).

“BA.2, one of three known subvariants of Omicron, is now the most dominant form of COVID in the world, believed to be more transmissible than previous strains.
According to the data from the Centers for Disease Control and Prevention (CDC), infections from BA.2 have jumped 39 per cent in a week, pushing infection rates to between 51-59 per cent.”

Subvariant BA.2: What we know about the most dominant COVID strain BA.2, one of three known subvariants of Omicron, is now the most dominant form of COVID in the world, believed to be more transmissible than previous strains.

Metro C a piazza Venezia e tram TVA: solo i giornali si sorprendono che non saranno pronti per il Giubileo | Diarioromano 29/03/2022

Metro C a piazza Venezia e tram TVA: solo i giornali si sorprendono che non saranno pronti per il Giubileo | Diarioromano

,
“E’ probabile che nel 2035, passeggiando per la capitale, vedremo cantieri aperti e finanziati per il Giubileo di 10 anni prima. Perché a Roma le cose vanno così.
Un ingegnere impegnato in grandi cantieri pubblici ci raccontava che ormai la regola è questa: i progetti vengono consegnati dai tecnici e finiscono in un cassetto. Quando devono essere cantierizzati sono trascorsi così tanti anni che i progetti sono ormai vecchi, non più adeguati alle normative e vanno rifatti.”

Metro C a piazza Venezia e tram TVA: solo i giornali si sorprendono che non saranno pronti per il Giubileo | Diarioromano Nessuna persona di buon senso ha mai creduto alla realizzazione di queste opere entro il 2025. Ma i media lo scoprono solo ora e lanciano gli allarmi!

Dov’è la collera russa? | Non è solo la guerra di Putin, purtroppo è la guerra della Russia all’Ucraina - Linkiesta.it 20/03/2022

Dov’è la collera russa? | Non è solo la guerra di Putin, purtroppo è la guerra della Russia all’Ucraina - Linkiesta.it

Dovrebbe forse esserci una rivolta russa, scrive l'autore Christian Rocca, di fronte a tale ingiustificata e feroce aggressione all'. Altrimenti il rischio è che ci siano di nuovo "Volenterosi carnefici di Putin", alla pari dei tedeschi comuni raccontati da Daniel Goldhagen nel suo famoso saggio sugli anni di Hitler.

Dov’è la collera russa? | Non è solo la guerra di Putin, purtroppo è la guerra della Russia all’Ucraina - Linkiesta.it Se i cittadini russi avessero soltanto un briciolo del coraggio degli ucraini, scenderebbero in piazza, fermerebbero il paese e costringerebbero il regime a ritirarsi. Ma una nazione di centoquarantaquattro milioni di abitanti per ora ha scelto di ignorare i crimini contro Kiev oppure di scappare al...

Benzina e carburanti, il ministro Cingolani: aumenti immotivati, colossale truffa 12/03/2022

Benzina e carburanti, il ministro Cingolani: aumenti immotivati, colossale truffa

🛢️ "Colossale truffa" dice Cingolani. Ha ragione. I prezzi di gas e petrolio infatti non sono aumentati in proporzione tale da giustificare gli aumenti. Le aziende petrolifere stanno semplicemente aumentando a dismisura i prezzi "in previsione di"...
⛽ Poi certo ci sono le accise...

Benzina e carburanti, il ministro Cingolani: aumenti immotivati, colossale truffa Il ministro Cingolani sugli aumenti di benzina e gasolio: aumenti immotivati

Nella guerra fra Russia e Ucraìna sono in gioco anche clima e ambiente 03/03/2022

Nella guerra fra Russia e Ucraìna sono in gioco anche clima e ambiente

Nella guerra fra Russia e Ucraìna sono in gioco anche clima e ambiente

L'avanzata russa non sembra fermarsi, assumendo rapidamente le fattezze di un'invasione su larga scala. Una crisi che oltre ad essere umanitaria, nel lungo periodo risulterà devastante sia per l'ambiente ucraino che per gli stati limitrofi. I rischi sono molteplici, a partire dalle fondate preoccupazioni che colpi di artiglieria pesante possano colpire - intenzionalmente o meno - uno dei 15 reattori nucleari dell'Ucraina. A questo si aggiunge, oltre alle manomissioni da parte delle due parti belligeranti della rete del gas e i conseguenti incendi che ne possono conseguire, la natura di un settore industriale fortemente sviluppato nell'Ucraina Orientale - come per esempio nelle regioni secessioniste del Donbass - caratterizzato da siti industriali metallurgici, fabbriche chimiche, centrali elettriche e miniere in disuso.
(Scienza in Rete)

Nella guerra fra Russia e Ucraìna sono in gioco anche clima e ambiente L'avanzata russa non sembra fermarsi, assumendo rapidamente le fattezze di un'invasione su larga scala. Una crisi che oltre ad essere umanitaria, nel lungo periodo risulterà devastante sia per l'ambiente ucraino che per gli stati limitrofi.

Pasquale Bacco, medico ex no vax: «Abbiamo tanti morti sulla coscienza» 16/02/2022

Pasquale Bacco, medico ex no vax: «Abbiamo tanti morti sulla coscienza»



Dietro alla galassia dei novax, così come fu al tempo dell'esplosione delle fake news online, non ci sono solo ideologie o narrazione, ma si muovono soprattutto interessi economici e personaggi senza scrupoli. La storia di un medico ex novax.

Pasquale Bacco, medico ex no vax: «Abbiamo tanti morti sulla coscienza» «Mi sono convertito quando ho visto morire un ragazzo in terapia intensiva che aveva sul cellulare i video dei miei comizi. C’è un sistema dietro le associazioni: dalla comunicazione ai soldi» di C…

12/01/2022

In una lettera aperta al Ceo di Youtube, le organizzazioni di fact-checking di tutto il mondo invitano la piattaforma a collaborare per intraprendere misure efficaci contro la disinformazione.

Tra le proposte:
1️⃣ Garantire maggiore trasparenza.
2️⃣ Fornire agli utenti contesto e verifiche dei fatti.
3️⃣ Agire contro chi diffonde in maniera sistematica contenuti contrassegnati come disinformazione.
4️⃣ Maggiore impegno contro l’informazione errata in lingue diverse dall’inglese.

Augurandosi che l’implementazione di queste idee venga presa in considerazione i fact-checker propongono infine un incontro per discutere di questi argomenti e individuare modalità di collaborazione.

Il testo integrale della lettera qui ➡️ https://pagellapolitica.it/blog/show/1388/lettera-aperta-al-ceo-di-youtube-dai-fact-checker-di-tutto-il-mondo

Chi ha almeno 50 anni sarà obbligato a vaccinarsi - Il Post 05/01/2022

Chi ha almeno 50 anni sarà obbligato a vaccinarsi - Il Post

Scatta l'obbligo vaccinale per chi ha più di 50 anni compiuti.

Chi ha almeno 50 anni sarà obbligato a vaccinarsi - Il Post Lo ha deciso il governo, dopo lunghe discussioni sulla possibilità di introdurre l'obbligo vaccinale per tutta la popolazione

Falso: l’Italia non è il Paese europeo più vaccinato 30/12/2021

Falso: l’Italia non è il Paese europeo più vaccinato

☑️ Fact-check per Teresa Bellanova ❌
Non è vero che il nostro è il «Paese europeo con la percentuale più alta di vaccinazioni».
Dalla popolazione vaccinata alle dosi somministrate, i numeri danno torto alla viceministra delle Infrastrutture.

Falso: l’Italia non è il Paese europeo più vaccinato «Oggi contiamo 108 milioni somministrazioni, attestandoci come il Paese europeo con la percentual...

28/12/2021

Leader Cheap

"Il leader che segue corsi sulla leadership." Ironico come sempre e da rivedere, il bravissimo Giovanni Scifoni.

Come negli anni ’80 i cinepanettoni hanno dato inizio all’era dell’idiozia, che non è mai finita 26/12/2021

Come negli anni ’80 i cinepanettoni hanno dato inizio all’era dell’idiozia, che non è mai finita

Negli anni ‘80 siamo passati dalla produzione di gioielli della commedia all’italiana della seconda metà del Novecento, opera di maestri come Scola e Monicelli, ai demenziali e spesso volgari cinepanettoni dei fratelli Vanzina, pieni di ammiccamenti, pseudo erotismo e situazioni triviali. Lo specchio dell’indirizzo culturale del Paese e di una società oramai priva di qualunque capacità critica e riflessiva, assuefatta a un intrattenimento figlio del consumismo massificato che non avrebbe smesso di peggiorare negli anni a seguire e fino a i giorni nostri.

Come negli anni ’80 i cinepanettoni hanno dato inizio all’era dell’idiozia, che non è mai finita Il cinema popolare ha pieno diritto di esistere, ma i cinepanettoni lo hanno relegato a una caricatura noiosa e ripetitiva solo per battere cassa.

Galimberti a TPI: "Nella società dell'efficienza se non sei produttivo non esisti" 05/12/2021

Galimberti a TPI: "Nella società dell'efficienza se non sei produttivo non esisti"

«Le persone sono considerate non più in quanto tali, ma sulla base dei valori della tecnica: efficienza, produttività, velocizzazione del tempo. Il disastro è che la nostra psiche è lenta rispetto alla velocità a cui siamo sottoposti: l’umano non ha la velocità dell’informatica, però è costretto a stare in quella dimensione. Ed è così che studenti e adulti finiscono sotto stress». La diagnosi è quella del filosofo Umberto Galimberti.»
Sei d'accordo?

Galimberti a TPI: "Nella società dell'efficienza se non sei produttivo non esisti" TPI.it

Benvenuti • Luciano Giustini 12/11/2021

Benvenuti • Luciano Giustini

Del codiddetto «», la cosa più insidiosa è che non si sa quando, quanto e cosa interesserà, ma è un problema sempre più grave. Non c'è solo il disturbo polmonare, per le terapie intensive e chi ha magari altre patologie, che è comunque già grave.
Dei cinquanta sintomi registrati a distanza di mesi, sono parecchi quelli che diventano cronici: dal mal di schiena, alla depressione, dai problemi cardiaci che potrebbero non guarire completamente, alla convivenza con una paralisi facciale..

https://corrieredelveneto.corriere.it/veneto/cronaca/21_novembre_12/gli-invalidi-covid-disturbi-cuore-polmoni-alcuni-non-guariranno-mai-f3b3fb10-432f-11ec-b451-fcd51e312896.shtml

Benvenuti • Luciano Giustini Ciao! Mi occupo di comunicazione, in particolare di processi di narrazione e dello sviluppo delle competenze negli ambienti digitali. Ho scritto un libro che approfondisce questi temi, che è anche un sito: Cluster digitali. Insegno Comunicazione e digital media all’Università degli Studi di Tor ...

Noi, gli altri e la fantasia digitale | Tech Economy 2030 21/10/2021

Noi, gli altri e la fantasia digitale | Tech Economy 2030

Spunti interessanti sulle dinamiche psicologiche dei social. Ne consiglio la lettura, in particolare se si mastica un po' delle questioni trattate, anche se molto brevemente.
il discorso della fantasia sostituita e delle maschere/persona è un'utile traccia di riflessione.

“(...) SN come Facebook e Twitter, in quanto tecnologie rivolte all’esterno, fanno proprio appello a tali funzioni di mediazione interno/esterno. Non è di per sé un problema che nelle relazioni online interagiscano per noi il falso sé o la persona. Sui SN così come in qualsiasi altra occasione pubblica tali funzioni dell’io vengono attivate appunto per proteggere gli aspetti più delicati e sensibili della nostra soggettività. L’equilibrio tra mondo interno e quello esterno è sempre molto incerto con la costante possibilità di scivolare nella patologia, da una parte se il falso sé o la persona acquisiscono troppo peso e visibilità, dall’altra se troppo materiale inconscio viene esposto ad uno sguardo esterno indelicato o addirittura ostile. (...)


TechEconomy2030
https://www.techeconomy2030.it/2021/10/15/noi-gli-altri-e-la-fantasia-digitale/

Noi, gli altri e la fantasia digitale | Tech Economy 2030 “In ogni uomo è nascosto un poeta e l’ultimo poeta scomparirà solo con l’ultimo uomo” Sigmund Freud Freud sostiene che i sogni diurni, “ad occhi aperti” siano l’anello di congiunzione, l’attività in comune, tra l’artista e tutti noi. Nella sua relazione “Il poeta e la fantasia...

L’allarme Onu: «La crisi climatica è inevitabile e irreversibile» 09/08/2021

L’allarme Onu: «La crisi climatica è inevitabile e irreversibile»

È l’allarme più forte mai lanciato dall’, l’ente inter-governamentale delle Nazioni Unite che periodicamente misura la febbre della Terra. I grandi cambiamenti climatici sono ormai «inevitabili e irreversibili», avverte il sesto Rapporto pubblicato lunedì 9 agosto 2021: «Molti di questi cambiamenti climatici sono senza precedenti in centinaia di migliaia di anni, e alcuni tra quelli che sono già in atto, come il continuo aumento del livello del mare, sono irreversibili in centinaia o migliaia di anni»,.

Cio che è irreversibile, sottolinea Fuzzi (CNR) è il cambiamento: se anche se le emissioni di gas serra venissero azzerate oggi (cosa che in ogni caso non avviene e non avverrà), alcune modificazioni rimarranno comunque per secoli, tra cui l'innalzamento della temperatura, lo scioglimento dei ghiacci, e gli eventi climatici estremi che ne derivano. Inoltre, la causa di questi repentini cambiamenti è attribuibile all'uomo: è un fatto acclarato, e già dal primo rapporto del 2007 lo era, oggi abbiamo solo approfondito meglio la questione.

L’allarme Onu: «La crisi climatica è inevitabile e irreversibile» Gli scienziati Onu preannunciano «un aumento senza precedenti degli eventi climatici estremi» e impatti ormai «irreversibili» come lo scioglimento dei ghiacci e l’innalzamento dei mari. «È tempo che i governi siano seri».

Un'ordinaria giornata di sadismo imprenditoriale | Left 04/08/2021

Un'ordinaria giornata di sadismo imprenditoriale | Left

«A Bologna i lavoratori della Logista, multinazionale monopolista nella distribuzione del tabacco, sabato sera hanno ricevuto un messaggio WhatsApp: "Da lunedì 2 agosto lei sarà dispensato dall’attività lavorativa. Cordiali Saluti". Circa 90 persone in 36 ore scoprono di non avere più un lavoro. Logista non è in crisi e non ha registrato alcuna perdita di fatturato.

Al Papeete Beach, il Gip di Ravenna su richiesta della Procura ha sequestrato mezzo milione di euro al famoso locale preferito tra gli altri da Matteo Salvini: lì, tra cubiste che ballavano l’inno nazionale con l’ex ministro e bicchieri di mojito il leader della Lega ha intravisto l’enorme spessore politico del proprietario Massimo Casanova che giustamente è stato premiato con un seggio al Parlamento europeo. Nella lunga lista di imprese – 35 in totale – destinatarie del decreto di sequestro, compaiono anche la Papeete srl e la Villapapeete srl, Per la prima il sequestro è di 384.676 euro, per la seconda di 147.142 euro. L’accusa verso gli imprenditori che hanno subito i sequestri è perlopiù di avere utilizzato fatture relative a operazioni ritenute inesistenti per evadere le imposte sui redditi e sul valore aggiunto. L’estate scorsa Casanova tuonava contro il governo Conte che aveva deciso di chiudere le discoteche dicendo che non c’era nessun contagio e diceva testualmente: «Quella di Ferragosto è stata l’ultima serata. Ovviamente ci saranno problematiche: merce pagata che rimarrà ferma un anno, tasse». Poi aggiunse: «Stasera ne sono sbarcati altri 100, ma dove vogliamo andare a finire? Che senso ha prendersela con le imprese? Questo governo non ha la minima idea di cosa voglia dire gestire un’attività, non sanno cosa significhi non dormire la notte per il pensiero delle banche e di centinaia di famiglie che, questo inverno, non potranno dar da mangiare ai figli». Poi si era lamentato per il ritardo dei ristori e ovviamente contro i giovani che non hanno voglia di lavorare: guardando il suo bilancio i soldi che ha speso nel 2019 per i suoi lavoratori fanno una media di 2.500 euro all’anno. 2.500 euro per ogni lavoratore, in tutto l’anno.»

(da: https://left.it/2021/08/04/unordinaria-giornata-di-sadismo-imprenditoriale/)

Un'ordinaria giornata di sadismo imprenditoriale | Left A Bologna la Logista licenzia 90 lavoratori via whatsapp. Alla Modular di San Vendemiano non si possono prendere bottigliette d'acqua fuori dalle pause. Mentre Laila El Harim a Modena muore incastrata in un macchinario come Luana D'Orazio

Video (vedi tutte)

Greta Thunberg interviewed by FT

Ubicazione

Digitare