La leggenda del santo pensatore

La leggenda del santo pensatore

Filosofia e Politica dinamica a scopo informativo. Chiunque è interessato a fare l'admin ci contatti in privato. La pagina cambia
Questa pagina si pone il compito di demolire il pensiero utilitaristico e consumistico che nella storia è riuscito ad evolversi, nella logica mercantilistica (borghese), producendo l'attuale inedia di pensiero; con l'obiettivo di riuscire a condurre il pensiero umano, non lascivo di contenuto, attraverso l'apprensione di "nozioni vitali", residue, che o sono state sabotate dall'attuale establishment per mezzo di campi d'informazione di regime o sono stati rimossi durante il tempo di indottrinamento.

15/02/2019

Attacco Eclettico

Metti mi piace e condividi
Fai crescere questa esperienza comunicativa
Radio libera

Attacco Eclettico è un programma radiofonico trasmesso sui 105.7 FM di Radio Ciroma, storica stazione nel cosentino.
Condotta da Francesco Guzzo Magliocchi .AE è un programma versatile , mimetico, nonché progetto sperimentale nel cam

09/12/2017

Novara ANTIFA

I media manipoleranno le notizie, come quando sono riusciti a manipolare le menti. Innescheranno la paura, che riescono ad innescare, perché è programmato, che voi vi spaventiate. Useranno la parola "terroristi" per definire chi lotta contro i governi demo-tirannici. Anche Aristotele (aristocratico goffo e impacciato) ricordava che la forma degenerativa della democrazia è la tirannia. Daranno dei "terroristi" a donne, uomini, che provano a difendere ed agiscono per il futuro dei propri figli, ed in misura maggiore della specie. Faranno passare la notizia, come se la FAI (federazione anarchica informale e non federazione anarchica italiana), agendo di proprio pugno, sono come ISIS. Perché se si tratta di contenere gli sproporzionati abusi di potere, non si può travisare la notizia. Siamo in una fase storica molto peculiare, in cui la crisi (capitalistica) che ha prodotto austerità, e misure sempre più repressive di potere, tendono al necessario recupero dei diritti inviolabili dell'uomo, sanciti universalmente. Che poi ogni fascista celato e complessato venga a farmi la morale, mi attendo pure che non comprenda. Il potere di comprendere è indispensabile. Che la polizia ci controlli è un dato di fatto. Con questo post non sto uccidendo nessuno oggi. Perché la guerra è becera, e non la vogliono i poveri, ma i ricchi, che non muoiono e usano i poveri. La guerra non è lo strumento con cui vogliamo risolvere le contese, perché a ciò ne è della vita dei civili, dei bambini , con cui si sta cercando di lavorare per la conquista della libertà "creativa" per costruire un futuro senza catene, senza frontiere. La vera fratellanza. Non vogliamo il male di questa umanità, ma solo questa umanità può liberarsi dal peso opprimente del controllo. I prossimi redenti sarete voi, se soltanto vorrete esserlo. I dogmi lasciateli alla Chiesa. Il bisogno di comunicazione e organizzazione è indispensabile.

In tempi di pace sociale e di attendismo non c’è migliore risposta che l’azione. Uno stimolo, una continuità e uno scossone per svegliare chi dorme.

Agire di propria iniziativa rompe l’attendismo e l’immobilità e incendia coloro a cui ribolle il sangue.

La prassi anarchica dell’attacco deve essere lo stimolo base dell’anarchia, altrimenti è un morto che cammina. Un agire necessario a renderci vivi nei modi che riteniamo opportuni, fuori da ogni programma, struttura gerarchica e verticistica. Una tante pratiche rivoluzionarie sono parte dell’anarchismo nelle sue viscere.

Abbiamo deciso di prendere in mano la nostra vita rompendo la pace opprimente che ci circonda.

La notte del 6/7 dicembre è stato collocato nella caserma dei carabinieri del quartiere San Giovanni, Roma, termos acciaio con 1,6 kg di esplosivo.

Le nostre attenzioni si sono riversate verso i principali tutori dell’ordine mortifero del capitalismo: le forze dell’ordine. Senza di esse i privilegi, le prepotenze, le ricchezze accumulate dai padroni sarebbero nulla. Perche’ hanno da sempre la funzione di reprimere, incarcerare, deportare, torturare, uccidere chi per scelta o necessita si ritrova al di fuori della loro legge.

La lotta contro lo Stato non e’ semplice e non si riduce a formule magiche. Ma gli obbiettivi ci sono e non si possono sempre fare teorie e chiacchiere di convenienza. Ogni individuo libero per desiderio e necessità mette in campo l’azione, qui ed ora. Non c’è delega nella lotta per la libertà.

Non bisogna lasciarsi prendere dallo sconforto che questi tempi instillano a dosi massicce.

Cosa sarebbero stati questi anni se una minoranza di refrattari non avesse preso in mano la fiaccola dell’anarchia? Se queste/i compagne/i avessero aspettato tempi migliori? Ne sa qualcosa l’allora presidente della Commissione Europea a cui è stato rovinato il Natale. Ne sa qualcosa il vampiro di equitalia, mutilato di alcuni dei suoi artigli. Deve averlo sentito forte alle gambe il calore della fiaccola dell’anarchia lo stregone dell’atomo dell’Ansaldo Nucleare.

Oggi siamo noi a prendere in mano la fiaccola dell’anarchia, domani sarà qualcun altro. Purché non si spenga!

Chi vuole guardare resterà a guardare. Chi non vuole agire giustificandosi politicamente, continuerà a non farlo. Non stiamo aspettando alcun treno della speranza, non aspettiamo tempi maturi. Le condizioni si muovono con lo scontro. Il movimento è tale se agisce, se no sta fermo. L’emancipazione dell’individuo dall’autorità e della sfruttamento è fatta dai diretti interessati.

Eppure chi attacca contagia chi sente una pulsione. Questo vuol dire propaganda col fatto.

Contro sbirri, politici e loro tirapiedi. Contro ingegneri della scienza e dell’industria. Contro tutti i padroni, ma anche contro tutti i servi. Contro la schiera dei cittadini onesti della società-galera.

Non ci interessa perdere tempo ed energie nella critica dei riformisti… Pur non considerandoci una minoranza elitaria, come anarchici abbiamo le nostre azioni e le nostre rivendicazioni. La nostra propaganda. Ogni individuo e gruppo di affinità sviluppa e accresce le proprie esperienze nel legame fraterno. Senza alcuno specialismo e senza voler imporre un metodo. Noi abbiamo scelto questo. Che ognuno trovi la sua strada nell’azione. L’organizzazione gerarchica strutturata oltre a uccidere la libertà dei singoli, rende anche più esposti alla reazione della repressione.

L’organizzazione anarchica informale è lo strumento che abbiamo ritenuto più opportuno in questo momento, per questa specifica azione, perché ci permette di tenere insieme la nostra irriducibile individualità, il dialogo attraverso la rivendicazione con gli altri ribelli, e infine la propaganda veicolata dall’eco dell’esplosione.

Non è non vuole essere uno strumento assoluto e definitivo.

Un gruppo di azione nasce e si sviluppa sulla conoscenza, sulla fiducia. Ma altri gruppi e singoli possono condividere, anche solo temporaneamente, una progettualità, un dibattito, senza conoscersi di persona. Si comunica direttamente attraverso l’azione.

L’azione diretta distruttiva è la risposta elementare di fronte alla repressione. Ma non solo. La prassi anarchica è anche un rilancio, una proposta che va altre la solidarietà, rompendo la spirale repressione-azione-repressione. Le azioni di solidarietà sono importanti, ma non possiamo rinchiuderci nella critica, per quanto armata, di qualche operazione repressiva o di qualche processo.

I/le compagni/e prigionieri/e sono parte della lotta, ci danno fianco e ci danno forza. Ma è necessario agire e organizzarsi. L’avanzare dello sviluppo tecnologico, le politiche di controllo e repressione non danno molti margini di valutazione sul che fare. Si sta ridisegnando la vita e la repressione nelle metropoli. Muoversi, agire, può diventare sempre più complicato.

Al contrario degli “scontri” spesso preannunciati da una certo antagonismo, l’imprevedibilità è l’arma migliore contro la società del controllo. Colpire dove non ti aspettano. Oggi colpiamo nel cuore della capitale militarizzata per sfidare i deliri securitari. Domani chissà, magari in periferia dove non immaginate. Non dare tregue, ma scegliere noi i tempi. E’ da sempre il principio della guerriglia metropolitana. Con la differenza che la cospirazione delle cellule informali non conosce gerarchie e direzioni strategiche. E per questo è ancora meno prevedibile.

Lo stato italiano è all’avanguardia delle politiche repressive e militari. Per collocazione geografica si trova spesso a fare il lavoro sporco per difendere i confini della fortezza europea.

I recenti accordi del ministro Minniti coi sanguinari colonnelli libici ne sono la prova recente. Raggiunto il numero di schiavi necessari “sfruttiamoli a casa loro” oltre ad essere popolare è pur sempre un buon affare.

La notte scorsa abbiamo portato la guerra a casa del ministro Minniti. I diretti responsabili in divisa, coloro che obbediscono tacendo e tacendo crepano, hanno ricevuto un assaggio di quello che si meritano.

Con questa azione lanciamo una campagna internazionale di attacco contro uomini, strutture e mezzi della repressione. Ognuno con lo strumento che ritiene più opportuno e se lo desidera contribuendo al dibattito.

FEDERAZIONE ANARCHICA INFORMALE – FRONTE RIVOLUZIONARIO INTERNAZIONALE
Cellula Santiago Maldonado

Dedichiamo questa azione all’anarchico argentino rapito e assassinato dai sicari della Benetton. Che venga presto il giorno in cui a sparire dalla faccia della terra finalmente saranno gli oppressori.

30/11/2017

InfoAut

Ieri, mentre Repubblica strillava contro il nazismo a Como, melliflui funzionari italiani interloquivano con gli “amici libici”, quelli dei campi schiavistici, per concretizzare i dettagli di una partnership che affidi loro la gestione, lautamente retribuita, dei flussi migratori in direzione dell’Europa.

Perché, in fondo, nel megafono catodico italiano c'è posto per tutti: fascisti in doppiopetto, fascisti del terzo millennio, fascisti col cranio rasato. Purché siano fatte salve le apparenze.

lantidiplomatico.it 26/11/2017

Turchia: Trump ha accettato di bloccare le forniture di armi ai curdi in Siria

Trump e Erdogan. Intesa criminale. Gli Stati Uniti per richiesta di Erdogan bloccano gli approvvigionamenti di armi e munizioni alle YPG, che liberando Raqqa hanno indebolito Isis e costretto alla ritirata. Questa strategia criminale, potenzierebbe Isis, indebolito dai rivoluzionari e dagli internazionalisti delle YPG e YPJ. La stessa Turchia che perseguita le minoranze curde, e fa passare oltre i suoi confini i miliziani dell'Isis per uccidere i curdi. Il Pkk (partito dei lavoratori curdi) definito terrorista da Erdogan ( coda di paglia). Erdogan è il vero terrorista, insieme al simbolo del capitalismo per antonomasia Donald Trump. Gli stessi Stati Uniti che curano i propri interessi in quei focolai di guerra. Con l'Europa complice che fomenta la paura in Occidente per i daesh. Turchia che tra l'altro tiene prigioniero il leader rivoluzionario curdo Ochalan nell'isola prigione di Imrali, isolato, ed impossibilitato ad avere contatti, fra torture disumanizzanti. Ochalan, venduto dal ministro Marco Minniti nell'allora governo d'Alema al governo turco. I terroristi ce li abbiamo in casa. L'invasore sventola la bandiera della nostra Nazione. L'Italia che vende armi all'estero, dirette ai daesh. Quando entrerà il mondo intero in rivoluzione?

Solidarietà per il Kurdistan

lantidiplomatico.it L'antidiplomatico - Liberi di svelarvi il mondo

[11/25/17]   "Nel rapporto verso la donna, preda sottomessa alla libidine della comunità, è espressa la smisurata degradazione dell'uomo. Dal rapporto dell'uomo con la donna si giudica il grado di civiltà."
Karl Marx

19/11/2017

Pasolini e l'omologazione del nuovo fascismo.

Società dei consumi: La TV; "idioti", come ogni espressione ufficiale...

Acune considerazioni illuminanti di Pasolini sulla condizione attuale della società dei consumi.

ciroma.org 09/11/2017

Sciopero generale:domani gli studenti cosentini in piazza. – Ciroma

ciroma.org comunità, cosenza, Politics Sciopero generale:domani gli studenti cosentini in piazza. 9 novembre 2017 10:47 by redazione Views: Domani,10 novembre, gli studenti cosentini parteciperanno allo sciopero generale indetto dall'Unione Sindacale di Base e dai COBAS con un corteo che partirà alle ore 9:30…

imigliori.org 09/11/2017

Svolta TUMORE, il Nobel per la medicina: ”So di cosa si nutre, non mangiate mai questi cibi…” - Imigliori.org

“Che il cibo sia la tua medicina, la medicina sia il tuo cibo”.
Ippocrate (il padre della medicina)

imigliori.org La causa primaria del cancro è dovuta al cibo: mai mangiare alimenti acidificanti. Nel 1931 lo scienziato tedesco Otto Heinrich Warburg ha ricevuto il Premio Nobel per la scoperta sulla causa primaria di cancro. Proprio così. Ha trovato la causa primaria del cancro e ha vinto il Premio Nobel. Otto h...

lastampa.it 19/10/2017

Africa, nel Sahel a causa della siccità si prepara la più grande migrazione della storia

lastampa.it I ricchi inquinano, i poveri pagano. Tassi di fertilità troppo alti. Demografi: mancano i contraccettivi

uikionlus.com 17/09/2017

Dal 15 settembre … attacco nero su Kobane, l’equilibrio è cambiato

uikionlus.com Dal 15 settembre … attacco nero su Kobane, l’equilibrio è cambiato Posted date: September 15, 2017 L’ampio e prolungato attacco lanciato dai mercenari dell’ISIS contro il cantone di Kobane, a metà settembre del 2014, era stato preparato da diversi sviluppi sul campo sia in Siria sia nel vicino Iraq…

tuttaunaltrascuola.it 11/09/2017

Scuola, rivoluzione a Milano -

“Noi adulti abbiamo cancellato dentro di noi i linguaggi per comunicare con loro. I bambini ci disturbano. Vorremmo lasciarli il più possibile a scuola. Una società arrivata a questo punto è una società destinata a finire e assomiglia alle società totalitarie. Questa società fa paura perché sta spezzando i legami tra generazioni. I bambini non hanno fatto nulla di male e già vengono puniti e multati a scuola. Alla nostra società non resta che cercare di reinterrogarsi. Ho molta fiducia nel potere dell’educazione. I nostri governi sembrano ignorarla ma non è così, in realtà hanno interesse che il sistema resti tale.”

tuttaunaltrascuola.it Una scuola dove si stimola l’intelligenza concreta, senza materie né mura, partecipata da un quartiere educante. È il progetto presentato a Milano. Allo spazio Base a Milano sabato 9 settembre il progetto della scuola “gaia e diffusa” è stato presentato da Francesca

infoaut.org 19/06/2017

Cosenza: Minniti all'università, cariche su studenti e attivisti

infoaut.org Minniti si presenta all'università di Cosenza per un convegno. Fuori studenti e attivisti che volevano entrare e prendere parola vengono caricati più...

19/06/2017

Il Fatto Quotidiano

Oggi all'Unical un ministro del Partito Demagogico è stato invitato dal suo amico di tessera il rettore Crisci, che sembra essersi impossessato dell'Unical e credendo di fare ciò che meglio crede, senza considerare gli studenti. Oggi l'Unical ha assistito al più forte trauma da quando venne fondata. Minniti venuto per una farsa sull'intelligence e la sicurezza, come se non bastasse la decorosità ha raggiunto livelli ampollosi. Un ragazzo che come altri manifestanti era presente alla contestazione, è stato ferito dalle cariche selvagge e meschine di un violento e frustrato sbirro prezzolato da noi stessi; niente di grave per fortuna contusioni e tagli sul viso.
Un atto indecente quello di militarizzare le Università. Queste scene non dovrebbero assolutamente presenti, L'Italia sempre più in cerca di decorosità decade nei suoi stessi piani scadendo in indecorosità.
Fuori Minniti dalle Università

#decoro #legalità #fuoriminnitidallecittà

Il ministro Minniti contestato da un gruppo di studenti. Guardate cosa accade [VIDEO]

internazionale.it 29/05/2017

La Cina trasforma la globalizzazione

Trasformazioni sociali e impatto geopolitico di una Nazione che emerge lindamente.

internazionale.it Il progetto della nuova via della seta serve a Pechino per mantenere il suo ruolo di investitore globale dall’Europa all’Africa, superando gli Stati Uniti. Leggi

Emplacement

Type

Adresse


Mondo
Autres École à Mondo (voir toutes)
Creare insieme a  scuola. Creare insieme a scuola.
In Ogni Luogo
Mondo

“Non permettere mai che qualcuno venga da te e vada via senza essere migliore e più contento.” (Madre Teresa)