Spazio24asd Linda Balicco

Informazioni di contatto, mappa e indicazioni stradali, modulo di contatto, orari di apertura, servizi, valutazioni, foto, video e annunci di Spazio24asd Linda Balicco, Istruttore di fitness e sport, Piacenza.

Photos from Spazio24ssdrl's post 26/02/2024

Oggi un nuovo post di Luana di Francesco, che ringrazio per la collaborazione.

La sconfitta: una grande opportunità

La sconfitta è spesso vista come un momento di difficoltà e frustrazione, ma in realtà è un'esperienza cruciale nella vita di ogni individuo. Ecco perché l'importanza della sconfitta non può essere sottovalutata.

In primo luogo, la sconfitta ci insegna importanti lezioni.

Quando affrontiamo una sconfitta, siamo costretti a esaminare ciò che è andato storto e a imparare da quegli errori. Questo processo di auto-riflessione è essenziale per la crescita personale e il miglioramento continuo.

Inoltre, la sconfitta ci mette alla prova. Ci costringe a superare ostacoli, a sviluppare la nostra resilienza e a dimostrare la nostra determinazione. È attraverso la sconfitta che possiamo scoprire quanto siamo veramente forti e quanto siamo capaci di resistere di fronte alle avversità.

La sconfitta ci aiuta anche a sviluppare l'umiltà.
Quando siamo sconfitti, dobbiamo accettare che non siamo invincibili e che ci sono limiti alla nostra abilità.
Questa umiltà può rendere le nostre vittorie future più significative e ci aiuta a relazionarci meglio con gli altri.

Infine, la sconfitta può portare a nuove opportunità. Spesso, quando qualcosa va male, si aprono porte che non avremmo mai considerato altrimenti. La sconfitta può essere il trampolino di lancio per un futuro successo.

In sintesi, l'importanza della sconfitta nella nostra vita non può essere ignorata.
Ci insegna, ci mette alla prova, ci rende umili e può aprirci nuove strade.

Quindi, anziché temerla, dovremmo abbracciare la sconfitta come parte integrante del nostro percorso di crescita e sviluppo personale.

Luana Holos Mentalcoach

Ti invitiamo, se non l’hai ancora fatto, a entrare nel nostro gruppo dedicato al Coaching, per essere sempre aggiornat* sulle novità che stiamo preparando!

https://www.facebook.com/groups/277857070935165/

23/02/2024

Un grazie a Luana Di Francesco Holos Mentalcoach per questo articolo.

𝑰𝒍 𝑺𝒖𝒄𝒄𝒆𝒔𝒔𝒐 𝑨𝒛𝒊𝒆𝒏𝒅𝒂𝒍𝒆 𝒆 𝒍𝒐 𝑺𝒑𝒊𝒓𝒊𝒕𝒐 𝒅𝒊 𝑺𝒒𝒖𝒂𝒅𝒓𝒂

Nel mondo aziendale, così come nello sport, il concetto di "squadra" gioca un ruolo cruciale nel raggiungimento del successo. Ogni giorno, i membri di un'azienda lavorano insieme per ottenere risultati positivi, proprio come una squadra sportiva si unisce per vincere una partita. Ma cosa rende simili queste due realtà così apparentemente diverse? Scopriamolo insieme!

𝑶𝒃𝒊𝒆𝒕𝒕𝒊𝒗𝒊 𝑪𝒐𝒎𝒖𝒏𝒊: Tanto in un'azienda quanto in una squadra sportiva, il raggiungimento di obiettivi comuni è fondamentale. L'azienda definisce le proprie mete di crescita e successo, mentre una squadra sportiva mira a vincere partite e campionati. Entrambe le realtà richiedono coesione e collaborazione per raggiungere questi obiettivi.

𝑹𝒖𝒐𝒍𝒊 𝑫𝒆𝒇𝒊𝒏𝒊𝒕i: In un'azienda come in una squadra sportiva, ogni membro ha un ruolo specifico da svolgere. Questi ruoli sono complementari e mirano a creare un insieme armonioso di competenze e talenti. La diversità dei ruoli è ciò che consente di ottenere risultati positivi.

𝑪𝒐𝒎𝒖𝒏𝒊𝒄𝒂𝒛𝒊𝒐𝒏𝒆: La comunicazione efficace è fondamentale sia per un'azienda che per una squadra sportiva. La condivisione di informazioni, la trasparenza e la comprensione reciproca sono chiavi per il successo. La mancanza di comunicazione può portare a errori costosi e fallimenti.

𝑨𝒍𝒍𝒆𝒏𝒂𝒎𝒆𝒏𝒕𝒐 𝒆 𝑴𝒊𝒈𝒍𝒊𝒐𝒓𝒂𝒎𝒆𝒏𝒕𝒐 𝑪𝒐𝒏𝒕𝒊𝒏𝒖𝒐: Come gli atleti si allenano costantemente per migliorare le proprie abilità, anche i dipendenti aziendali cercano sempre di sviluppare le proprie competenze. L'azienda stessa deve adattarsi ai cambiamenti del mercato, proprio come una squadra sportiva si adatta alle tattiche degli avversari.

𝑳𝒆𝒂𝒅𝒆𝒓𝒔𝒉𝒊𝒑: In entrambe le realtà, una leadership forte è essenziale. Un buon leader ispira, motiva e guida il proprio team verso il successo. Nello sport come in azienda, un leader carismatico è spesso un elemento chiave per il conseguimento degli obiettivi.

𝑪𝒆𝒍𝒆𝒃𝒓𝒂𝒛𝒊𝒐𝒏𝒆 𝒅𝒆𝒊 𝑺𝒖𝒄𝒄𝒆𝒔𝒔𝒊: Nelle squadre sportive, le vittorie vengono celebrate con gioia e orgoglio. Nelle aziende, i successi dovrebbero essere altrettanto celebrati. Riconoscere e premiare i risultati positivi è un modo per mantenere alta la motivazione e lo spirito di squadra.

In conclusione, il mondo aziendale e lo sport hanno più in comune di quanto si possa pensare. Entrambe le realtà richiedono l'impegno di individui con abilità diverse, che lavorano insieme per raggiungere obiettivi comuni.
Il concetto di squadra è universale, e applicando i principi che guidano le squadre sportive al mondo aziendale, è possibile ottenere risultati sorprendenti. Quindi, ricorda di valorizzare lo spirito di squadra, la comunicazione e la leadership nella tua azienda, proprio come farebbe una squadra sportiva vincente!

Ti invitiamo, se non l’hai ancora fatto, a entrare nel nostro gruppo dedicato al Coaching, per essere sempre aggiornat* sulle novità che stiamo preparando!

https://www.facebook.com/groups/277857070935165/

21/02/2024

Non riesco a meditate! Mi sembro un@ stupid@ a stare li senza fare nulla!

Ciao! Bentornato per il nostro appuntamento con la crescita personale di spazio24.

Oggi ti voglio parlare di una delle abitudini che a me personalmente ha cambiato la vita! Sto parlando della meditazione. La conoscerai sicuramente come pratica, molto famosa e diffusa fra i monaci buddisti ed in generale nelle culture orientali.

Per gli occidentali questa è una pratica che riguarda soprattutto il mondo, appunto, orientale e si pensa che sia un qualcosa di molto lontano da noi.

Negli ultimi decenni la ricerca è riuscita a trovare miriadi di benefici per la salute attraverso la pratica della meditazione.

Probabilmente anche tu ci avrai provato qualche volta, ma non sapendo quali sono le sensazioni da ricercare, ti sarai sentit@ sicuramente fuori luogo, avrai pensato che non facesse per te o avrai pensato di non essere in grado di “liberare la mente” e magari ti sarai anche sentit@ un po' stupid@.

Ecco! Sta proprio lì Il segreto: imparare a stare fermi! Imparare a “fermare il tempo” stando semplicemente immobili ed in ascolto. Ascolto di cosa? In primis del tuo corpo, come per esempio del tuo respiro, prendere consapevolezza delle varie parti del tuo corpo, partendo dall'alto verso il basso facendo come se fosse uno scanner. Cercare di percepire i tuoi muscoli, cercare di percepire cosa stai sentendo sulla tua pelle: se una sensazione di fresco o se stai sentendo del tepore o se hai la pelle d'oca, se capisci di essere contratto in qualche punto e cercare di rilassarlo e così via…

Poi ascoltare cos'altro? Ascoltare per esempio i suoni che vengono dall'esterno, senza fare distinzione se siano suoni piacevoli o rumori fastidiosi, semplicemente suoni, senza dare un giudizio.

Oppure puoi direttamente decidere tu cosa ascoltare, per esempio mettendo della musica rilassante, dei profumi per ambienti che ti piacciono, indossare degli indumenti comodi con dei tessuti che diano sensazioni confortevoli sulla pelle, mettere delle luci calde e soffuse oppure esporti alla luce del sole! Insomma, puoi sbizzarristi e dare libero sfogo alla creatività!

Per imparare a meditare serve soltanto accettare di prendersi cinque minuti e mettersi semplicemente in ascolto! Non serve né liberare la mente, né concentrarsi forzatamente su qualcosa, né tantomeno assumere delle posizioni che per molte persone possono risultare scomode.

Si può meditare in piedi, si può meditare comodamente seduti su una poltrona, si può meditare distesi su un tappetino o sul letto, si può meditare in qualunque modo e in qualunque momento: addirittura si può meditare mentre si passa l'aspirapolvere, mentre si mangia, mentre si legge un libro e così via!

Meditare, ripeto, è semplicemente mettersi in ascolto e vivere appieno il momento presente!

Fai questa prova, se non hai mai provato a meditare oppure hai già provato a farlo senza risultati:

conta alla rovescia cinque respiri profondi: cinque, quattro, tre, due, uno… e poi ricomincia da capo tutte le volte che vuoi. Mentre conti alla rovescia, cerca di sentire, piano, piano, le sensazioni che hai e magari annotale su un diario. Questo è un esercizio che si impara con il tempo, ma i benefici, soprattutto per quanto riguarda la gestione dello stress ed il rilassamento, sono quasi immediati e duraturi. Fai questa prova e fammi sapere nei commenti come è andata! Noi ci vediamo al prossimo appuntamento.

Se sei interessato ad approfondire argomenti dedicato al coaching, entra nel nostro gruppo dedicato

https://www.facebook.com/groups/277857070935165/

19/02/2024

Post di Andrea Donatiello, mental coach di Spazio24

Buongiorno e buon inizio settimana anime belle!🔆🌈🔆

Già stanchi di questo ? Vorreste soltanto che fosse ancora l’agognato weekend? 🌊😴

Non siate preda della , o quantomeno chiedetevi cosa vi stia dicendo!🌟

La tristezza ha un compito importante nella di tutti i giorni: è un messaggero che ci dice che dentro di noi c’è qualcosa che può essere migliorato, qualcosa che va fatto per essere 😃

Una mia grande maestra una volta mi disse che “la tristezza è l’emozione che ci classifica come umani, ci dice che siamo ancora in grado di provare emozioni”!😵

La tristezza ci porta a essere più vicini a noi stessi quando ci siamo troppo allontanati, persi, inseguendo qualcuno o qualcosa di esterno, che non siamo noi!!🙏🏻Certo, come ogni cosa, mai esagerare, ma se giunge la tristezza, diciamo a noi stessi “ecco un messaggio per me, cosa mi vorrà far capire?”… un po’ come le notifiche che arrivano sullo smartphone, pronti a leggere cosa ci vuole dire la parte più saggia e profonda di noi!✅

Impariamo ad essere grati, a ringraziare la vita quando ci apre gli occhi su ciò che non va, o che non basta della nostra vita, che va cambiato! ✅

Così facendo raggiungere la ricetta della vera e duratura 😎

Se sei interessato ad approfondire argomenti dedicato al coaching, entra nel nostro gruppo dedicato

https://www.facebook.com/groups/277857070935165/

16/02/2024

🚀RISULTATI🚀

“Ciao a TUTTI sono Nicola Zucca Coach di Spazio24

Oggi vi porto un esempio di come una persona giovanissima ( 23 anni ) e già in buona forma fisica, possa comunque ottenere risultati in breve tempo.

Serena ha iniziato da soli 15 giorni il suo programma di nutrizione e allenamento in palestra.

Inserita la nutrizione e allenamenti specifici per il suo BIOTIPO 🍐.

Questi i risultati:

- 2 kg
- 1 cm girovita
- 2 cm sui fianchi
- 3 cm coscia radice

Ribadisco, in solo 15 giorni di programma!

Complimenti a Serena e avanti così 🔥

Spazio24 RULES 🧡🖤 — con Serena Balzani.”

16/02/2024

𝗟𝗮 𝗻𝗲𝘂𝗿𝗼𝗽𝗹𝗮𝘀𝘁𝗶𝗰𝗶𝘁à: 𝗰𝗼𝗺𝗲 𝗹𝗲 𝗻𝗼𝘀𝘁𝗿𝗲 𝗮𝘇𝗶𝗼𝗻𝗶 𝗽𝗼𝘀𝘀𝗼𝗻𝗼 𝗺𝗼𝗱𝗶𝗳𝗶𝗰𝗮𝗿𝗲 𝗶𝗹 𝗻𝗼𝘀𝘁𝗿𝗼 𝗰𝗲𝗿𝘃𝗲𝗹𝗹𝗼
😲🤯

Post a cura di Daniela Gilardi, mental coach di Spazio24

Sai che il cervello è in grado di modificarsi durante tutto l’arco della nostra vita?

Fino alla metà del 900 si riteneva che, una volta raggiunta l’età adulta, ii cervello, o meglio il sistema nervoso, non fosse più in grado di crescere e modificarsi, ma solamente di andare incontro a degenerazione col passare degli anni. 😞

Proprio a quel periodo però risalgono le prime evidenze a supporto del concetto di neuroplasticità, ovvero la 𝙘𝙖𝙥𝙖𝙘𝙞𝙩à 𝙙𝙚𝙡 𝙨𝙞𝙨𝙩𝙚𝙢𝙖 𝙣𝙚𝙧𝙫𝙤𝙨𝙤 𝙙𝙞 𝙖𝙙𝙖𝙩𝙩𝙖𝙧𝙚 𝙡𝙖 𝙥𝙧𝙤𝙥𝙧𝙞𝙖 𝙨𝙩𝙧𝙪𝙩𝙩𝙪𝙧𝙖 𝙞𝙣 𝙧𝙞𝙨𝙥𝙤𝙨𝙩𝙖 𝙖 𝙪𝙣𝙖 𝙫𝙖𝙧𝙞𝙚𝙩à 𝙙𝙞 𝙛𝙖𝙩𝙩𝙤𝙧𝙞 𝙚 𝙙𝙞 𝙨𝙩𝙞𝙢𝙤𝙡𝙞 𝙞𝙣𝙩𝙚𝙧𝙣𝙞 𝙤 𝙚𝙨𝙩𝙚𝙧𝙣𝙞 (Treccani).

Hai capito bene: il nostro sistema nervoso si modifica durante il corso della nostra vita e i nostri comportamenti sono in grado di “dirigere” questi cambiamenti!
🔝 🤩

Un po’ come un muscolo, che si modifica a seconda degli stimoli allenanti o della mancanza di esercizio, così il cervello cambia la sua struttura e/o le sue capacità di risposta in base agli stimoli che riceve.
🧠 🟰 💪🏻

La neuoplasticità è 𝗮𝗹𝗹𝗮 𝗯𝗮𝘀𝗲 𝗱𝗲𝗹𝗹’𝗮𝗽𝗽𝗿𝗲𝗻𝗱𝗶𝗺𝗲𝗻𝘁𝗼, 𝗱𝗲𝗹𝗹𝗮 𝗺𝗲𝗺𝗼𝗿𝗶𝗮, 𝗱𝗲𝗹𝗹𝗮 𝗰𝗿𝗲𝘀𝗰𝗶𝘁𝗮 𝗽𝗲𝗿𝘀𝗼𝗻𝗮𝗹𝗲, 𝗱𝗲𝗹𝗹’𝗮𝗱𝗼𝘇𝗶𝗼𝗻𝗲 𝗱𝗶 𝗻𝘂𝗼𝘃𝗲 𝗮𝗯𝗶𝘁𝘂𝗱𝗶𝗻𝗶. Ecco perché questo argomento è importante quando si parla di crescita personale e mentalità robusta.

Il cervello è un organo poco economico: consuma tantissima energia! 🪫
Per questo cerca continuamente il modo di risparmiare energia: rende più funzionali le connessioni e le “vie” utilizzate più spesso e “taglia” quelle che inutilizzate. In sintesi, potenzia i segnali ritenuti utili.

Ecco perché affinché una nuova abitudine si possa instaurare o si possa acquisire una nuova abilità, servono costanza e tempo (per le alte prestazioni si fa spesso riferimento a 10.000 ore di pratica deliberata): continuando a ripetere il gesto che vogliamo trasformare in abitudine o ciò che vogliamo imparare, la struttura del sistema nervoso e la funzionalità delle connessioni al suo interno si modificano…. col tempo quel gesto diventa sempre meno “faticoso” e la sua esecuzione sempre più economica.🔋

A questo punto potrei lanciarmi in una disamina approfondita sui neuroni, sulla loro struttura, sul loro funzionamento e sulle modalità di trasmissione del segnale da un neurone all’altro. 👩‍🏫

Sebbene sia utile conoscere la struttura dei neuroni, la funzione di assoni e dendriti, le modalità di rilascio dei neurotrasmettitori e di trasmissione dei segnali nervosi e il ruolo della mielina, credo che in questa sede sia più funzionale parlare di cosa favorisce la neuroplasticità positiva. Perché se ci sono azioni e abitudini che promuovono modifiche favorevoli, è altrettanto vere che ci sono comportamenti che possono risultare deleteri e conoscere questi aspetti permette di decidere consapevolmente come agire.

Come possiamo influenzare positivamente la plasticità neuronale?

🏋️‍♀️ 𝗲𝘀𝗲𝗿𝗰𝗶𝘇𝗶𝗼 𝗳𝗶𝘀𝗶𝗰𝗼
Ricordi il detto “mens sana in corpore sano”? Perfetto, riassume l’importanza che l’esercizio ha nel migliorare la nostra mente! Numerosi studi mostrano come l’esercizio possa modificare strutturalmente e funzionalmente il sistema nervoso, opponendosi al declino delle funzioni nervose, facilitato invece dall’inattività. L'esercizio fisico rappresenta una potenziale utile terapia non farmacologica per migliorare le funzioni cognitive, l’attenzione e l’apprendimento e combattere il declino funzionale associato a patologie neurodegenerative

🍲 𝗮𝗹𝗶𝗺𝗲𝗻𝘁𝗮𝘇𝗶𝗼𝗻𝗲
Il cervello ha bisogno di nutrienti che possano creare il giusto substrato per i neuroni. Gli acidi grassi omega3, per esempio, sono importantissimi per la struttura del sistema nervoso. Al contrario, troppi zuccheri semplici hanno effetti negativi: è stata osservata un’associazione tra dieta troppo ricca in zuccheri e declino cognitivo e demenza, con aumentato rischio di sviluppare Parkinson ed Alzheimer

💤 𝗿𝗶𝗽𝗼𝘀𝗼 𝗮𝗱𝗲𝗴𝘂𝗮𝘁𝗼
durante il sonno i neuroni si rigenerano. È importante dormire un numero sufficiente di ore e di avere un sonno di buona qualità. Una corretta igiene del sonno è quindi fondamentale!

🆕 𝗻𝘂𝗼𝘃𝗶 𝘀𝘁𝗶𝗺𝗼𝗹𝗶
Hai mai sentito il detto “Use it or lose it” (o lo usi o lo perdi)? Perfetto. Per mantenere un cervello sano e adattabile è importante imparare ogni giorno cose nuove, non entrare nel loop della routine senza stimoli. Quindi, leggi, studia, esercita la mente, fai nuove esperienze!

😩 𝗴𝗲𝘀𝘁𝗶𝗼𝗻𝗲 𝗱𝗲𝗹𝗹𝗼 𝘀𝘁𝗿𝗲𝘀𝘀
Alcuni studi hanno evidenziato che il cortisolo, “l’ormone dello stress”, è nemico della neuroplasticità. Ridurre lo stressi quindi fa bene a tutto il nostro organismo, anche al sistema nervoso!

🧘🏼 𝗺𝗲𝗱𝗶𝘁𝗮𝘇𝗶𝗼𝗻𝗲
Questa pratica modifica le connessioni cerebrali e permette di ridurre l’impatto emotivo degli eventi. Con il tempo, aumenta la capacità di interpretare quello che succede, slegandolo dalle reazioni emotive (spesso inconsce) e aumenta la capacità di affrontare le cose senza farsi trascinare dagli eventi. Per incominciare, puoi dedicare qualche minuto ad “ascoltare” il tuo respiro, portando la tua attenzione solo sulla respirazione (non ti preoccupare… se vorrai approfondire questo aspetto, parleremo anche di meditazione nei prossimi post)

👨‍👩‍👧‍👧 𝗿𝗲𝗹𝗮𝘇𝗶𝗼𝗻𝗶
I legami (di qualità) con gli altri influenzano favorevolmente la plasticità. Circondati di persone positive, che ti aiutino a crescere ed evolvere e riduci le relazioni non funzionali e tossiche: il tuo cervello ne trarrà grande giovamento!

Come hai visto questo argomento apre tantissimi spunti di riflessione e approfondimento!

𝗤𝘂𝗶𝗻𝗱𝗶 𝗮𝗱𝗲𝘀𝘀𝗼, 𝗰𝗵𝗲 𝘀𝗶 𝗳𝗮? Vuoi incominciare a “nutrire” il tuo sistema nervoso con stimoli che lo facciano crescere?

Incomincia dalle cose più semplici: scegli una vita attiva, cura l’alimentazione, dedica del tempo al riposo e coltiva relazioni “sane”, leggi e impara. Sono cose semplici che puoi inserire nelle tue giornate anche in autonomia.

Se invece vuoi approfondire questo argomento e/o hai bisogno di un aiuto per strutturare un percorso personalizzato, contattaci e fissa una valutazione gratuita.

Ti invito, se non l’hai ancora fatto, a entrare nel nostro gruppo dedicato al Coaching, per essere sempre aggiornat* sulle novità che stiamo preparando!

https://www.facebook.com/groups/277857070935165/

Alla prossima!

13/02/2024

-34 Kg

👉 Nulla da dire, nulla da aggiungere!

👉 Bravissima Chiara Ottini

12/02/2024

TU NON MI ASCOLTI – IO NON TI CAPISCO

Post a cura di Maria Terlizzi, mental coach di Spazio24

Quante volte vi sarà successo di sentirvi accusare dalla persona che vi sta parlando che non la state ascoltando, anche se non state facendo altro? O peggio, che non la capite, nonostante vi state prodigando per darle consigli o trovare una soluzione al suo problema?

Quando questo succede vi sentite pervadere dallo sconforto e vi chiedete: “ma dopo tutto quello che faccio per lei o per lui questo è il risultato??”

Purtroppo queste sono situazioni che capitano abbastanza frequentemente e che sono alla base di tante piccole/grandi incomprensioni che se perdurano nel tempo possono arrivare ad incrinare profondamente i rapporti. Ma perché succede??

Perché il processo di comunicazione, apparentemente semplice, è in realtà molto complesso.

Partiamo dall’ascolto.

Quando ci mettiamo in una condizione di ascolto dell’altro entrano in gioco diversi elementi:

· l’intenzionalità che significa la reale volontà di ascoltare l’altro;

· l’interesse per ciò che l’altro ci sta raccontando,

· la focalizzazione ovvero la capacità di concentrarci sull’altro senza lasciarci distrarre da pensieri che ci portano altrove, da situazioni che ci circondano o dalle nostre stesse opinioni e giudizi;

· l’empatia ovvero la capacità di entrare in connessione con il vissuto dell’altro e le sue emozioni.

Quando qualcuno di queste condizioni viene a mancare o è carente, ecco che la nostra qualità di ascolto e livello di presenza cade vertiginosamente e, anche se tendiamo di nasconderlo, negarlo o minimizzarlo, inconsapevolmente avremo mandato al nostro interlocutore una serie di messaggi non verbali e para-verbali che vengono interpretati come “tu non mi stai ascoltando”.

E’ questo è solo il primo ostacolo che può vanificare un efficace processo di comunicazione perché, anche se ci impegniamo ad ascoltare con attenzione, potremmo comunque sentirci dire “ma tu non mi capisci” Perché?

Perché siamo inconsapevolmente portati a interpretare ciò che ci stanno raccontando con i nostri metri di valutazione, i nostri valori, le nostre convinzioni, le nostre priorità, dando per scontato che siano le stesse di chi ci sta davanti. E’ come se pensassimo che i nostri personalissimi occhiali da vista fossero uguali a quelli delle persone che incontriamo. E invece no. Ognuno ha i suoi, alcuni possono apparire simili ma non ce ne saranno mai due uguali.

E allora cosa possiamo fare?

Innanzitutto non dare niente per scontato e partire dalla convinzione che lei o lui sono diversi da me.

E’ importante mettersi in una condizione di vera apertura e curiosità verso ciò che l’altro ci sta dicendo, evitando di interpretare, distorcere, minimizzare e giudicare.

E’ importante soprattutto verificare se quello che abbiamo compreso corrisponde a ciò che l’altro voleva dire, attraverso delle domande mirate e richiesta di feedback, perché le distorsioni comunicative sono la prima fonte di incomprensione.

Infine evitare di prodigarsi a dare soluzioni e a spiegare nei dettagli quello che l’altro dovrebbe fare o non fare, se non siamo certi che l’altro/altra voglia da noi una soluzione. Questo sia perché implicitamente la stiamo sminuendo confermandole che non è capace di trovarla da sola, sia perché spesso la sola cosa che l’altra vuole è “sentirsi solo ascoltata e compresa”.

Come Coach tratto spesso queste tematiche con i miei clienti, perché è più facile di quanto non si possa pensare incappare in alcuni di questi errori comunicativi che, a seconda dei contesti in cui si verificano, possono generare seri problemi relazionali e di conflitto nelle aziende. Problemi che si traducono in un deterioramento del clima interno e in una riduzione della qualità ed efficacia del lavoro svolto.

L’intervento di un coach a livello individuale e di team consente di riattivare la consapevolezza dell’importanza di saper gestire relazioni positive e di acquisire nuovi comportamenti e modalità relazionali più funzionali ed efficaci.

Se sei interessato ad approfondire argomenti dedicato al coaching, entra nel nostro gruppo dedicato

https://www.facebook.com/groups/277857070935165/

09/02/2024

OGGI VOGLIO PARLARTI DELLE PERSONE SCORAGGIANTI

Post a cura di Ambra Di Giorgio life coach, naturopata e operatrice olistica.

Nel bene o nel male noi siamo influenzati dalle persone che abbiamo intorno a noi.

Queste fanno parte del nostro ECOSISTEMA, che altro non è che quell’insieme di persone, cose, ambienti, situazioni, emozioni che tutte insieme compongono e riempiono ogni giorno la nostra vita, portando con loro la loro energia, che finiamo per assorbire.

❤️La nostra vita deriva quindi dall’unione della nostra realtà e di quella di chi ci circonda.

È fondamentale capire quanta di quella energia che non dipende da noi vogliamo fare entrare nella nostra vita, quanto vogliamo farci influenzare da energie esterne.

Ritorniamo al principio: consapevolezza vuol dire anche non dare ad altri il potere di decidere della nostra vita, ma assumercene la piena responsabilità. Come conseguenza, dovremmo anche imparare a gestire tutte quelle persone che riversano su di noi le loro paure, i loro insuccessi e tutto quello che LORO non sono riusciti o non riescono a fare.

PARLO DELLE PERSONE SCORAGGIANTI

👉🏻Partiamo dal presupposto che probabilmente, nella maggior parte dei casi, queste persone non ce l’hanno con te e non sono cattive persone. Semplicemente non sono in grado di vedere ciò che tu vedi e proiettano su di te il loro non potere (o volere) raggiungere i loro obiettivi di vita.

❤️In buona sostanza quando qualcuno ti dice che per te qualcosa è impossibile, il più delle volte sta raccontando la SUA di storia non la TUA.

👉🏻Le persone scoraggianti sono di solito quelle che ti incoraggiano a non correre rischi, molte volte anche in buona fede, cercando di proteggerti perché pensano che tu abbia bisogno dei loro consigli, ma quello è solamente il loro modo di vedere la vita.
Di solito se ne escono con frasi del tipo
“sei sicuro/a?”
“Ma davvero pensi di riuscirci?”
“E se andasse male?”
“Ma non ti piace la tua vita come è adesso?”

Sono le classiche persone che, commenterebbero un tuo fallimento con il classico “ te l’avevo detto!”

Di solito ciò che queste persone dicono ha grande impatto: riescono a fare emergere alcune delle più grandi paure, come quella di fallire, tuttora vista non come un’esperienza di crescita ed evoluzione, ma come qualcosa da cancellare e nascondere.

Ascoltare queste persone vuol dire non darsi la possibilità di vedere cosa c’è oltre il proprio giardino, oltre ciò che già si conosce; vuol dire non darsi possibilità di crescere. Vogliamo davvero rinunciare a provare a vivere e la vita che davvero vogliamo per noi?

Provare a raggiungere nuovi traguardi vuol dire darsi la possibilità di osare di scoprire di essere capaci di fare molte più cose di quello che pensavamo.

Adesso ti invito a rispondere a queste domande, per aiutarti a capire se nella tua vita ci sono persone scoraggianti e quanto potere esse abbiano su di te.
👉🏻 Quante persone scoraggianti ci sono attualmente nella tua vita?
👉🏻 Quante di queste secondo te provano affetto per te?
👉🏻 Quante persone scoraggianti hai incontrato nella tua vita?
👉🏻 Ma soprattutto che cosa ti hanno insegnato?

Se ti va ti aspetto nei commenti e se sei interessato ad approfondire argomenti di coaching entra nel nostro gruppo dedicato
https://www.facebook.com/groups/277857070935165/

08/02/2024

🔔 RISULTATI🔔

Facciamo i complimenti al nostro coach Nicola Zucca e a Tommaso

Leggi qua sotto: 👇👇👇👇👇👇👇👇👇👇👇

“Abbiamo iniziato il nostro percorso con Spazio24 a Maggio 2023 ed il cambiamento ottenuto fin'ora è ben visibile 😲
Ad oggi siamo a -15 Kg❗

La passione per il barbecue è stata rimpiazzata dalla
Mauy Thai 🇹🇭

La massa grassa è passata dal
28,5% al 12,4%❗
Il grasso viscerale è sceso dal
9% al 1,5%❗
Abbiamo perso sull'ombelico
- 13 CENTIMETRI ❗❗
E sui fianchi abbiamo lasciati per strada
- 11 CENTIMETRI ❗❗

Programma di nutrizione per il suo BIOTIPO, in questo caso iperlipogenetico ( MELA 🍎)

Integrazione Specifica 🧋

Allenamento Specifico per gli Sport da Combattimento 🥊🥊
Presso il nostro centro MSL Martial Sport Life 🥋

Che dire...
Avanti TUTTA 🔥”










06/02/2024

"La Squadra e il Team: La Nostra Famiglia"

Post a cura di Luana Di Francesco Mentalcoach di Spazio24

Quando pensiamo a squadre e team, spesso immaginiamo un gruppo di colleghi, amici o compagni di squadra che lavorano insieme per raggiungere un obiettivo comune. Tuttavia, uno dei team più importanti nella nostra vita è la nostra famiglia. In questo post, esploreremo come la famiglia può essere vista come una squadra e un team, e l'importanza di coltivare una solida unità familiare.

Obiettivo Comune: La Felicità e il Benessere della Famiglia

Una famiglia è una squadra che ha un obiettivo primario: il benessere e la felicità di tutti i suoi membri. Ogni membro della famiglia contribuisce in modo unico a raggiungere questo obiettivo. Come una squadra in un gioco, i membri della famiglia collaborano per superare le sfide quotidiane e costruire un futuro migliore.

Comunicazione Efficace: La Chiave della Collaborazione

La comunicazione è fondamentale per il successo di qualsiasi squadra, e lo stesso vale per la famiglia. Una comunicazione aperta, onesta e rispettosa tra i membri familiari crea un ambiente in cui le idee, le preoccupazioni e le emozioni possono essere condivise senza paura di giudizio. Questo favorisce la comprensione reciproca e la soluzione collaborativa dei problemi.

Sfruttare le Abilità Uniche di Ciascun Membro

Ogni membro della famiglia porta con sé abilità e talenti unici. Come in un team sportivo, dove ogni giocatore ha un ruolo specifico, nella famiglia ciascun membro può contribuire in modo speciale. Che si tratti delle abilità domestiche di uno, dell'empatia di un altro o della capacità di risolvere i problemi di un terzo, tutti possono giocare un ruolo essenziale nella squadra familiare.

Favorire la Fiducia e l'Unità

La fiducia reciproca è un pilastro chiave di qualsiasi team di successo, e lo stesso vale per la famiglia. Quando i membri della famiglia sanno di poter contare gli uni sugli altri, si crea un senso di sicurezza e unità. Questa fiducia è fondamentale per affrontare le sfide familiari e superarle insieme.

Condivisione di Successi e Sconfitte

Come in una squadra sportiva, i membri della famiglia dovrebbero condividere successi e sconfitte. Celebrare i traguardi raggiunti insieme crea un senso di realizzazione comune. Allo stesso modo, affrontare le sconfitte come unità, imparando dagli errori e sostenendosi a vicenda, rafforza il legame familiare.

Conclusione

La famiglia è più di un gruppo di persone legate da vincoli di sangue; è una squadra e un team in cui i membri collaborano per raggiungere un obiettivo comune: la felicità e il benessere di tutti. Coltivare una solida unità familiare richiede impegno, comunicazione, rispetto reciproco e la consapevolezza delle abilità uniche di ciascun membro. Quando una famiglia lavora insieme come un team, può affrontare le sfide della vita con forza e resilienza, costruendo un futuro migliore per tutti i suoi membri.

Se sei interessato ad approfondire argomenti dedicato al coaching, continua a seguirci

06/02/2024

"La Squadra e il Team: La Nostra Famiglia"

Post a cura di Luana Di Francesco Mentalcoach di Spazio24

Quando pensiamo a squadre e team, spesso immaginiamo un gruppo di colleghi, amici o compagni di squadra che lavorano insieme per raggiungere un obiettivo comune. Tuttavia, uno dei team più importanti nella nostra vita è la nostra famiglia. In questo post, esploreremo come la famiglia può essere vista come una squadra e un team, e l'importanza di coltivare una solida unità familiare.

Obiettivo Comune: La Felicità e il Benessere della Famiglia

Una famiglia è una squadra che ha un obiettivo primario: il benessere e la felicità di tutti i suoi membri. Ogni membro della famiglia contribuisce in modo unico a raggiungere questo obiettivo. Come una squadra in un gioco, i membri della famiglia collaborano per superare le sfide quotidiane e costruire un futuro migliore.

Comunicazione Efficace: La Chiave della Collaborazione

La comunicazione è fondamentale per il successo di qualsiasi squadra, e lo stesso vale per la famiglia. Una comunicazione aperta, onesta e rispettosa tra i membri familiari crea un ambiente in cui le idee, le preoccupazioni e le emozioni possono essere condivise senza paura di giudizio. Questo favorisce la comprensione reciproca e la soluzione collaborativa dei problemi.

Sfruttare le Abilità Uniche di Ciascun Membro

Ogni membro della famiglia porta con sé abilità e talenti unici. Come in un team sportivo, dove ogni giocatore ha un ruolo specifico, nella famiglia ciascun membro può contribuire in modo speciale. Che si tratti delle abilità domestiche di uno, dell'empatia di un altro o della capacità di risolvere i problemi di un terzo, tutti possono giocare un ruolo essenziale nella squadra familiare.

Favorire la Fiducia e l'Unità

La fiducia reciproca è un pilastro chiave di qualsiasi team di successo, e lo stesso vale per la famiglia. Quando i membri della famiglia sanno di poter contare gli uni sugli altri, si crea un senso di sicurezza e unità. Questa fiducia è fondamentale per affrontare le sfide familiari e superarle insieme.

Condivisione di Successi e Sconfitte

Come in una squadra sportiva, i membri della famiglia dovrebbero condividere successi e sconfitte. Celebrare i traguardi raggiunti insieme crea un senso di realizzazione comune. Allo stesso modo, affrontare le sconfitte come unità, imparando dagli errori e sostenendosi a vicenda, rafforza il legame familiare.

Conclusione

La famiglia è più di un gruppo di persone legate da vincoli di sangue; è una squadra e un team in cui i membri collaborano per raggiungere un obiettivo comune: la felicità e il benessere di tutti. Coltivare una solida unità familiare richiede impegno, comunicazione, rispetto reciproco e la consapevolezza delle abilità uniche di ciascun membro. Quando una famiglia lavora insieme come un team, può affrontare le sfide della vita con forza e resilienza, costruendo un futuro migliore per tutti i suoi membri.

Se sei interessato ad approfondire argomenti dedicato al coaching, entra nel nostro gruppo dedicato

https://www.facebook.com/groups/277857070935165/

Vuoi che la tua scuola/universitàa sia il Scuola/università più quotato a Piacenza?

Clicca qui per richiedere la tua inserzione sponsorizzata.

Ubicazione

Indirizzo


Piacenza
Altro Istruttore di fitness e sport Piacenza (vedi tutte)
Spazio24asd Spazio24asd
Via Mia
Piacenza, 29122

KangooClub Serena KangooClub Serena
Piacenza, 29010

Serena official instructor kangoo power™ a piacenza. ♦️scuola di ballo latin lover: via emilia eat, 32a, 29010 San Nicolò PC ♦️

Apnea Piacenza Apnea Piacenza
Piacenza
Piacenza, 29121

Gruppo aperto per appassionati di Apnea e Pescain Apnea di Piacenza

RE Nero Competitor Program RE Nero Competitor Program
Strada Montecucco 84
Piacenza

�RE NERO Competitor Program� È una programmazione per performance dedicata al CrossFit. Coach @pierluigipasini @crossfitfarnese @pesisticafarnese

Valeo Fitness Valeo Fitness
Piacenza

🏋️ Trainer Certificato per Aiutarti a Raggiungere i Tuoi Obiettivi 💪 Allenamenti online zoom Allenamenti dal vivo a Piacenza

Beth Fitness Vegan Beth Fitness Vegan
Piacenza, 29122

Sono una personal trainer, miglioro il tuo corpo e il tuo mindset con programmi specifici.